Aggiornamento del BIOS e centri di assistenza

Bugiubantu

Nuovo Utente
3
0
Vorrei illustrare ai possessori di un notebook una strategia subdola messa a punto dalle case costruttrici.
Vi è mai capitato di aggiornare il BIOS sul vostro portatile? A me un sacco di volte, e l'operazione è sempre andata a buon fine. Tranne ieri.

Queste sono, in sequenza, le azioni che ho intrapreso:

- ho scaricato dal sito toshiba lo zip che conteneva il nuovo bios e le utilities per installarlo
- ho estratto il contenuto dello zip: era un altro zip autoestraente

A questo punto, tutte le altre volte estraevo l'autoestraente NON con l'estrazione automatica (doppio click sx) ma con l'estrazione manuale (click dx - estrai in) e mi trovavo: il bios, il winphlash.exe per aggiornare da windows, il bios.bat per aggiornare da shell del dos. Quindi sceglievo quale procedura avviare ed effettuavo l'upgrade.

Ieri ho avuto la brillante idea di fare il doppio click. Mi aspettavo la classica dialog che mi chiedesse dove estrarre il contenuto, e invece:

- l'autoestraente si è autoestratto nel suo stesso folder
- AUTOMATICAMENTE sono stati lanciati sia il winphlash.exe che il bios.bat

questo comportamento anomalo e fuori da ogni controllo ha invalidato il BIOS del mio notebook, costringendomi a rivolgermi al centro di assistenza.

Perché ho esordito menzionando una subdola strategia? Un po' articolato ma semplice da capire:

il notebook è in garanzia, quindi il ripristino del BIOS non mi costerà nulla (a parte la perdita del mio tempo), ma se il notebook fosse già fuori garanzia, quanto mi costerebbe (== chi ci guadagnerebbe)? Il centro assistenza mi ha detto che probabilmente occorre SOSTITUIRE LA MOTHERBOARD!!!!

Solo io ci vedo qualcosa di doloso nel comportamento anomalo dell'autoestraente che lancia 2 applicazioni in conflitto tra loro, al punto di invalidare la macchina e rendere necessario l'intervento del centro assistenza, che percepisce un guadagno per i notebook fuori garanzia (la garanzia è di 1 anno, ed 1 anno passa alla svelta)? Lo stesso autoestraente che invece, se viene estratto "a manina" da un utente un po' più smaliziato, permette di eseguire l'aggiornamento senza alcun intoppo e senza bisogno del centro assistenza.

Poi (e qui entrano in gioco le competenze tecniche che derivano dal mio mestiere), mai nessuno mi convincerà che è necessario SOSTITUIRE LA MOTHERBOARD per ripristinare il BIOS! Il BIOS è un programma residente in una ROM di tipo flash, cosa devo credere che la casa costruttrice PRIMA programma i chip di ROM e poi assembla le schede? Il normale processo produttivo prevede che la programmazione delle memorie non volatili venga fatta ad hardware assemblato, quindi esisterà sulla motherboard una porta per la programmazione del BIOS, vale a dire nulla da sostituire, gli si connette un flasher e gli si scarica il binario del BIOS da PC per mezzo di un applicativo.

Altra cosa grave è che, per la natura della flash ROM, sarebbe possibile un autoripristino del BIOS stesso, senza alcun intervento di un operatore esterno (se qualcuno fosse interessato, me lo chieda e gli spiegherò come)! Ma ciò renderebbe inutile il centro assistenza.

Quanti di voi hanno dovuto sborsare quattrini per una cosa del genere che non ha senso di esistere?

Esistono tutti gli estremi per intentare una bella azione di classe nei confronti delle case costruttrici, basta essere in un cospicuo numero e rivolgerci ad un'associazione dei diritti dei consumatori.


Ciao a tutti
 
T

Toby

Ospite
Bugiubantu ha detto:
Vorrei illustrare ai possessori di un notebook una strategia subdola messa a punto dalle case costruttrici.
Vi è mai capitato di aggiornare il BIOS sul vostro portatile? A me un sacco di volte, e l'operazione è sempre andata a buon fine. Tranne ieri.

Queste sono, in sequenza, le azioni che ho intrapreso:

- ho scaricato dal sito toshiba lo zip che conteneva il nuovo bios e le utilities per installarlo
- ho estratto il contenuto dello zip: era un altro zip autoestraente

A questo punto, tutte le altre volte estraevo l'autoestraente NON con l'estrazione automatica (doppio click sx) ma con l'estrazione manuale (click dx - estrai in) e mi trovavo: il bios, il winphlash.exe per aggiornare da windows, il bios.bat per aggiornare da shell del dos. Quindi sceglievo quale procedura avviare ed effettuavo l'upgrade.

Ieri ho avuto la brillante idea di fare il doppio click. Mi aspettavo la classica dialog che mi chiedesse dove estrarre il contenuto, e invece:

- l'autoestraente si è autoestratto nel suo stesso folder
- AUTOMATICAMENTE sono stati lanciati sia il winphlash.exe che il bios.bat

questo comportamento anomalo e fuori da ogni controllo ha invalidato il BIOS del mio notebook, costringendomi a rivolgermi al centro di assistenza.

