Philips Citiscape Downtown

mentalrey

Utente Èlite
2,805
555
CPU
20 - Xeon E7-4850
Dissipatore
stock
Scheda Madre
10 - Cisco UCS Blade
Hard Disk
Netapp MetroCluster 160 terabyte
RAM
2.4 terabyte
Scheda Video
none
Scheda Audio
Scarlett 18i8
Monitor
none
Alimentatore
stock redundant
Case
Cisco UCS blade chassis
Periferiche
Fiber Interconnect - Cisco N9k
Internet
100gigabit
Sistema Operativo
redhat - centos - debian - win
Come richiesto, ecco qui una considerazione su queste cuffie da
passeggio / smartphone / lettore mp3


Philips CitiScape DownTown - Marrone-Nero

Si trovano facilmente anche in altre due colorazioni, una un po' più apple style
e una un tantinello più vivace, un viola bello sparato.
Grigio chiarissimo Viola

Ma ho notato che gironzolando se ne trovano anche altri tipi
che sembrano in tinta con jeans blu scuro e neri.
http://dynamicinventions.com/wp-content/uploads/2013/10/Philips-1.jpg
http://ecx.images-amazon.com/images/I/81TRs98tuGL._SL1500_.jpg

Costo
Molto variabile, in italia le ho potute vedere anche al di sopra dei 70 euro,
ma si riesce a trovarle sui 55 e dulcis in fundo, se fate un acquisto dalla versione iberica
della solita amazzone, le riuscite a reperire a 38 euro più spedizione. (46 circa in totale)
Spedizione internazionale tra le altre cose abbastanza rapida, visto che le avevo ordinate domenica sera
e alle 15 di mercoledì le potevo scartare.
Trattandosi di prezzi di quando le cuffie erano da poco sul mercato,
probabilmente le troverete anche a meno.


Tipologia
Si tratta di una cuffia sovraurale (appoggia direttamente sull'orecchio),
quindi con tutti i pro e i contro di questa dipologia di cuffie
ed è progettata chiaramente per piazzarsela in testa uscendo di casa con un telefono,
in quanto è dotata anche di un buon microfono sul cavo e di relativo tasto per rispondere.
Secercate delle circumaurali restando nella stessa tipologia di utilizzo, direi di andare a guardare
le UpTown, che sono le sorelle maggiori, o le Creative Aurvana Live (prima versione), se siete
interessati ad un utilizzo più casalingo.


Aspetto
Che dire, abbastanza stilosa e con la sensazione di sembrare meno plasticosa di
altri concorrenti sul mercato. L'archetto è in metallo, che sembra alluminio spazzolato,
accoppiato ad un sottostrato di materiale nero che stà tra il gommoso e il vellutato.
La copertura dell'archetto è composta da un unico pezzo di stoffa sintetica, che si ripiega
sull'archetto e ha due bottoni per aggnaciarvisi,
anch'essa ripiena di qualcosa di semimorbido, che non andro' mai a guardare
perche' dovrei tagliare la stoffa stessa.
La coppa che contiene i driver è invece in una pastica che sembra un abs molto resistente
e i padiglioni sono in una similpelle contenente del Foam molto morbido
cosiddetto a memoria di forma, quindi tende ad adattarsi abbastanza in fretta alla forma
delle vostre orecchie.
Il cavo è piatto e quindi è difficile da annodare e soprattutto si snoda quasi in automatico,
ottimo, se ripenso alle Sennheiser CX300, passo ancora il tempo a dire parolacce al riguardo.
la presa minijack a 4 sezioni è ad angolo retto e su quello le CX ci avevano preso, è una tipologia
di connessione che con i telefoni e i lettori portatili si sposa meglio, dato che i minijack dritti
tendono irrimediabilmente a piegarsi quando messi in tasca, fino a che morte non sopraggiunga
:sisi:
e qui potrei andare a discutere con la marshall e i suoi Marshall Minor da 65 euro, ottimo suono
ma con problemi al jack già dopo un mese di vita nonostante un trattamento da principessina.
Spessore della presa? mmm forse si poteva fare di meglio, non si può certamente dire che sia
eccessivamente spessa. Si spera che il tempo gli dia ragione come ha fatto con le CX,
che sono sopravvissute per anni nelle tasche... (prima di uno scontro con il gattino).
il Minijack

