[Programmazione] La vostra postazione, cosa usate?

icox

Utente Attivo
356
139
Hardware Utente
Ciao mondo, potrebbe essere un thread leggermente fuori tema per la sezione ma penso sia comunque la piu' indicata, se i moderatori fossero di diverso avviso mi scuso e prego di spostare dove opportuno.

Sono in procinto di rinnovare la postazione che uso per lavorare e, fra le varie cose, tocca scegliere un nuovo monitor, una nuova tastiera ed un nuovo mouse (forse).

Il mercato offre soluzioni piu' o meno interessanti ma non avendo molta esperienza in merito ho pensato di chiedere il parere di chi svolge attivita' simili, un po' per curiosita' e per avere qualche dritta, un po' nella speranza che possa essere utile anche ad altri.
Puo' sembrare banale ma la scelta di questi dispositivi puo' fare la differenza per chi si ritrova a pigiare tasti e guardare uno schermo per 8+ ore al giorno.

Quindi andiamo alla sostanza:

Monitor: avete preferenze riguardo al tipo di pannelllo? Configurazione singolo monitor o multipla? Che risoluzione? Che rapporto di forma?
Tastiera/mouse: cosa usate e cosa consigliate? Tastiera meccanica o membrana? Mouse ergonomici o "normali"?

Usate altri dispositivi/supporti/quellochevolete che reputate indispensabili per lavorare al meglio?

Insomma, mi piacerebbe aggregare in un thread tutte le esperienze, opinioni e consigli di chi lavora in questo settore e puo' quindi dare un parere (anche soggettivo) con cognizione di causa.
 
  • Mi piace
Reactions: Moffetta88

_Achille

Utente Èlite
3,004
691
Hardware Utente
CPU
Intel i5-6600K @4.6 GHz
Dissipatore
Cryorig H5
Scheda Madre
ASRock Z170 Extreme 6
Hard Disk
WesternDigital 1TB & Crucial MX200 250GB
RAM
Corsair Ven 16GB DDR4 2133MHz
Scheda Video
Sapphire RX 580 Nitro+
Monitor
Dell S2418H
Alimentatore
RM550X
Case
NZXT S340
Periferiche
Cooler Master XT; Razer Abyssus
Sistema Operativo
Windows 10 Pro
Sicuramente il pannello migliore rimane l’IPS. Sarebbe molto utile avere due o più schermi (ed è qui che l’angolo di visione entra in gioco) ma personalmente non li ho.
Poi sì, una tastiera meccanica.

Più che altro ti consiglio una buona sedia e piano di lavoro con altezze regolate. La schiena ne risente tanto
 

BAT00cent

Utente Attivo
1,000
428
Hardware Utente
Parti da dove ti siedi e dove metti il computer:
scrivania NON economica, larga, se possibile concava (non rettangolare);
sedia ergonomica, 5 razze, braccioli imbottiti, possibilmente certificata;
monitor IPS di formato grande, e per grande intendo sia come polliciaggio (32'', 43'') che come rapporto di forma 21:9 / 22:9 o perfino 32:9, questo ti risparmia il doppio monitor. Se anche il monitor ha curvatura è meglio (quelli piatti sono più per i giocatori); risoluzione del monitor 3440x1440 (21:9), è meglio se vedi un po' più grande rispetto ai "soliti" 3840x2160. Finanze permettendo perfino 5120x1440 (qui siamo sui 32:9);
mouse e tastiera wireless di marca Logitech; tastiera a membrana, quelle meccaniche alla lunga stancano le dita (e tu non sei un giocatore professionista o no?); è un dettaglio comunque.
Il resto dell'hw te lo risparmio: inutile che ti dica che più potenza ha e meglio è ma, CPU a parte, abbonda in RAM: minio 16 GiB, meglio 32 GiB;
per eventuali esigenze video hai solo l'imbarazzo della scelta tra le nuove NVidia e ATI
 

Andretti60

Utente Èlite
3,547
2,371
Hardware Utente
Monitors: Almeno uno per computer, piu' grandi sono meglio e'. La cima del monitor deve essere all'altezza degli occhi.

Tastiera/Mouse: qualsiasi. Devono essere posizionati in modo da avere i gomiti piegati ad angolo leggermente superiore all'angolo retto, il polso deve essere dritto o leggermente piegato verso il basso, le dita sempre a "cadere" sui tasti (tipo per i suonatori di pianoforte). La tastiera sempre piatta (mai usare i "piedini" per angolarla)

Sedia: qualsiasi, preferibilmente con ruote, senza braccioli, perfino senza schienale (cosi' si e' costretti a mantenere la schiena dritta). Io mi siedo avanti nella sedia, per tenermi lontano dallo schienale che uso solo quando sono al telefono (o Skype)

La posizioni non e' tanto importante quanto cambiarla spesso. Io uso un FitBit che mi allerta di muovermi ogni ora, mi alzo e faccio i miei 250 passi: due giri attorno ai cubicoli, cercando di guardare cose non vicine (in modo da fare riposare gli occhi). Esistono anche applicazioni che fanno lo stesso giochetto (avvisare di muoversi).

