DOMANDA Sicurezza dati sul portatile - usare solo disco esterno

Daniels29

Nuovo Utente
6
0
Ciao a tutti, volevo chiedervi aiuto per quello che avevo pensato di fare. In pratica posseggo 2 potatili: un vecchio acer aspire 5750g (i5 2410M - ram 8 gb) che sono 10 anni che mi dà belle soddisfazioni e un hp pavilion 15-cx0990nl (i7 8550U - ram 8 gb).

Il mio problema nasce dal fatto che oltre ad avere il backup dei dati, non voglio tenere i dati sugli hard disk dei portatili per ragioni di sicurezza: se dovessero rubare in casa, i miei dati finirebbero nelle mani di chissà chi e vorrei evitare. Anche perchè attualmente oltre ai dati privati, uso il pc per lavoro e ho dati sensibili di progetti per alcuni clienti. Quindi aldilà della perdita di dati, vorrei proprio evitare che finiscano in mani altrui. Tra l’altro sono spesso in mobilità col pc quindi potrebbero anche rubarmelo fuori casa.

Per prevenire, avevo pensato di spostare tutti i dati su hdd esterni e in particolare:

- 1 hd autoalimentato da 2.5" 1 TB usb 3.0 che dovrei acquistare

- 1 hd interno all'hp che userei come esterno mediante cavo adattatore o box (hd ha 1 anno di vita)

- 1 hd 3.5" esterno che ha quasi 10 anni ma tenuto benissimo, non ha mai ricevuto nemmeno un colpetto

La mia soluzione è lavorare con i pc sull' hd autoalimentato 3.0 e usare gli altri 2 dischi per fare i backup periodici (su come fare e quali software usare ci devo ancora pensare o guardare/chiedere qui sul forum).

Detto questo mi chiedevo cosa ne pensate di questa soluzione, in particolare secondo voi con un hdd collegato all'usb 3.0 quanto perdo in termini di fruibilità del dato come lettura/scrittura rispetto ad avere l'hdd collegato direttamente al connettore sulla scheda madre?

Avevo pensato di fare cosi e montare, nello spazio liberato sull'hp, un'altro ssd su cui far girare linux (prevedo di cominciare a smanettare con qualche distro). Questo perche attualmente l'ssd principale è di soli 128 gb con windows 10 che già comincia a starci stretto.

Avevo inizialmente pensato ad un nas ma piu che bisogno di disponibilità avrei bisogno di sicurezza e i piccoli dischi esterni sono piu semplici da mettere al sicuro in mia assenza.

Fatemi sapere cosa ne pensate...
 

ilfe98

Moderatore
Staff Forum
Utente Èlite
2,094
760
CPU
Intel i7 7700K
Dissipatore
Bequiet Dark rock pro 4
Scheda Madre
Msi pc mate z270
HDD
Seagate barracuda 1tb, silicon power NVME 500gb
RAM
Patriot viper steel 3733Mhz
GPU
Inno 3d gtx 1080 herculez design
Monitor
Asus mg279q
PSU
Corsair HX750
Case
Itek lunar 23
Net
Tiscali ftth
OS
windows 10,mint,debian,Arch linux
Dipende che lavoro fai... Se fai un uso memoria spropositato ad esempio video editing, le performance sarebbero pressappoco penose. Considera che gli hdd più veloci sono da 3.5, quindi capirai benissimo che un 2.5 è mediamente molto lento... Inoltre perché non utilizzi una tecnica di crittografia, se dovessero rubare avresti tutto crittografato. La maggioranza dei laptop ha un tpm integrato
Ciao a tutti, volevo chiedervi aiuto per quello che avevo pensato di fare. In pratica posseggo 2 potatili: un vecchio acer aspire 5750g (i5 2410M - ram 8 gb) che sono 10 anni che mi dà belle soddisfazioni e un hp pavilion 15-cx0990nl (i7 8550U - ram 8 gb).

Il mio problema nasce dal fatto che oltre ad avere il backup dei dati, non voglio tenere i dati sugli hard disk dei portatili per ragioni di sicurezza: se dovessero rubare in casa, i miei dati finirebbero nelle mani di chissà chi e vorrei evitare. Anche perchè attualmente oltre ai dati privati, uso il pc per lavoro e ho dati sensibili di progetti per alcuni clienti. Quindi aldilà della perdita di dati, vorrei proprio evitare che finiscano in mani altrui. Tra l’altro sono spesso in mobilità col pc quindi potrebbero anche rubarmelo fuori casa.

Per prevenire, avevo pensato di spostare tutti i dati su hdd esterni e in particolare:

- 1 hd autoalimentato da 2.5" 1 TB usb 3.0 che dovrei acquistare

- 1 hd interno all'hp che userei come esterno mediante cavo adattatore o box (hd ha 1 anno di vita)

- 1 hd 3.5" esterno che ha quasi 10 anni ma tenuto benissimo, non ha mai ricevuto nemmeno un colpetto

La mia soluzione è lavorare con i pc sull' hd autoalimentato 3.0 e usare gli altri 2 dischi per fare i backup periodici (su come fare e quali software usare ci devo ancora pensare o guardare/chiedere qui sul forum).

Detto questo mi chiedevo cosa ne pensate di questa soluzione, in particolare secondo voi con un hdd collegato all'usb 3.0 quanto perdo in termini di fruibilità del dato come lettura/scrittura rispetto ad avere l'hdd collegato direttamente al connettore sulla scheda madre?

Avevo pensato di fare cosi e montare, nello spazio liberato sull'hp, un'altro ssd su cui far girare linux (prevedo di cominciare a smanettare con qualche distro). Questo perche attualmente l'ssd principale è di soli 128 gb con windows 10 che già comincia a starci stretto.

Avevo inizialmente pensato ad un nas ma piu che bisogno di disponibilità avrei bisogno di sicurezza e i piccoli dischi esterni sono piu semplici da mettere al sicuro in mia assenza.

Fatemi sapere cosa ne pensate...
 

Daniels29

Nuovo Utente
6
0
Grazie per la risposta, lavoro molto con excel e con il caricamento in excel o in altri software di dati stoccati in database (poco in realtà). Per lo più file excel che però contengono informazioni riservate. Sul fatto di crittografare il disco potrebbe essere una soluzione ma non so nulla in merito. Non sapevo cosa fosse un tpm, credo che potrebbe avercelo l'hp, appena mi rientra dall'assistenza controllo. Con un disco crittografato sto abbastanza tranquillo quindi? Ripeto non ne so nulla, dovrei anche capire che tecnica di crittografia usare quindi...
 

Entra

oppure Accedi utilizzando

Hot: Quale crypto per il futuro?

  • Bitcoin

    Voti: 65 48.9%
  • Ethereum

    Voti: 52 39.1%
  • Cardano

    Voti: 17 12.8%
  • Polkadot

    Voti: 6 4.5%
  • Monero

    Voti: 12 9.0%
  • XRP

    Voti: 12 9.0%
  • Uniswap

    Voti: 3 2.3%
  • Litecoin

    Voti: 10 7.5%
  • Stellar

    Voti: 8 6.0%
  • Altro (Specifica)

    Voti: 19 14.3%