Che tester compro?

giulore

Utente Attivo
726
132
CPU
i5-6600k
Dissipatore
H75i
Scheda Madre
Asrock Z170 Pro Gaming I7
Hard Disk
SSD Crucial M550
RAM
16GB ddr4-3000
Scheda Video
Intel HD530
Scheda Audio
Intel
Monitor
Philips 23IT
Alimentatore
CoolMaster GX650W
Case
Sharkoon
Periferiche
Ricoh SP277SNwX
Internet
ADSL-HoMobile-Vodafone
Sistema Operativo
Win7- Win10
Normalmente fusibili per correnti > 20A sono sulle parti ad alto assorbimento o dove ci sono i motori, tipo alzavetri, pompa del carburante, tergicristallo perchè i motori alla partenza o sotto sforzo assorbono più corrente del normale.
Col tester ci fai poco, se c'è un corto dove c'è un assorbimento di 25-30A avrai circa 0,4 ohm di resistenza che con un tester economico difficilmente riesci a misurare, puoi vedere solo se tra la misura unendo i due puntali e quella fatta sull'auto c'è diìfferenza ma non è detto si riesca a stabilire se solo sovraccarico o cortocircuito, dato che si va a misurare anche la resistenza dei fili dell'impianto dell'auto.
Le pinza amperometriche usano il principio del trasformatore per la misura, quindi se non c'è variazione di campo magnetico ( causato dalla corrente alternata che passa in un filo ) non riescono a misurare nulla, e se non sono di buona qualità non servono a granchè.

Per la batteria dell'auto stesso discorso, se non misurano correttamente si può valutare male una batteria o addirittura l'alternatore. Per esempio se il tester quando la macchina è in moto misura 13,7V o qualcosa di meno si può pensare che la carica non sia buona e quindi c'è un problema di batteria e/o di alternatore, ma se il tester nisura 0,5-0,9 Volt in meno abbiamo il problema, come per lo stato di carica della batteria, sotto i 12,5V la batteria ha bisogno di essere ricaricata ma se il tester misura con un errore di + o - 0,5V possiamo avere un problema.

L'RMS è il valore efficace della misura, per esempio se usi una tenione sinusoidale 50Hz di valore massimo pari a 311V su un carico di 100 ohm oppure sullo stesso carico usi una corrente continua di 220V avrai la stessa potenza dissipata .
Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi .

Al link qualche info .


.
Post automaticamente unito:

La pinza amperometrica può anche corrente continua, ma usando i puntali ( per quelle che lo prevedono ) non "la pinza " chiusa sul cavo dove passa corrente continua.

.
 
  • Mi piace
Reactions: Avets

quizface

Utente Èlite
9,942
3,013
Ah ok, però all'inizio parlava di tester che misurano la corrente.
Chiedo solo una cosa, quelli senza pinze, bisogna metterli in serie per misurare la corrente ?
Si va messo in serie, ma nel caso che ci sia un fusibile (che e' gia' in serie di suo ) basta togliere il fusibile e mettere i puntali ai capi del portafusibile.

E' una mitsubishi spacestar, ora non so l'anno, però è vecchia. Quindi secondo voi il 40A l'avevano messo per tamponare un guasto già presente?



Guarda il ponte l'ho provato comunque con un fusibile maschio in mezzo e del nastro isolante non per risolvere il guasto ma solo per accertarmi che quel fusibile fosse la causa sia di luci che freccia. Ovviamente non ha funzionato ed è saltato il fusibile, però non ho bruciato l'auto, phew

C'era una problema col filo della messa a terra e quello l'ho sistemato.
Controlla se e' questa https://cardiagn.com/themencode-pdf...mxhbmc9ZW4tVVM=#page=&zoom=auto&pagemode=none
 
  • Mi piace
Reactions: Avets

GraveKeeper

Utente Èlite
2,952
1,228
CPU
Intel Core i5 7200u (2 Core - 4 Threads)
Scheda Madre
HP 84A7
Hard Disk
128gb Samsung M.2 + 1tb Hitachi 5400rpm
RAM
1x8gb 2400Mhz
Scheda Video
NVIDIA GeForce MX110 2gb ddr3
Monitor
Schermo HD 1366x768
Case
HP Notebook 15-da0134nl
Periferiche
Studio Monitor Speakers Presonus Eris E3.5
Sistema Operativo
Windows 10 Home 64-bit
Si va messo in serie, ma nel caso che ci sia un fusibile (che e' gia' in serie di suo ) basta togliere il fusibile e mettere i puntali ai capi del portafusibile.


