Recensione Aerocool P7-c1 - Vetro Temperato Per Tutte Le Tasche

Deety

Utente Attivo
694
41
CPU
Ryzen 5 1600
Dissipatore
Wraith cooler
Scheda Madre
X370 gaming pro carbon
HDD
Toshiba 2TB
RAM
Vengeance rgb 3000mhz cl15
GPU
Gtx 1080TI
Monitor
Pg348q
PSU
Cs650m
Case
Phanteks p400s tempere glass
Periferiche
Mionix avior 7000, prossimamente ikbc f87 e superlux hd681evo
OS
Windows 10 pro
Beh non direi, non mi sembra peggio dell'Aerocool.
Se cerchi l'interno dell'Antec GX1200 capisci meglio com'è fatto internamente, da quel punto di vista sono uguali.

Comunque pensandoci un po tornando al confronto p7/s340 elitè c'è da dire che il secondo non ha ne fan hub ne led controller..giusto?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

Deety

Utente Attivo
694
41
CPU
Ryzen 5 1600
Dissipatore
Wraith cooler
Scheda Madre
X370 gaming pro carbon
HDD
Toshiba 2TB
RAM
Vengeance rgb 3000mhz cl15
GPU
Gtx 1080TI
Monitor
Pg348q
PSU
Cs650m
Case
Phanteks p400s tempere glass
Periferiche
Mionix avior 7000, prossimamente ikbc f87 e superlux hd681evo
OS
Windows 10 pro
Esatto.
Infatti è tutta una questione di priorità/gusto estetico.

Korer credo proprio di andare di s340 elite e poi prendere un hue* in futuro con 2 ventole aer egb(il pacchetto diciamo, su amazon a 85 euro, prezzo relativamente buono)
Solo che ora mi chiedo, nel s340 elite nella parte superiore e posteriore possono andarci 2 ventole da 140mm?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

korer621

Utente Èlite
5,263
2,842
Superiore sì, ne sono sicuro. Posteriore non ricordo, magari domani quando torno a casa controllo.
 
  • Like
Reactions: Deety

Deety

Utente Attivo
694
41
CPU
Ryzen 5 1600
Dissipatore
Wraith cooler
Scheda Madre
X370 gaming pro carbon
HDD
Toshiba 2TB
RAM
Vengeance rgb 3000mhz cl15
GPU
Gtx 1080TI
Monitor
Pg348q
PSU
Cs650m
Case
Phanteks p400s tempere glass
Periferiche
Mionix avior 7000, prossimamente ikbc f87 e superlux hd681evo
OS
Windows 10 pro

Umbmor

Utente Èlite
2,281
761
CPU
I7 6700K
Dissipatore
Corsair H80i v2
Scheda Madre
Asrock Z170 OC Formula
HDD
OCZ ARC 100 120gb + WD Green 500gb 5400rpm
RAM
4x4gb HyperX Predator 2666Mhz
GPU
EVGA GTX 780 SC
Audio
Quella della GPU
Monitor
LG Flatron M227WDP
PSU
EVGA G2 650w 80+gold
Case
CM Mastercase Pro 5 + Led
Periferiche
Mionix Naos 7000
OS
Windows 10 Professional x64
Un saluto a tutti gli utenti del forum!
Scrivo queste righe per fare una personale recensione dell’Aerocool P7 C1, un case di recente uscita e di cui ultimamente si scrive e legge tanto, tra le varie discussioni del forum; online si trova qualche review, ma nessuna in lingua italiana, così ho deciso di offrire un servizio alla community, riportando la mia esperienza.
Si tratta di un case con pannello in vetro temperato e controller led, venduto a circa 90 € su Amazon; Aerocool prevede di lanciare altri prodotti della linea Project 7(alimentatori, ventole, dissipatori, case e altro), ma questa recensione analizzerà l’unico prodotto della serie ad oggi lanciato dall’azienda, il case appunto, di cui trovate il link di seguito.

http://www.aerocool.us/project7_case/p7-c1.html

Sarà tutto fumo? Andiamo a scoprirlo!

INTRODUZIONE:
Ho scelto questo case un po’ per caso, su consiglio dell’amico @webbiercoin81: avevo la necessità di sostituire uno Zalman Z3 Plus, dunque ho acquistato – in un primo momento – un Cooler Master Masterbox 5; ottimo case, ma che non mi lasciava pienamente soddisfatto, così ho deciso di affidarmi alla sorte: se fossi riuscito a vendere il Masterbox 5 al prezzo d’acquisto, avrei proceduto al cambio. Non avevo ancora rimosso le pellicole protettive preapplicate (l’ho tenuto neanche una decina di giorni), quindi non è stato difficile venderlo; è durato mezza giornata su un famoso sito di compravendita online, venduto a mano ad un ragazzo della mia zona. Successivamente, ho acquistato questo Aerocool, che analizzeremo nel dettaglio.


SPECIFICHE TECNICHE:
  • Modello: Aerocool P7-C1;
  • Formato: Mid Tower;
  • Materiali: Plastica e Acciaio (spessore 0,6 mm);
  • Formati motherboard supportati: ATX/micro ATX/mini-ITX;
  • Dimensioni: 244,6 x 550 x 446,4 mm (Larghezza x Altezza x Profondità);
  • Bay HDD/SSD: 2x3,5 pollici; 4x 2,5 pollici;
  • Numero slot di espansione: 7;
  • Supporto GPU e Dissipatori ad aria: 375 mm GPU (410 mm senza ventole frontali); 165 mm dissipatori;
  • Porte I/O: 2xUSB 2.0, 2xUSB 3.0; Cuffie, microfono, SD Card Reader;
  • Raffreddamento:
    • Frontale: 3x120 mm oppure 2x140 mm;
    • Superiore: 2x120 mm;
    • Posteriore: 1x120 mm (ventola in dotazione di serie);
  • Radiatori:
    • Frontale: 240/280/360 mm;
    • Superiore: 240 mm;
    • Posteriore: 120 mm;
  • Peso: 8,4 Kg;
  • Supporto alimentatori: ATX;
PACKAGING:
Amazon ha spedito la scatola del case inserita dentro un’altra scatola più grande, proteggendo adeguatamente la confezione originale; non si tratta della classica scatola color avana, ma già dall’esterno capiamo che si tratta di un prodotto di un certo livello.


All’interno, troviamo il case ben protetto da due blocchi in polistirolo, avvolto in una grande busta in plastica; ecco come si presenta il case, rimuovendo il polistirolo ed il cellophane.


Nascoste nel vano copri alimentatore, incastonate nei bay da 3,5 pollici, troviamo due piccole scatole: in una troviamo tutta la minuteria (viti, fascette in velcro, hub per le ventole), mentre l’altra contiene una striscia led RGB magnetica, lunga circa 40 cm; troviamo anche un manuale in varie lingue, tra cui l’italiano; personalmente ho apprezzato molto la scelta di Aerocool, di suddividere le viti in diverse buste di plastica, così da non confonderle durante le fasi di installazione.