Comfort
Calzano bene, sono comode e l'archetto si allrga in una settimana, per trovare
qualcosa di decisamente più comodo ho dovuto scomodare le Momentum On ear.
il cuscinetto è morbidissimo e in effetti ho provato a portarle anche due ore e mezzo di seguito,
ma come per ogni sovraurale che si rispetti, le ho spostate almeno 2/3 volte.
Non sono delle Circumaurali, che a mio parere rimangono imbattibili da quel punto di vista.
Va detto però che difficilmente andrò in giro con delle padelle grosse come
le BeyerDynamic DT990, o peggio le AKG K550, devo usarle con il telefono
magari in luoghi affollati e "medio-piccolo" è il massimo formato che intendo portarmi in giro.

e ora passiamo alla parte succosa
Suono e islolamento
Tenete conto che ormai ho fatto l'abitudine a un paio di cuffie aperte da circa 150 euro,
con un carattere che è l'inverso di queste, quindi non sarà un susseguirsi di frasi da strappacapelli,
ma nemmeno di biasimo, cerco di valutare il prodotto per quello che costa.

L'isolamento della cuffia camminando per strada è buono, i rumori delle auto
e parlo della circonvallazione di milano alle 18, vengono attenuati al punto di poter usare
un volume intermedio per gli ascolti, ma non al punto da non sentire un incidente a 10 metri da voi.
Se il treno e l'autobus non risulteranno un problema, probabilmente l'eccessivo rumore del metrò
vi farà alzare un po' il volume. Mentre in casa, vi toccherranno la spalla e vi verrà un infarto.
I complimenti vanno sicuramente al sistema di smorzamento della musica verso l'esterno,
anche in un ambiente poco rumoroso e con un volume intermedio,
la mia ragazza ad un metro non sentiva nulla.

Ho fatto gli ascolti con il telefono, un Find 5 della Oppo, che ha una sezione audio abbastanza buona
e a differenza di altri telefoni, oltre al settaggio base vanta anche equalizzatori Dirac e Dolby.
Sul PC agganciando la cuffia alla Esi Juli@ con il Docet cuffia Amp e anche ad un Kama Bay 1100
per andare ad utilizzare qualcosa che non fosse cosi' fuori scala come il Docet.
Materiale trattato, dalla classica alle colonne sonore di cui sono un patito, per passare a Muse,
PinkFloyd, un po' di blues, Iron e già che c'ero anche del DubStep.
(Muse e DubStep sono stati testati anche in MP3 oltre che in Flac come per tutto il resto del materiale
e in generale i muse sono quelli che più mi hanno divertito con queste cuffie, Panic Station in particolare)