Controlla se e' questa https://cardiagn.com/themencode-pdf...mxhbmc9ZW4tVVM=#page=&zoom=auto&pagemode=none
L'auto dovrebbe essere del 2000 e non del 99, anche se non penso ci sia grande differenza

Normalmente fusibili per correnti > 20A sono sulle parti ad alto assorbimento o dove ci sono i motori, tipo alzavetri, pompa del carburante, tergicristallo perchè i motori alla partenza o sotto sforzo assorbono più corrente del normale.
Col tester ci fai poco, se c'è un corto dove c'è un assorbimento di 25-30A avrai circa 0,4 ohm di resistenza che con un tester economico difficilmente riesci a misurare, puoi vedere solo se tra la misura unendo i due puntali e quella fatta sull'auto c'è diìfferenza ma non è detto si riesca a stabilire se solo sovraccarico o cortocircuito, dato che si va a misurare anche la resistenza dei fili dell'impianto dell'auto.
Le pinza amperometriche usano il principio del trasformatore per la misura, quindi se non c'è variazione di campo magnetico ( causato dalla corrente alternata che passa in un filo ) non riescono a misurare nulla, e se non sono di buona qualità non servono a granchè.

Per la batteria dell'auto stesso discorso, se non misurano correttamente si può valutare male una batteria o addirittura l'alternatore. Per esempio se il tester quando la macchina è in moto misura 13,7V o qualcosa di meno si può pensare che la carica non sia buona e quindi c'è un problema di batteria e/o di alternatore, ma se il tester nisura 0,5-0,9 Volt in meno abbiamo il problema, come per lo stato di carica della batteria, sotto i 12,5V la batteria ha bisogno di essere ricaricata ma se il tester misura con un errore di + o - 0,5V possiamo avere un problema.

L'RMS è il valore efficace della misura, per esempio se usi una tenione sinusoidale 50Hz di valore massimo pari a 311V su un carico di 100 ohm oppure sullo stesso carico usi una corrente continua di 220V avrai la stessa potenza dissipata .
Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi .

Al link qualche info .


.
Post automaticamente unito:

La pinza amperometrica può anche corrente continua, ma usando i puntali ( per quelle che lo prevedono ) non "la pinza " chiusa sul cavo dove passa corrente continua.

.
Mi piacerebbe dirti di aver capito tutto, se potessi
 
  • Mi piace
Reactions: Avets

Avets

Utente Èlite
2,326
1,440
CPU
Ryzen 5 3600x
Dissipatore
Noctua NH-D9L
Scheda Madre
MSI B450I
Hard Disk
SiliconPower NVMe 256Gb
RAM
2x8Gb Ballistix 3600Mhz Cl16
Scheda Video
RX 5500 XT Sapphire pulse
Monitor
Hp 23"
Alimentatore
EVGA Supernova 550 GM
Case
Custom: plexiglass/compensato 8.8Litri
Sistema Operativo
Win 10
Normalmente fusibili per correnti > 20A sono sulle parti ad alto assorbimento o dove ci sono i motori, tipo alzavetri, pompa del carburante, tergicristallo perchè i motori alla partenza o sotto sforzo assorbono più corrente del normale.
Col tester ci fai poco, se c'è un corto dove c'è un assorbimento di 25-30A avrai circa 0,4 ohm di resistenza che con un tester economico difficilmente riesci a misurare, puoi vedere solo se tra la misura unendo i due puntali e quella fatta sull'auto c'è diìfferenza ma non è detto si riesca a stabilire se solo sovraccarico o cortocircuito, dato che si va a misurare anche la resistenza dei fili dell'impianto dell'auto.
Le pinza amperometriche usano il principio del trasformatore per la misura, quindi se non c'è variazione di campo magnetico ( causato dalla corrente alternata che passa in un filo ) non riescono a misurare nulla, e se non sono di buona qualità non servono a granchè.

Per la batteria dell'auto stesso discorso, se non misurano correttamente si può valutare male una batteria o addirittura l'alternatore. Per esempio se il tester quando la macchina è in moto misura 13,7V o qualcosa di meno si può pensare che la carica non sia buona e quindi c'è un problema di batteria e/o di alternatore, ma se il tester nisura 0,5-0,9 Volt in meno abbiamo il problema, come per lo stato di carica della batteria, sotto i 12,5V la batteria ha bisogno di essere ricaricata ma se il tester misura con un errore di + o - 0,5V possiamo avere un problema.

L'RMS è il valore efficace della misura, per esempio se usi una tenione sinusoidale 50Hz di valore massimo pari a 311V su un carico di 100 ohm oppure sullo stesso carico usi una corrente continua di 220V avrai la stessa potenza dissipata .
Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi .

Al link qualche info .


.
Post automaticamente unito:

La pinza amperometrica può anche corrente continua, ma usando i puntali ( per quelle che lo prevedono ) non "la pinza " chiusa sul cavo dove passa corrente continua.

.
Cioè la corrente di casa non oscilla tra +220v e -220v ? :shock:
 

giulore

Utente Attivo
726
132
CPU
i5-6600k
Dissipatore
H75i
Scheda Madre
Asrock Z170 Pro Gaming I7
Hard Disk
SSD Crucial M550
RAM
16GB ddr4-3000
Scheda Video
Intel HD530
Scheda Audio
Intel
Monitor
Philips 23IT
Alimentatore
CoolMaster GX650W
Case
Sharkoon
Periferiche
Ricoh SP277SNwX
Internet
ADSL-HoMobile-Vodafone
Sistema Operativo
Win7- Win10
Non capisco cosa vorresti dire, specifica meglio.