ASPETTO ESTERNO:
Ciò che contraddistingue questo case è sicuramente la grande finestra in vetro temperato, in una leggera colorazione fumè, fissata con delle pratiche viti con guarnizione in gomma, che eviteranno rotture indesiderate; il case si fa decisamente notare, grazie anche alla griglia di ventilazione superiore e agli intarsi su essa presenti che favoriscono il ricircolo dell’aria, posti sopra e nella parte bassa dello chassis, ai lati. Le parti in plastica che circondano il case contribuiscono ad aumentarne le dimensioni: infatti, aumentano il volume del P7-C1, coniugando funzionalità ed estetica, e conferendo allo chassis delle linee aggressive che bene si sposano tra loro e con le parti interne, visibili grazie alla grande finestra laterale.

Nella parte frontale, troviamo invece una griglia, circondata da un frame bianco, al di sotto del quale troviamo una striscia led preinstallata, comandata da un controller posto nella parte superiore; quest'ultima è forata per garantire una corretta ventilazione nel caso di installazione di ventole e radiatore. Troviamo inoltre il pannello frontale che, oltre ai soliti pulsanti di accensione e reset, ospita 2 porte USB 2.0, 2 USB 3.0, ingresso microfono, uscita cuffie, card reader per formati SD/micro SD, e 2 tasti a cui si è fatto riferimento in precedenza, necessari al controllo dei led (uno per il colore, l’altro per gli effetti).
Posteriormente non abbiamo sorprese degne di nota: troviamo infatti l’apertura per il PSU, i 7 slot PCI, il foro per l’I/O shield ed una griglia di ventilazione da 120 mm;
Nella parte inferiore, come anticipato, notiamo due supporti (praticamente delle alette) che tengono il case sospeso, per favorire l’ingresso dell’aria all’interno dell’alimentatore; qui è presente un filtro anti-polvere, la cui pulizia risulterà, però, difficoltosa (da tenere presente che non è rimovibile, così come quello superiore).
Il lato opposto alla finestra è completamente liscio e privo di bombature, in colorazione bianco opaco nel mio caso; i materiali sono di buona qualità, non i migliori che abbia mai visto, ma superiori – ad esempio – rispetto a quelli del mio vecchio Z3 Plus.

ASPETTO INTERNO:
Il layout interno del P7-C1 è molto essenziale; notiamo subito una parte sporgente, molto utile per il cable management, dalla quale far passare i cavi.
Sulla cover del PSU sono presenti due bay da 2,5 per gli SSD; dietro ad uno di questi, notiamo un unico foro per il passaggio dei cavi: purtroppo, si rivelerà insufficiente, dal momento che gran parte dello spazio sarà “rubato” dai connettori SATA e di alimentazione necessari al funzionamento dell’SSD, di conseguenza lo spazio necessario al passaggio degli altri cavi sarà ridotto all’osso. Avrei gradito più fori, disposti per tutta la lunghezza della copertura, ma con un po’ di pazienza si riesce ad ovviare al problema; sarebbe stato più semplice, ad esempio, installare l’SSD dietro al tray per la scheda madre, destinando il foro in questione esclusivamente al passaggio dei cavi del pannello frontale; da notare, inoltre, lo spazio destinato all’installazione del radiatore, che tuttavia non potrà essere troppo spesso.

Posteriormente, lo spazio per il cable management è buono, sono presenti diversi punti su cui agganciare le fascette, sotto quest’aspetto non ho riscontrato criticità; purtroppo, arriviamo a quello che – a parer mio – è il più grande problema di questo case: la gabbia degli hard disk, posizionata troppo a ridosso dell’alimentatore. Avendo un alimentatore modulare, i cavi di quest’ultimo rimangono schiacciati dalla gabbia, e nel mio caso ho dovuto smontarla per posizionare il PSU; inoltre, ricordate il foro presente dietro ad uno dei bay da 2,5? Se prima lo spazio era poco, con il PSU installato si riduce ulteriormente; consiglio quindi di far passare quanti più cavi possibili prima dell’installazione dell’alimentatore.


Il pannello frontale si rimuove abbastanza facilmente, e ospita un filtro anti-polvere con telaio, che si fissa con un sistema ad incastro.


Per l’airflow, ho pensato alla seguente configurazione:
  • 2 Arctic F12 da 120mm intake frontali;
  • 1 Enermax Everest 120 mm exhaust posteriore (recuperata dal mio vecchio case);
  • 1 Aerocool 120 mm exhaust superiore (ventola in dotazione, che ho spostato superiormente).
Tutte le ventole, ad eccezione della Enermax collegata alla scheda madre, sono connesse all’hub per le ventole fornito di serie con il case (a sua volta collegato alla scheda madre e gestito da UEFI); ho pensato a questa impostazione per una mera questione di fisica: l’aria fresca viene immessa frontalmente, mentre l’aria calda viene espulsa posteriormente e superiormente (l’aria calda, per sua natura, tende a “salire” verso l’alto). Configurando le ventole come descritto, sono riuscito ad abbassare la temperatura della GPU di qualche grado, merito anche del maggiore spazio a disposizione, e di un layout interno molto pulito; con l’arrivo (e conseguente aggiunta) delle Arctic F12, la situazione non potrà che migliorare.

ASSEMBLAGGIO:
  • CPU: i5 6500 3,2 GHz;
  • Dissipatore: Raijintek Aidos;
  • Motherboard: ASRock H170 Pro4S;
  • RAM: DDR4 Kingston 4x4 GB 2133 MHz CL15 (proprio fiere senza heatsink, ma pagate 6,80 € ciascuna vanno benissimo);
  • SSD: SanDisk Plus 256 GB;
  • HDD: Western Digital Caviar Blue 7200 RPM WD10EZEX;
  • VGA: SAPPHIRE NITRO+ AMD Radeon™ RX 480;
  • PSU: Aerocool GT-500 SG semi modulare (grazie @Falco75 per aver scovato questa perla).

Con i dovuti accorgimenti, l’installazione dei componenti risulterà abbastanza agevole, grazie soprattutto ai tanti spazi per il passaggio dei cavi; come vedete, qualcosa può essere migliorata, spostando l’SSD nella parte posteriore, e ordinando meglio i cavi del pannello frontale. Al più presto ordinerò dei cable combs, per sistemare meglio i cavi sleeved; tutto sommato, sono abbastanza soddisfatto del risultato finale, ma col senno di poi avrei potuto fare di meglio.