Il carattere della cuffia è da considerarsi morbido, quindi non troverete particolari enfasi
sulle frequenze alte per cercare il dettaglio, piuttosto avrete l'impressione di un suono corposo
in cui le voci saranno in risalto e devo ammetterlo si sentiranno dei bei *****tti sulla grancassa.
La cuffia ha tutta la gamma delle frequenze basse molto omogenea e solo lievemente in risalto,
sono rimasto abbastanza stupito in effetti della resa sui bassi rispetto al costo della cuffia,
non tanto per il riempimento che non è aggressivo, ma per quanto riesco a percepire
le frequenze più basse.
C'è una gobbetta per quanto riguarda i medi tra gli 800 e i 1200Hz, motivo per il quale
le voci sono in risalto (aiuta nelle telefonate che sono senza equalizzazione).
A differenza di Beyerdynamic e Akg, i 10Khz non sono enfatizzati, la scelta è ricaduta sui 15Khz,
non saprei dire quanto sia una scelta azzeccata o meno, ma chiaramente il suono con canzoni
con dinamica compressa non va ad afffaticare l'udito
(musica da discoteca, album rimasterizzati e in generale dischi Rock moderni e pop),
come invece puo' accadere con le DT990, meno amanti di quel tipo di manipolazione,
di contro c'e' meno apertura sui piatti.
La cuffia si presta molto all'equalizzazione cambiando radicalmente carattere, soprattutto in gamma bassa
dove impostando il Dolby con bassi e alti in modalità, che loro considerano "natural"
le cuffie cominciavano a picchiare, fino ad arrivare all'eccesso con alcune equalizzazioni preimpostate.
Sul PC ho trovato il settaggio che mi soddisfa con qualcosa di molto meno estremo, sono bastati
2db in meno sui 1000Hz e 2db in più sui 10.000, settaggio dovuto più al fatto che sono abituato
al suono delle DT 990 Pro, che altro, in caso contrario vi abituerete al loro suono in circa 15 minuti.
La DownTown risponde bene anche ad un eventuale amplificaizone, dando qualcosa in più nella definizione
degli strumenti e nell'articolazione della gamma bassa, si adatta meglio al più economico kama 1100,
piuttosto che al Docet, dato che parliamo di soli 32 Ohm di impedenza e che con il telefono,
a meno di non parlare di uno di quelli con un uscita cuffie molto povera, si raggiungono già livelli
di volume molto elevati.
La scena sonora non è quella enorme di una cuffia Circumaurale aperta, il suono è decisamente
più intimo, ma è anche molto meglio degli auricolari che ho potuto provare, compresi i
Marshall Minor da 60 e passa euro. Il suono non è assolutamente sparato nel cervello.
Per chi se lo sta chiedendo, ebbene si, anche con queste cuffie agganciate ad un discreto dac,
o scheda audio, si comincia a sentire la compressione dei brani in mp3 e i flac risultano più godibili.

Conclusione (era ora direte voi)
Ritengo che Philips abbia centrato esattamente il segno,
ossia una cuffia di bell'aspetto, ma sobria, facile da pilotare con qualsiasi apparecchio,
con una propensione a valorizzare le voci, sia nell'ascolto di musica, che durante le telefonate,
dal suono bilanciato e che può essere utilizzata con musiche anche dall'elevata compressione dinamica,
senza affaticare.
E' una cuffia per gli amanti delle Beats e del tutto bassi? No è più bilanciata.
Potrebbe essere più trasparente come suono? Si, ma al prezzo di un maggiore affaticamento
nell'ascolto, o di un sostanziale aumento nel costo dei coni, che ritengo essere appannaggio
della serie Fidelio con le M1.
45/50 euro circa, è un prezzo onesto per l'italia
70/75 è un costo eccessivo e c'è di meglio a cui guardare
Se le trovate a 35 euro, direi che sono un bang for the buck.

Spero di esservi stato utile e di non aver annoiato troppa gente
:look:

- - - Updated - - -

Cosa intendo come compressione dinamica del suono,
(che non è la compressione dei dati mp3)
E' l'appiattimento degli sbalzi di volume in una canzone, in favode di un elevato volume su tutto.
Si vede bene nelle due foto qui sotto, che ritraggono lo stesso brano fornito in HD
a 96Khz e 24 bit e poi estratto da un CD del supermercato,
nel quale si nota chiaramente (e si sente) un maggiore schiacciamento verso l'alto del volume
per renderlo più leccato e appariscente nei primi ascolti, ma che alla lunga
se usate cuffie dettagliate, vi farà cambiare brano.

http://www.mentalrey.it/amplificazione/senza_compressione_dinamica.png
http://www.mentalrey.it/amplificazione/con_compressione_dinamica.png
 
Ultima modifica:

Entra

oppure Accedi utilizzando

Discussioni Simili

Hot del momento