.
 

Avets

Utente Èlite
2,326
1,440
CPU
Ryzen 5 3600x
Dissipatore
Noctua NH-D9L
Scheda Madre
MSI B450I
Hard Disk
SiliconPower NVMe 256Gb
RAM
2x8Gb Ballistix 3600Mhz Cl16
Scheda Video
RX 5500 XT Sapphire pulse
Monitor
Hp 23"
Alimentatore
EVGA Supernova 550 GM
Case
Custom: plexiglass/compensato 8.8Litri
Sistema Operativo
Win 10
Non capisco cosa vorresti dire, specifica meglio.

.
" Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi . "

Credo fosse (anche) questo che (anche) l'op non capiva.

Cioè se attacco un oscilloscopio alla presa di casa, vedo un'onda di ampiazza 600v ?
 

GraveKeeper

Utente Èlite
2,952
1,228
CPU
Intel Core i5 7200u (2 Core - 4 Threads)
Scheda Madre
HP 84A7
Hard Disk
128gb Samsung M.2 + 1tb Hitachi 5400rpm
RAM
1x8gb 2400Mhz
Scheda Video
NVIDIA GeForce MX110 2gb ddr3
Monitor
Schermo HD 1366x768
Case
HP Notebook 15-da0134nl
Periferiche
Studio Monitor Speakers Presonus Eris E3.5
Sistema Operativo
Windows 10 Home 64-bit
Vabbè oh, in conclusione che tester dovrei prendere secondo voi, sperando che abbiate capito un po' meglio la mia situazione?
 
  • Haha
Reactions: Avets

giulore

Utente Attivo
726
132
CPU
i5-6600k
Dissipatore
H75i
Scheda Madre
Asrock Z170 Pro Gaming I7
Hard Disk
SSD Crucial M550
RAM
16GB ddr4-3000
Scheda Video
Intel HD530
Scheda Audio
Intel
Monitor
Philips 23IT
Alimentatore
CoolMaster GX650W
Case
Sharkoon
Periferiche
Ricoh SP277SNwX
Internet
ADSL-HoMobile-Vodafone
Sistema Operativo
Win7- Win10
" Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi . "

Credo fosse (anche) questo che (anche) l'op non capiva.



Cioè se attacco un oscilloscopio alla presa di casa, vedo un'onda di ampiazza 600v ?
Credo fosse (anche) questo che (anche) l'op non capiva. Questa neanche ho capito :boh:



Cioè se attacco un oscilloscopio alla presa di casa, vedo un'onda di ampiazza 600v ?
Si, di ampiezza picco-picco, non meno di 620Vpp .

.
Post automaticamente unito:

Vabbè oh, in conclusione che tester dovrei prendere secondo voi, sperando che abbiate capito un po' meglio la mia situazione?

Se vai da Leroy Merlyn ne trovi a prezzi decenti, marcati GBC ( cinese ora ) .

.
 
  • Wow
Reactions: Avets

quizface

Utente Èlite
9,942
3,013
Vabbè oh, in conclusione che tester dovrei prendere secondo voi, sperando che abbiate capito un po' meglio la mia situazione?
quello che ti ho indicato.
Il tester/multimetro non ti risolve il problema, ti aiuta a capirlo (se lo sai usare). Il problema sei tu che lo devi risolvere.
 

giulore

Utente Attivo
726
132
CPU
i5-6600k
Dissipatore
H75i
Scheda Madre
Asrock Z170 Pro Gaming I7
Hard Disk
SSD Crucial M550
RAM
16GB ddr4-3000
Scheda Video
Intel HD530
Scheda Audio
Intel
Monitor
Philips 23IT
Alimentatore
CoolMaster GX650W
Case
Sharkoon
Periferiche
Ricoh SP277SNwX
Internet
ADSL-HoMobile-Vodafone
Sistema Operativo
Win7- Win10
https://www.amazon.it/dp/B0088MOUL2/?tag=tomsforum-21&linkCode=ogi

Anche questo, ce l'ho preso in un brico a 8 euro qualche anno fa.


.
Post automaticamente unito:

" Alla fine i 220V RMS di casa corrispondono ad un valore massimo di 311V ( tra 0 e picco della sinusoide, 622V tra picco e picco della sinusoide ), chi musura 240V a casa col tester ovviamente avrà 339V circa massimi . "

Credo fosse (anche) questo che (anche) l'op non capiva.

Cioè se attacco un oscilloscopio alla presa di casa, vedo un'onda di ampiazza 600v ?

A scanso di equivoci.....

Non ho idea se qualcuno che legge ha a disposizione un oscilloscopio, in ogni caso non sognatevi nemmeno di collegare la sonda di un oscilloscopio alla rete elettrica direttamente !!


Rischiate di rimanerci e/o di fare un bel botto!!

La massa della sonda dell'oscilloscopio è connessa alla terra !!


Non fate esperimenti con al rete 220V se non avete le giuste informazioni !!

.
 
Ultima modifica:

Entra

oppure Accedi utilizzando

Discussioni Simili

Hot del momento