NOTE PERSONALI:
Questo Aerocool P7-C1 offre alcune features interessanti ad un ottimo prezzo, una su tutte la grande finestra in vetro. Inoltre, oltre alla striscia led in dotazione con connettore proprietario, sarà possibile connettere altre due strisce led RGB, dotate del classico connettore 4 pin (Aerocool fornisce anche due adattatori maschio-maschio, per connettere una striscia femmina al connettore presente all’interno del case); le strisce aggiuntive, seguiranno lo stesso schema impostato tramite il controller, che offre la possibilità di scelta tra 8 colori (bianco, ciano, blu, fucsia, rosso, arancione, giallo, verde, più il ciclo automatico) e 4 effetti di luce (led sempre on, fade, effetto battito, led off).
In foto, potete osservare la seconda striscia, che copre il lato posteriore, superiore e frontale della struttura, illuminata del medesimo colore della striscia in dotazione.

Visualizza allegato 231388 Visualizza allegato 231389

Tuttavia, bisogna mettere in evidenza alcuni aspetti negativi: come avrete forse compreso, ho odiato terribilmente l’unico foro presente sulla cover del PSU per il passaggio dei cavi; a questo, aggiungiamo il poco spazio presente tra l’alimentatore e la gabbia degli hard disk. Nulla di problematico, ma sono aspetti cui bisognerà prestare attenzione se si vuole avere vita facile; inoltre, faccio notare che gli slot PCI non sono riutilizzabili, ed è un peccato per un case che – comunque – costa 90 €.

CONCLUSIONI:
Alla luce di quanto affermato, questo Aerocool è da tenere in considerazione? A mio avviso sì, per diverse ragioni: abbiamo a che fare, infatti, con un case di buona fattura, con materiali non al top, ma comunque buoni; ha degli aspetti negativi, ma nulla di insormontabile. La features delle strisce led è un incentivo in più, e taglia le gambe alla versione economica dello stesso case, con finestra in acrilico (venduta a soli 10 € in meno, e senza la striscia led magnetica), che non ha praticamente senso di esistere; a tutto ciò aggiungiamo un design sicuramente accattivante (ma qui entriamo nel merito del gusto personale), un layout interno pulito ed essenziale ma decisamente pratico, tanto spazio per la VGA e per i dissipatori high-end ad aria, un hub per le ventole incluso con funzione PWM, ed un card reader che può sempre tornare utile. Peccato per alcune piccole pecche (copri slot non riutilizzabili, spazio per il PSU limitato, una sola ventola preinstallata, filtri inferiori e superiori non rimovibili), ma vale assolutamente i suoi 90 €, a questo prezzo è il case in vetro più economico - ma di qualità - sul mercato (se mi sbagliassi, correggetemi pure); merita decisamente di essere preso in considerazione, se non potete investire i circa 20-25 € di differenza necessari per acquistare le alternative più prossime (Phanteks P400S Tempered e NZXT S340 Elite).

Un ringraziamento speciale a @Yoshi91 per la revisione e a @LordNight, che mi ha fornito più di uno spunto grazie alla sua recensione sull'Anidees AI Crystal.

Per dubbi, domande e consigli su come migliorare la recensione, basta chiedere qui sotto.

EDIT:
Viste le recenti richieste in merito ad alcuni aspetti del case, aggiorno la recensione con le informazioni richieste.

Per collegare i led sono presenti in totale 3 connettori: uno di questi è doppio e possiede un attacco proprietario, a cui connettere la striscia presente sul pannello frontale e quella in dotazione; gli altri due sono dei normali connettori 4 pin per strisce led 12 V (le più diffuse, acquistabili su eBay, Amazon o AliExpress), di cui trovate le foto e la tipologia di collegamento sotto.

La striscia termina con il connettore nero indicato sotto, e con il case sono forniti due adattatori Maschio/Maschio come quello a sinistra qui sotto:


Questi invece i connettori per collegarla:


Di seguito, potete vedere l'effetto finale con ogni colorazione, nell'ordine: Bianco, Ciano, Blu, Fucsia, Rosso, Arancio, Giallo, Verde, Ciclo continuo (non presente per ovvie ragioni).


Infine, ecco l'altezza massima per i dissipatori, misurata lasciando qualche millimetro di distanza dalla scheda madre (calcolando orientativamente l'altezza del socket); dal momento che il pannello in vetro è esterno alla struttura, "poggiato" su di essa e non incassato, lo spazio massimo è ben superiore ai 166 mm dichiarati da Aerocool (il limite è indicato dalla freccia rossa in foto).
Tuttavia, va ricordato che la misura è stata presa in maniera approssimativa, per cui potrebbe differire di qualche millimetro; è bene dunque non esagerare, evitando di spingersi troppo oltre la misura indicata dal produttore.

N.B. Il sottoscritto non si assume alcuna responsabilità qualora lo spazio fosse insufficiente; la misura è stata presa per un utente che aveva un dissipatore più grande di 0,6 mm.
Dunque non tornate piangendo, affermando che il sottoscritto vi ha autorizzati.

review perfetta :ok:
 
  • Like
Reactions: korer621

Deety

Utente Attivo
694
41
CPU
Ryzen 5 1600
Dissipatore
Wraith cooler
Scheda Madre
X370 gaming pro carbon
HDD
Toshiba 2TB
RAM
Vengeance rgb 3000mhz cl15
GPU
Gtx 1080TI
Monitor
Pg348q
PSU
Cs650m
Case
Phanteks p400s tempere glass
Periferiche
Mionix avior 7000, prossimamente ikbc f87 e superlux hd681evo
OS
Windows 10 pro
Sono tornato con una nuova domanda
Phanteks p400 o s340 elitè?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

korer621

Utente Èlite
5,263
2,842
Bella sfida.
Ovviamente mettiamo a confronto i modelli in vetro temperato; direi che la questione si riduce alla preferenza estetica, entrambi sono validi (cerca il confronto pubblicato sul canale YouTube Salazar Studio).
 

Deety

Utente Attivo
694
41
CPU
Ryzen 5 1600
Dissipatore
Wraith cooler
Scheda Madre
X370 gaming pro carbon
HDD
Toshiba 2TB
RAM
Vengeance rgb 3000mhz cl15
GPU
Gtx 1080TI
Monitor
Pg348q
PSU
Cs650m
Case
Phanteks p400s tempere glass
Periferiche
Mionix avior 7000, prossimamente ikbc f87 e superlux hd681evo
OS
Windows 10 pro
Bella sfida.
Ovviamente mettiamo a confronto i modelli in vetro temperato; direi che la questione si riduce alla preferenza estetica, entrambi sono validi (cerca il confronto pubblicato sul canale YouTube Salazar Studio).