Perché ho esordito menzionando una subdola strategia? Un po' articolato ma semplice da capire:

il notebook è in garanzia, quindi il ripristino del BIOS non mi costerà nulla (a parte la perdita del mio tempo), ma se il notebook fosse già fuori garanzia, quanto mi costerebbe (== chi ci guadagnerebbe)? Il centro assistenza mi ha detto che probabilmente occorre SOSTITUIRE LA MOTHERBOARD!!!!

Solo io ci vedo qualcosa di doloso nel comportamento anomalo dell'autoestraente che lancia 2 applicazioni in conflitto tra loro, al punto di invalidare la macchina e rendere necessario l'intervento del centro assistenza, che percepisce un guadagno per i notebook fuori garanzia (la garanzia è di 1 anno, ed 1 anno passa alla svelta)? Lo stesso autoestraente che invece, se viene estratto "a manina" da un utente un po' più smaliziato, permette di eseguire l'aggiornamento senza alcun intoppo e senza bisogno del centro assistenza.

Poi (e qui entrano in gioco le competenze tecniche che derivano dal mio mestiere), mai nessuno mi convincerà che è necessario SOSTITUIRE LA MOTHERBOARD per ripristinare il BIOS! Il BIOS è un programma residente in una ROM di tipo flash, cosa devo credere che la casa costruttrice PRIMA programma i chip di ROM e poi assembla le schede? Il normale processo produttivo prevede che la programmazione delle memorie non volatili venga fatta ad hardware assemblato, quindi esisterà sulla motherboard una porta per la programmazione del BIOS, vale a dire nulla da sostituire, gli si connette un flasher e gli si scarica il binario del BIOS da PC per mezzo di un applicativo.

Altra cosa grave è che, per la natura della flash ROM, sarebbe possibile un autoripristino del BIOS stesso, senza alcun intervento di un operatore esterno (se qualcuno fosse interessato, me lo chieda e gli spiegherò come)! Ma ciò renderebbe inutile il centro assistenza.

Quanti di voi hanno dovuto sborsare quattrini per una cosa del genere che non ha senso di esistere?

Esistono tutti gli estremi per intentare una bella azione di classe nei confronti delle case costruttrici, basta essere in un cospicuo numero e rivolgerci ad un'associazione dei diritti dei consumatori.


Ciao a tutti

L' aggiornamento del Bios è ad esclusivo rischio dell'utente "oneri compresi"..
Possono dimostrare che l'utente ha commesso errori.
Mi spiace, ma IMHO le case produttrici hanno ragione.
 

Bugiubantu

Nuovo Utente
3
0
L' aggiornamento del Bios è ad esclusivo rischio dell'utente "oneri compresi"..

su questo nulla da obiettare, qualora i casini sia io a farli

Possono dimostrare che l'utente ha commesso errori.

nel mio caso posso dimostrare di non averne commesso alcuno, e posso anche dimostrare che il loro aggiornamento "Windows BIOS Package V380.exe" fà dei danni di proposito

Mi spiace, ma IMHO le case produttrici hanno ragione.

Le case produttrici vogliono rendersi indispensabili nel "dopo acquisto" dei loro prodotti, altrimenti il rapporto economico col cliente termina

fidati che di politiche aziendali e strategie di mercato delle aziende che producono hardware qualcosa ne so per esperienza diretta
 
T

Toby

Ospite
Bugiubantu ha detto:
L' aggiornamento del Bios è ad esclusivo rischio dell'utente "oneri compresi"..

su questo nulla da obiettare, qualora i casini sia io a farli

Possono dimostrare che l'utente ha commesso errori.

nel mio caso posso dimostrare di non averne commesso alcuno, e posso anche dimostrare che il loro aggiornamento "Windows BIOS Package V380.exe" fà dei danni di proposito

Mi spiace, ma IMHO le case produttrici hanno ragione.

Le case produttrici vogliono rendersi indispensabili nel "dopo acquisto" dei loro prodotti, altrimenti il rapporto economico col cliente termina

fidati che di politiche aziendali e strategie di mercato delle aziende che producono hardware qualcosa ne so per esperienza diretta


Se sei sicuro di aver ragione, portali in causa e chiedigli i danni.
Otterrai soddisfazione.;)
 

Entra

oppure Accedi utilizzando

Discussioni Simili

Hot: Sei vaccinato? [sondaggio anonimo]

  • Primo ciclo vaccinale completo (1-2 dosi)

    Voti: 470 79.0%
  • Fatta 1a dose, in attesa della 2a

    Voti: 20 3.4%
  • Sono prenotato per la 1a dose

    Voti: 12 2.0%
  • Non so se vaccinarmi

    Voti: 16 2.7%
  • Non ho intenzione di vacciarmi

    Voti: 61 10.3%
  • Fatta anche la terza dose

    Voti: 16 2.7%