Grazie!!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

Inno3d

Utente Attivo
183
38
CPU
Intel 6700k
Dissipatore
Antec KUHLER H600 Pro
Scheda Madre
Asus Z170 pro
HDD
Samsung HD103SJ 1 Tera - Western DigitalW WD 10EX 1 Tera
RAM
Corsair CMK32GX4M2B3000C15 Vengeance LPX Kit di Memoria RAM da 32 GB, 2x16 GB, DDR4, 3000 MHz
GPU
nVidia Manli GTX1070 GeF. 8GB GDDR5 Hdmi Dvi 3xDP Pci-E con CUDA
PSU
Thermaltake Paris 650W 80+gold modulare
Case
Aerocool P7-C1-BG Case ATX per PC, Nero
Periferiche
zelotes optical mouse
OS
Windows 10
Un saluto a tutti gli utenti del forum!
Scrivo queste righe per fare una personale recensione dell’Aerocool P7 C1, un case di recente uscita e di cui ultimamente si scrive e legge tanto, tra le varie discussioni del forum; online si trova qualche review, ma nessuna in lingua italiana, così ho deciso di offrire un servizio alla community, riportando la mia esperienza.
Si tratta di un case con pannello in vetro temperato e controller led, venduto a circa 90 € su Amazon; Aerocool prevede di lanciare altri prodotti della linea Project 7(alimentatori, ventole, dissipatori, case e altro), ma questa recensione analizzerà l’unico prodotto della serie ad oggi lanciato dall’azienda, il case appunto, di cui trovate il link di seguito.

http://www.aerocool.us/project7_case/p7-c1.html

Sarà tutto fumo? Andiamo a scoprirlo!

INTRODUZIONE:
Ho scelto questo case un po’ per caso, su consiglio dell’amico @webbiercoin81: avevo la necessità di sostituire uno Zalman Z3 Plus, dunque ho acquistato – in un primo momento – un Cooler Master Masterbox 5; ottimo case, ma che non mi lasciava pienamente soddisfatto, così ho deciso di affidarmi alla sorte: se fossi riuscito a vendere il Masterbox 5 al prezzo d’acquisto, avrei proceduto al cambio. Non avevo ancora rimosso le pellicole protettive preapplicate (l’ho tenuto neanche una decina di giorni), quindi non è stato difficile venderlo; è durato mezza giornata su un famoso sito di compravendita online, venduto a mano ad un ragazzo della mia zona. Successivamente, ho acquistato questo Aerocool, che analizzeremo nel dettaglio.


SPECIFICHE TECNICHE:
  • Modello: Aerocool P7-C1;
  • Formato: Mid Tower;
  • Materiali: Plastica e Acciaio (spessore 0,6 mm);
  • Formati motherboard supportati: ATX/micro ATX/mini-ITX;
  • Dimensioni: 244,6 x 550 x 446,4 mm (Larghezza x Altezza x Profondità);
  • Bay HDD/SSD: 2x3,5 pollici; 4x 2,5 pollici;
  • Numero slot di espansione: 7;
  • Supporto GPU e Dissipatori ad aria: 375 mm GPU (410 mm senza ventole frontali); 165 mm dissipatori;
  • Porte I/O: 2xUSB 2.0, 2xUSB 3.0; Cuffie, microfono, SD Card Reader;
  • Raffreddamento:
    • Frontale: 3x120 mm oppure 2x140 mm;
    • Superiore: 2x120 mm;
    • Posteriore: 1x120 mm (ventola in dotazione di serie);
  • Radiatori:
    • Frontale: 240/280/360 mm;
    • Superiore: 240 mm;
    • Posteriore: 120 mm;
  • Peso: 8,4 Kg;
  • Supporto alimentatori: ATX;
PACKAGING:
Amazon ha spedito la scatola del case inserita dentro un’altra scatola più grande, proteggendo adeguatamente la confezione originale; non si tratta della classica scatola color avana, ma già dall’esterno capiamo che si tratta di un prodotto di un certo livello.


All’interno, troviamo il case ben protetto da due blocchi in polistirolo, avvolto in una grande busta in plastica; ecco come si presenta il case, rimuovendo il polistirolo ed il cellophane.


Nascoste nel vano copri alimentatore, incastonate nei bay da 3,5 pollici, troviamo due piccole scatole: in una troviamo tutta la minuteria (viti, fascette in velcro, hub per le ventole), mentre l’altra contiene una striscia led RGB magnetica, lunga circa 40 cm; troviamo anche un manuale in varie lingue, tra cui l’italiano; personalmente ho apprezzato molto la scelta di Aerocool, di suddividere le viti in diverse buste di plastica, così da non confonderle durante le fasi di installazione.


ASPETTO ESTERNO:
Ciò che contraddistingue questo case è sicuramente la grande finestra in vetro temperato, in una leggera colorazione fumè, fissata con delle pratiche viti con guarnizione in gomma, che eviteranno rotture indesiderate; il case si fa decisamente notare, grazie anche alla griglia di ventilazione superiore e agli intarsi su essa presenti che favoriscono il ricircolo dell’aria, posti sopra e nella parte bassa dello chassis, ai lati. Le parti in plastica che circondano il case contribuiscono ad aumentarne le dimensioni: infatti, aumentano il volume del P7-C1, coniugando funzionalità ed estetica, e conferendo allo chassis delle linee aggressive che bene si sposano tra loro e con le parti interne, visibili grazie alla grande finestra laterale.

Nella parte frontale, troviamo invece una griglia, circondata da un frame bianco, al di sotto del quale troviamo una striscia led preinstallata, comandata da un controller posto nella parte superiore; quest'ultima è forata per garantire una corretta ventilazione nel caso di installazione di ventole e radiatore. Troviamo inoltre il pannello frontale che, oltre ai soliti pulsanti di accensione e reset, ospita 2 porte USB 2.0, 2 USB 3.0, ingresso microfono, uscita cuffie, card reader per formati SD/micro SD, e 2 tasti a cui si è fatto riferimento in precedenza, necessari al controllo dei led (uno per il colore, l’altro per gli effetti).
Posteriormente non abbiamo sorprese degne di nota: troviamo infatti l’apertura per il PSU, i 7 slot PCI, il foro per l’I/O shield ed una griglia di ventilazione da 120 mm;
Nella parte inferiore, come anticipato, notiamo due supporti (praticamente delle alette) che tengono il case sospeso, per favorire l’ingresso dell’aria all’interno dell’alimentatore; qui è presente un filtro anti-polvere, la cui pulizia risulterà, però, difficoltosa (da tenere presente che non è rimovibile, così come quello superiore).
Il lato opposto alla finestra è completamente liscio e privo di bombature, in colorazione bianco opaco nel mio caso; i materiali sono di buona qualità, non i migliori che abbia mai visto, ma superiori – ad esempio – rispetto a quelli del mio vecchio Z3 Plus.

ASPETTO INTERNO:
Il layout interno del P7-C1 è molto essenziale; notiamo subito una parte sporgente, molto utile per il cable management, dalla quale far passare i cavi.
Sulla cover del PSU sono presenti due bay da 2,5 per gli SSD; dietro ad uno di questi, notiamo un unico foro per il passaggio dei cavi: purtroppo, si rivelerà insufficiente, dal momento che gran parte dello spazio sarà “rubato” dai connettori SATA e di alimentazione necessari al funzionamento dell’SSD, di conseguenza lo spazio necessario al passaggio degli altri cavi sarà ridotto all’osso. Avrei gradito più fori, disposti per tutta la lunghezza della copertura, ma con un po’ di pazienza si riesce ad ovviare al problema; sarebbe stato più semplice, ad esempio, installare l’SSD dietro al tray per la scheda madre, destinando il foro in questione esclusivamente al passaggio dei cavi del pannello frontale; da notare, inoltre, lo spazio destinato all’installazione del radiatore, che tuttavia non potrà essere troppo spesso.

Posteriormente, lo spazio per il cable management è buono, sono presenti diversi punti su cui agganciare le fascette, sotto quest’aspetto non ho riscontrato criticità; purtroppo, arriviamo a quello che – a parer mio – è il più grande problema di questo case: la gabbia degli hard disk, posizionata troppo a ridosso dell’alimentatore. Avendo un alimentatore modulare, i cavi di quest’ultimo rimangono schiacciati dalla gabbia, e nel mio caso ho dovuto smontarla per posizionare il PSU; inoltre, ricordate il foro presente dietro ad uno dei bay da 2,5? Se prima lo spazio era poco, con il PSU installato si riduce ulteriormente; consiglio quindi di far passare quanti più cavi possibili prima dell’installazione dell’alimentatore.


Il pannello frontale si rimuove abbastanza facilmente, e ospita un filtro anti-polvere con telaio, che si fissa con un sistema ad incastro.


Per l’airflow, ho pensato alla seguente configurazione:
  • 2 Arctic F12 da 120mm intake frontali;
  • 1 Enermax Everest 120 mm exhaust posteriore (recuperata dal mio vecchio case);
  • 1 Aerocool 120 mm exhaust superiore (ventola in dotazione, che ho spostato superiormente).
Tutte le ventole, ad eccezione della Enermax collegata alla scheda madre, sono connesse all’hub per le ventole fornito di serie con il case (a sua volta collegato alla scheda madre e gestito da UEFI); ho pensato a questa impostazione per una mera questione di fisica: l’aria fresca viene immessa frontalmente, mentre l’aria calda viene espulsa posteriormente e superiormente (l’aria calda, per sua natura, tende a “salire” verso l’alto). Configurando le ventole come descritto, sono riuscito ad abbassare la temperatura della GPU di qualche grado, merito anche del maggiore spazio a disposizione, e di un layout interno molto pulito; con l’arrivo (e conseguente aggiunta) delle Arctic F12, la situazione non potrà che migliorare.

ASSEMBLAGGIO:
  • CPU: i5 6500 3,2 GHz;
  • Dissipatore: Raijintek Aidos;
  • Motherboard: ASRock H170 Pro4S;
  • RAM: DDR4 Kingston 4x4 GB 2133 MHz CL15 (proprio fiere senza heatsink, ma pagate 6,80 € ciascuna vanno benissimo);
  • SSD: SanDisk Plus 256 GB;
  • HDD: Western Digital Caviar Blue 7200 RPM WD10EZEX;
  • VGA: SAPPHIRE NITRO+ AMD Radeon™ RX 480;
  • PSU: Aerocool GT-500 SG semi modulare (grazie @Falco75 per aver scovato questa perla).

Con i dovuti accorgimenti, l’installazione dei componenti risulterà abbastanza agevole, grazie soprattutto ai tanti spazi per il passaggio dei cavi; come vedete, qualcosa può essere migliorata, spostando l’SSD nella parte posteriore, e ordinando meglio i cavi del pannello frontale. Al più presto ordinerò dei cable combs, per sistemare meglio i cavi sleeved; tutto sommato, sono abbastanza soddisfatto del risultato finale, ma col senno di poi avrei potuto fare di meglio.


NOTE PERSONALI:
Questo Aerocool P7-C1 offre alcune features interessanti ad un ottimo prezzo, una su tutte la grande finestra in vetro. Inoltre, oltre alla striscia led in dotazione con connettore proprietario, sarà possibile connettere altre due strisce led RGB, dotate del classico connettore 4 pin (Aerocool fornisce anche due adattatori maschio-maschio, per connettere una striscia femmina al connettore presente all’interno del case); le strisce aggiuntive, seguiranno lo stesso schema impostato tramite il controller, che offre la possibilità di scelta tra 8 colori (bianco, ciano, blu, fucsia, rosso, arancione, giallo, verde, più il ciclo automatico) e 4 effetti di luce (led sempre on, fade, effetto battito, led off).
In foto, potete osservare la seconda striscia, che copre il lato posteriore, superiore e frontale della struttura, illuminata del medesimo colore della striscia in dotazione.

Visualizza allegato 231388 Visualizza allegato 231389

Tuttavia, bisogna mettere in evidenza alcuni aspetti negativi: come avrete forse compreso, ho odiato terribilmente l’unico foro presente sulla cover del PSU per il passaggio dei cavi; a questo, aggiungiamo il poco spazio presente tra l’alimentatore e la gabbia degli hard disk. Nulla di problematico, ma sono aspetti cui bisognerà prestare attenzione se si vuole avere vita facile; inoltre, faccio notare che gli slot PCI non sono riutilizzabili, ed è un peccato per un case che – comunque – costa 90 €.

CONCLUSIONI:
Alla luce di quanto affermato, questo Aerocool è da tenere in considerazione? A mio avviso sì, per diverse ragioni: abbiamo a che fare, infatti, con un case di buona fattura, con materiali non al top, ma comunque buoni; ha degli aspetti negativi, ma nulla di insormontabile. La features delle strisce led è un incentivo in più, e taglia le gambe alla versione economica dello stesso case, con finestra in acrilico (venduta a soli 10 € in meno, e senza la striscia led magnetica), che non ha praticamente senso di esistere; a tutto ciò aggiungiamo un design sicuramente accattivante (ma qui entriamo nel merito del gusto personale), un layout interno pulito ed essenziale ma decisamente pratico, tanto spazio per la VGA e per i dissipatori high-end ad aria, un hub per le ventole incluso con funzione PWM, ed un card reader che può sempre tornare utile. Peccato per alcune piccole pecche (copri slot non riutilizzabili, spazio per il PSU limitato, una sola ventola preinstallata, filtri inferiori e superiori non rimovibili), ma vale assolutamente i suoi 90 €, a questo prezzo è il case in vetro più economico - ma di qualità - sul mercato (se mi sbagliassi, correggetemi pure); merita decisamente di essere preso in considerazione, se non potete investire i circa 20-25 € di differenza necessari per acquistare le alternative più prossime (Phanteks P400S Tempered e NZXT S340 Elite).

Un ringraziamento speciale a @Yoshi91 per la revisione e a @LordNight, che mi ha fornito più di uno spunto grazie alla sua recensione sull'Anidees AI Crystal.

Per dubbi, domande e consigli su come migliorare la recensione, basta chiedere qui sotto.

EDIT:
Viste le recenti richieste in merito ad alcuni aspetti del case, aggiorno la recensione con le informazioni richieste.

Per collegare i led sono presenti in totale 3 connettori: uno di questi è doppio e possiede un attacco proprietario, a cui connettere la striscia presente sul pannello frontale e quella in dotazione; gli altri due sono dei normali connettori 4 pin per strisce led 12 V (le più diffuse, acquistabili su eBay, Amazon o AliExpress), di cui trovate le foto e la tipologia di collegamento sotto.

La striscia termina con il connettore nero indicato sotto, e con il case sono forniti due adattatori Maschio/Maschio come quello a sinistra qui sotto:


Questi invece i connettori per collegarla:


Di seguito, potete vedere l'effetto finale con ogni colorazione, nell'ordine: Bianco, Ciano, Blu, Fucsia, Rosso, Arancio, Giallo, Verde, Ciclo continuo (non presente per ovvie ragioni).


Infine, ecco l'altezza massima per i dissipatori, misurata lasciando qualche millimetro di distanza dalla scheda madre (calcolando orientativamente l'altezza del socket); dal momento che il pannello in vetro è esterno alla struttura, "poggiato" su di essa e non incassato, lo spazio massimo è ben superiore ai 166 mm dichiarati da Aerocool (il limite è indicato dalla freccia rossa in foto).
Tuttavia, va ricordato che la misura è stata presa in maniera approssimativa, per cui potrebbe differire di qualche millimetro; è bene dunque non esagerare, evitando di spingersi troppo oltre la misura indicata dal produttore.

N.B. Il sottoscritto non si assume alcuna responsabilità qualora lo spazio fosse insufficiente; la misura è stata presa per un utente che aveva un dissipatore più grande di 0,6 mm.
Dunque non tornate piangendo, affermando che il sottoscritto vi ha autorizzati.

Un saluto a tutti gli utenti del forum!
Scrivo queste righe per fare una personale recensione dell’Aerocool P7 C1, un case di recente uscita e di cui ultimamente si scrive e legge tanto, tra le varie discussioni del forum; online si trova qualche review, ma nessuna in lingua italiana, così ho deciso di offrire un servizio alla community, riportando la mia esperienza.
Si tratta di un case con pannello in vetro temperato e controller led, venduto a circa 90 € su Amazon; Aerocool prevede di lanciare altri prodotti della linea Project 7(alimentatori, ventole, dissipatori, case e altro), ma questa recensione analizzerà l’unico prodotto della serie ad oggi lanciato dall’azienda, il case appunto, di cui trovate il link di seguito.

http://www.aerocool.us/project7_case/p7-c1.html

Sarà tutto fumo? Andiamo a scoprirlo!

INTRODUZIONE:
Ho scelto questo case un po’ per caso, su consiglio dell’amico @webbiercoin81: avevo la necessità di sostituire uno Zalman Z3 Plus, dunque ho acquistato – in un primo momento – un Cooler Master Masterbox 5; ottimo case, ma che non mi lasciava pienamente soddisfatto, così ho deciso di affidarmi alla sorte: se fossi riuscito a vendere il Masterbox 5 al prezzo d’acquisto, avrei proceduto al cambio. Non avevo ancora rimosso le pellicole protettive preapplicate (l’ho tenuto neanche una decina di giorni), quindi non è stato difficile venderlo; è durato mezza giornata su un famoso sito di compravendita online, venduto a mano ad un ragazzo della mia zona. Successivamente, ho acquistato questo Aerocool, che analizzeremo nel dettaglio.


SPECIFICHE TECNICHE:
  • Modello: Aerocool P7-C1;
  • Formato: Mid Tower;
  • Materiali: Plastica e Acciaio (spessore 0,6 mm);
  • Formati motherboard supportati: ATX/micro ATX/mini-ITX;
  • Dimensioni: 244,6 x 550 x 446,4 mm (Larghezza x Altezza x Profondità);
  • Bay HDD/SSD: 2x3,5 pollici; 4x 2,5 pollici;
  • Numero slot di espansione: 7;
  • Supporto GPU e Dissipatori ad aria: 375 mm GPU (410 mm senza ventole frontali); 165 mm dissipatori;
  • Porte I/O: 2xUSB 2.0, 2xUSB 3.0; Cuffie, microfono, SD Card Reader;
  • Raffreddamento:
    • Frontale: 3x120 mm oppure 2x140 mm;
    • Superiore: 2x120 mm;
    • Posteriore: 1x120 mm (ventola in dotazione di serie);
  • Radiatori:
    • Frontale: 240/280/360 mm;
    • Superiore: 240 mm;
    • Posteriore: 120 mm;
  • Peso: 8,4 Kg;
  • Supporto alimentatori: ATX;
PACKAGING:
Amazon ha spedito la scatola del case inserita dentro un’altra scatola più grande, proteggendo adeguatamente la confezione originale; non si tratta della classica scatola color avana, ma già dall’esterno capiamo che si tratta di un prodotto di un certo livello.


All’interno, troviamo il case ben protetto da due blocchi in polistirolo, avvolto in una grande busta in plastica; ecco come si presenta il case, rimuovendo il polistirolo ed il cellophane.


Nascoste nel vano copri alimentatore, incastonate nei bay da 3,5 pollici, troviamo due piccole scatole: in una troviamo tutta la minuteria (viti, fascette in velcro, hub per le ventole), mentre l’altra contiene una striscia led RGB magnetica, lunga circa 40 cm; troviamo anche un manuale in varie lingue, tra cui l’italiano; personalmente ho apprezzato molto la scelta di Aerocool, di suddividere le viti in diverse buste di plastica, così da non confonderle durante le fasi di installazione.


ASPETTO ESTERNO:
Ciò che contraddistingue questo case è sicuramente la grande finestra in vetro temperato, in una leggera colorazione fumè, fissata con delle pratiche viti con guarnizione in gomma, che eviteranno rotture indesiderate; il case si fa decisamente notare, grazie anche alla griglia di ventilazione superiore e agli intarsi su essa presenti che favoriscono il ricircolo dell’aria, posti sopra e nella parte bassa dello chassis, ai lati. Le parti in plastica che circondano il case contribuiscono ad aumentarne le dimensioni: infatti, aumentano il volume del P7-C1, coniugando funzionalità ed estetica, e conferendo allo chassis delle linee aggressive che bene si sposano tra loro e con le parti interne, visibili grazie alla grande finestra laterale.

Nella parte frontale, troviamo invece una griglia, circondata da un frame bianco, al di sotto del quale troviamo una striscia led preinstallata, comandata da un controller posto nella parte superiore; quest'ultima è forata per garantire una corretta ventilazione nel caso di installazione di ventole e radiatore. Troviamo inoltre il pannello frontale che, oltre ai soliti pulsanti di accensione e reset, ospita 2 porte USB 2.0, 2 USB 3.0, ingresso microfono, uscita cuffie, card reader per formati SD/micro SD, e 2 tasti a cui si è fatto riferimento in precedenza, necessari al controllo dei led (uno per il colore, l’altro per gli effetti).
Posteriormente non abbiamo sorprese degne di nota: troviamo infatti l’apertura per il PSU, i 7 slot PCI, il foro per l’I/O shield ed una griglia di ventilazione da 120 mm;
Nella parte inferiore, come anticipato, notiamo due supporti (praticamente delle alette) che tengono il case sospeso, per favorire l’ingresso dell’aria all’interno dell’alimentatore; qui è presente un filtro anti-polvere, la cui pulizia risulterà, però, difficoltosa (da tenere presente che non è rimovibile, così come quello superiore).
Il lato opposto alla finestra è completamente liscio e privo di bombature, in colorazione bianco opaco nel mio caso; i materiali sono di buona qualità, non i migliori che abbia mai visto, ma superiori – ad esempio – rispetto a quelli del mio vecchio Z3 Plus.

ASPETTO INTERNO:
Il layout interno del P7-C1 è molto essenziale; notiamo subito una parte sporgente, molto utile per il cable management, dalla quale far passare i cavi.
Sulla cover del PSU sono presenti due bay da 2,5 per gli SSD; dietro ad uno di questi, notiamo un unico foro per il passaggio dei cavi: purtroppo, si rivelerà insufficiente, dal momento che gran parte dello spazio sarà “rubato” dai connettori SATA e di alimentazione necessari al funzionamento dell’SSD, di conseguenza lo spazio necessario al passaggio degli altri cavi sarà ridotto all’osso. Avrei gradito più fori, disposti per tutta la lunghezza della copertura, ma con un po’ di pazienza si riesce ad ovviare al problema; sarebbe stato più semplice, ad esempio, installare l’SSD dietro al tray per la scheda madre, destinando il foro in questione esclusivamente al passaggio dei cavi del pannello frontale; da notare, inoltre, lo spazio destinato all’installazione del radiatore, che tuttavia non potrà essere troppo spesso.

Posteriormente, lo spazio per il cable management è buono, sono presenti diversi punti su cui agganciare le fascette, sotto quest’aspetto non ho riscontrato criticità; purtroppo, arriviamo a quello che – a parer mio – è il più grande problema di questo case: la gabbia degli hard disk, posizionata troppo a ridosso dell’alimentatore. Avendo un alimentatore modulare, i cavi di quest’ultimo rimangono schiacciati dalla gabbia, e nel mio caso ho dovuto smontarla per posizionare il PSU; inoltre, ricordate il foro presente dietro ad uno dei bay da 2,5? Se prima lo spazio era poco, con il PSU installato si riduce ulteriormente; consiglio quindi di far passare quanti più cavi possibili prima dell’installazione dell’alimentatore.


Il pannello frontale si rimuove abbastanza facilmente, e ospita un filtro anti-polvere con telaio, che si fissa con un sistema ad incastro.


Per l’airflow, ho pensato alla seguente configurazione:
  • 2 Arctic F12 da 120mm intake frontali;
  • 1 Enermax Everest 120 mm exhaust posteriore (recuperata dal mio vecchio case);
  • 1 Aerocool 120 mm exhaust superiore (ventola in dotazione, che ho spostato superiormente).
Tutte le ventole, ad eccezione della Enermax collegata alla scheda madre, sono connesse all’hub per le ventole fornito di serie con il case (a sua volta collegato alla scheda madre e gestito da UEFI); ho pensato a questa impostazione per una mera questione di fisica: l’aria fresca viene immessa frontalmente, mentre l’aria calda viene espulsa posteriormente e superiormente (l’aria calda, per sua natura, tende a “salire” verso l’alto). Configurando le ventole come descritto, sono riuscito ad abbassare la temperatura della GPU di qualche grado, merito anche del maggiore spazio a disposizione, e di un layout interno molto pulito; con l’arrivo (e conseguente aggiunta) delle Arctic F12, la situazione non potrà che migliorare.

ASSEMBLAGGIO:
  • CPU: i5 6500 3,2 GHz;
  • Dissipatore: Raijintek Aidos;
  • Motherboard: ASRock H170 Pro4S;
  • RAM: DDR4 Kingston 4x4 GB 2133 MHz CL15 (proprio fiere senza heatsink, ma pagate 6,80 € ciascuna vanno benissimo);
  • SSD: SanDisk Plus 256 GB;
  • HDD: Western Digital Caviar Blue 7200 RPM WD10EZEX;
  • VGA: SAPPHIRE NITRO+ AMD Radeon™ RX 480;
  • PSU: Aerocool GT-500 SG semi modulare (grazie @Falco75 per aver scovato questa perla).

Con i dovuti accorgimenti, l’installazione dei componenti risulterà abbastanza agevole, grazie soprattutto ai tanti spazi per il passaggio dei cavi; come vedete, qualcosa può essere migliorata, spostando l’SSD nella parte posteriore, e ordinando meglio i cavi del pannello frontale. Al più presto ordinerò dei cable combs, per sistemare meglio i cavi sleeved; tutto sommato, sono abbastanza soddisfatto del risultato finale, ma col senno di poi avrei potuto fare di meglio.


NOTE PERSONALI:
Questo Aerocool P7-C1 offre alcune features interessanti ad un ottimo prezzo, una su tutte la grande finestra in vetro. Inoltre, oltre alla striscia led in dotazione con connettore proprietario, sarà possibile connettere altre due strisce led RGB, dotate del classico connettore 4 pin (Aerocool fornisce anche due adattatori maschio-maschio, per connettere una striscia femmina al connettore presente all’interno del case); le strisce aggiuntive, seguiranno lo stesso schema impostato tramite il controller, che offre la possibilità di scelta tra 8 colori (bianco, ciano, blu, fucsia, rosso, arancione, giallo, verde, più il ciclo automatico) e 4 effetti di luce (led sempre on, fade, effetto battito, led off).
In foto, potete osservare la seconda striscia, che copre il lato posteriore, superiore e frontale della struttura, illuminata del medesimo colore della striscia in dotazione.

Visualizza allegato 231388 Visualizza allegato 231389

Tuttavia, bisogna mettere in evidenza alcuni aspetti negativi: come avrete forse compreso, ho odiato terribilmente l’unico foro presente sulla cover del PSU per il passaggio dei cavi; a questo, aggiungiamo il poco spazio presente tra l’alimentatore e la gabbia degli hard disk. Nulla di problematico, ma sono aspetti cui bisognerà prestare attenzione se si vuole avere vita facile; inoltre, faccio notare che gli slot PCI non sono riutilizzabili, ed è un peccato per un case che – comunque – costa 90 €.

CONCLUSIONI:
Alla luce di quanto affermato, questo Aerocool è da tenere in considerazione? A mio avviso sì, per diverse ragioni: abbiamo a che fare, infatti, con un case di buona fattura, con materiali non al top, ma comunque buoni; ha degli aspetti negativi, ma nulla di insormontabile. La features delle strisce led è un incentivo in più, e taglia le gambe alla versione economica dello stesso case, con finestra in acrilico (venduta a soli 10 € in meno, e senza la striscia led magnetica), che non ha praticamente senso di esistere; a tutto ciò aggiungiamo un design sicuramente accattivante (ma qui entriamo nel merito del gusto personale), un layout interno pulito ed essenziale ma decisamente pratico, tanto spazio per la VGA e per i dissipatori high-end ad aria, un hub per le ventole incluso con funzione PWM, ed un card reader che può sempre tornare utile. Peccato per alcune piccole pecche (copri slot non riutilizzabili, spazio per il PSU limitato, una sola ventola preinstallata, filtri inferiori e superiori non rimovibili), ma vale assolutamente i suoi 90 €, a questo prezzo è il case in vetro più economico - ma di qualità - sul mercato (se mi sbagliassi, correggetemi pure); merita decisamente di essere preso in considerazione, se non potete investire i circa 20-25 € di differenza necessari per acquistare le alternative più prossime (Phanteks P400S Tempered e NZXT S340 Elite).

Un ringraziamento speciale a @Yoshi91 per la revisione e a @LordNight, che mi ha fornito più di uno spunto grazie alla sua recensione sull'Anidees AI Crystal.

Per dubbi, domande e consigli su come migliorare la recensione, basta chiedere qui sotto.

EDIT:
Viste le recenti richieste in merito ad alcuni aspetti del case, aggiorno la recensione con le informazioni richieste.

Per collegare i led sono presenti in totale 3 connettori: uno di questi è doppio e possiede un attacco proprietario, a cui connettere la striscia presente sul pannello frontale e quella in dotazione; gli altri due sono dei normali connettori 4 pin per strisce led 12 V (le più diffuse, acquistabili su eBay, Amazon o AliExpress), di cui trovate le foto e la tipologia di collegamento sotto.

La striscia termina con il connettore nero indicato sotto, e con il case sono forniti due adattatori Maschio/Maschio come quello a sinistra qui sotto:


Questi invece i connettori per collegarla:


Di seguito, potete vedere l'effetto finale con ogni colorazione, nell'ordine: Bianco, Ciano, Blu, Fucsia, Rosso, Arancio, Giallo, Verde, Ciclo continuo (non presente per ovvie ragioni).


Infine, ecco l'altezza massima per i dissipatori, misurata lasciando qualche millimetro di distanza dalla scheda madre (calcolando orientativamente l'altezza del socket); dal momento che il pannello in vetro è esterno alla struttura, "poggiato" su di essa e non incassato, lo spazio massimo è ben superiore ai 166 mm dichiarati da Aerocool (il limite è indicato dalla freccia rossa in foto).
Tuttavia, va ricordato che la misura è stata presa in maniera approssimativa, per cui potrebbe differire di qualche millimetro; è bene dunque non esagerare, evitando di spingersi troppo oltre la misura indicata dal produttore.

N.B. Il sottoscritto non si assume alcuna responsabilità qualora lo spazio fosse insufficiente; la misura è stata presa per un utente che aveva un dissipatore più grande di 0,6 mm.
Dunque non tornate piangendo, affermando che il sottoscritto vi ha autorizzati.

Comunque pensandoci un po tornando al confronto p7/s340 elitè c'è da dire che il secondo non ha ne fan hub ne led controller..giusto?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Fantastica recensione grazie mille, l ho appena acquistato e dovrebbe arrivarmi domani :brindiamo:
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: Falco75
U

Utente cancellato 325997

Ospite
Buonasera,Vorrei sapere come sono i filtri antipolvere e il livello di rumorosità. Grazie in anticipo
 

korer621

Utente Èlite
5,263
2,842
Come ho scritto nel primo post, i filtri antipolvere sono un po' scomodi: quello inferiore (sotto al PSU) e quello superiore sono fissi, per la pulizia non possono essere rimossi; quello frontale invece è magnetico, e non dà alcun problema.

Per la silenziosità, dipende molto dalle ventole che vai a montare (quella in dotazione è molto silenziosa), inoltre il fan controller ti permette di rendere il PC inudibile in idle, grazie alla regolazione in PWM.
 

Inno3d

Utente Attivo
183
38
CPU
Intel 6700k
Dissipatore
Antec KUHLER H600 Pro
Scheda Madre
Asus Z170 pro
HDD
Samsung HD103SJ 1 Tera - Western DigitalW WD 10EX 1 Tera
RAM
Corsair CMK32GX4M2B3000C15 Vengeance LPX Kit di Memoria RAM da 32 GB, 2x16 GB, DDR4, 3000 MHz
GPU
nVidia Manli GTX1070 GeF. 8GB GDDR5 Hdmi Dvi 3xDP Pci-E con CUDA
PSU
Thermaltake Paris 650W 80+gold modulare
Case
Aerocool P7-C1-BG Case ATX per PC, Nero
Periferiche
zelotes optical mouse
OS
Windows 10
Io ho montato le ventole con viti in gomma , il che le rende molto silenziose, nonostante siano da 14. Poi ovviamente come ha detto Korer621, dipende dal tipo di ventola.
28_2_10.gif
 

Inno3d

Utente Attivo
183
38
CPU
Intel 6700k
Dissipatore
Antec KUHLER H600 Pro
Scheda Madre
Asus Z170 pro
HDD
Samsung HD103SJ 1 Tera - Western DigitalW WD 10EX 1 Tera
RAM
Corsair CMK32GX4M2B3000C15 Vengeance LPX Kit di Memoria RAM da 32 GB, 2x16 GB, DDR4, 3000 MHz
GPU
nVidia Manli GTX1070 GeF. 8GB GDDR5 Hdmi Dvi 3xDP Pci-E con CUDA
PSU
Thermaltake Paris 650W 80+gold modulare
Case
Aerocool P7-C1-BG Case ATX per PC, Nero
Periferiche
zelotes optical mouse
OS
Windows 10
Come ho scritto nel primo post, i filtri antipolvere sono un po' scomodi: quello inferiore (sotto al PSU) e quello superiore sono fissi, per la pulizia non possono essere rimossi; quello frontale invece è magnetico, e non dà alcun problema.

Per la silenziosità, dipende molto dalle ventole che vai a montare (quella in dotazione è molto silenziosa), inoltre il fan controller ti permette di rendere il PC inudibile in idle, grazie alla regolazione in PWM.
scusa una curiosità da tempo lo volevo chiedere. come hai messo questo ps
Installa GeForce Expercience - Scelta consigliata (dal Diavolo)
:asd:
 

Entra

oppure Accedi utilizzando

Hot: Sei vaccinato? [sondaggio anonimo]

  • Primo ciclo vaccinale completo (1-2 dosi)

    Voti: 453 78.5%
  • Fatta 1a dose, in attesa della 2a

    Voti: 20 3.5%
  • Sono prenotato per la 1a dose

    Voti: 13 2.3%
  • Non so se vaccinarmi

    Voti: 16 2.8%
  • Non ho intenzione di vacciarmi

    Voti: 59 10.2%
  • Fatta anche la terza dose

    Voti: 16 2.8%