Questo per un programmatore generico. Ovvio ci sono professioni che richiedono strumenti speciali (tipo tavoletta grafica, stilo, mouse a palla etc)
 
  • Mi piace
Reactions: Dawking

icox

Utente Attivo
356
139
Hardware Utente
Grazie per i contributi!

Il mio dubbio e' sopratutto sul rapporto di forma del monitor, in particolare fra 21:9 e 16:9. Ho provato ad informarmi un po' ma temo sia una cosa troppo personale per trovare pareri oggettivi, probabilmente ne comprero' uno per tipo e fra casa e lavoro vedro' di capire quale e' piu' adatto al mio utilizzo.
Il 32:9 non mi convince onestamente, a quel punto penso preferirei due 16:9 separati. Mi sembra poco pratico da utilizzare tutto quello spazio orizzontale, ho l'impressione (magari errata eh!) che passerei la giornata a spostare/ridimensionare finestre (almeno con gnome che uso ora...).

Curioso come 2 su 3 consiglino tastiere a membrana. A casa sto usando da qualche tempo una meccanica (una Logitech con i suoi switch proprietari) e se da una parte concordo sul fatto che alla lunga "stancano" (parlo di scrittura, non gioco), dall'altra la trovo piu' precisa e confortevole rispetto alla vecchia a membrana. Speravo di risolvere andando su uno switch piu' "morbido" e magari tasti non eccessivamente alti, in particolare avevo visto una Cherry mx-board 3.0 che con gli switch red potrebbe davvero essere interessante (se la si trova...!).

La scrivania non mi e' possibile cambiarla al momento, quindi dovro' farmela andare bene.
 

Andretti60

Utente Èlite
3,547
2,371
Hardware Utente
Scusa, ma da quanto tempo lavori? Lo chiedo perché chi lavora solo dopo pochi giorni capisce benissimo quanto spazio monitor ha bisogno e quale sia la migliore forma, hai ricevuto risposte diverse sul quel tema ma non da me, perché so che dipende dal che programmi si usino e da che uso se ne faccia. Dove lavoro io ne vedo di tutti i colori, c’è perfino chi usa un monitor tenuto orizzontale e uno in verticale perché mostra più contenuto di documenti di testo. Non siamo tutti uguali.
 

pabloski

Utente Èlite
1,931
375
Hardware Utente
Monitor: avete preferenze riguardo al tipo di pannelllo?
IPS

Configurazione singolo monitor o multipla?
Due monitor aiutano parecchio, anche se ci si può abituare ad uno solo.

Che risoluzione?
4k fa una differenza abissale, soprattutto su diagonali grandi

io uso un 27" della LG e nemmeno riesco più a guardare i monitor FullHD che avevo prima

la differenza per il testo è gigantesca

Che rapporto di forma?
4:3 sarebbe l'optimum, ma ormai 16:9 domina

Tastiera/mouse: cosa usate e cosa consigliate? Tastiera meccanica o membrana? Mouse ergonomici o "normali"?
Le tastiere meccaniche sono migliori per chi programma. Tuttavia ho, alcuni anni fa, trovato un gioiellino della Logitech, la K310.

5 mesi fa ho comprato una Lenovo con trackpoint, perchè non avevo mai provato il trackpoint e molti dicono che è comodo

la tastiera in verità va benino, ma non meglio della K310...il trackpoint, non riesco a farci l'abitudine e ha il brutto vizio di impazzire a volte...cioè il puntatore del mouse continua a muoversi, nonostante non lo stia toccando, segno che il dispositivo è "bloccato" in qualche modo...forse cariche elettrostatiche...boh

per fortuna uso Vim e la Vim mode in VSCode, IntelliJ e Sublime...e questo è un punto importante, perchè per quanti mouse, trackpoint o altro tu possa usare, niente batte la produttività di riuscire a fare tutto o quasi da tastiera

quando non usavo Vim, impazzivo tra mouse e tastiera...cioè spostare continuamente la mano tra tastiera e mouse è stancante e fa perdere tempo

il trackpoint in questo aiuta

Usate altri dispositivi/supporti/quellochevolete che reputate indispensabili per lavorare al meglio?
nope, ma lessi un articolo di uno sviluppatore cieco che implementò un sistema di riconoscimento vocale che, secondo lui, funziona alla grande

eh mi è presa la scimmia...vedrò quand'ho un pò di tempo cosa si può fare

magari accoppiato all'eye tracking si potrebbero fare cosine interessanti
 

BrutPitt

Utente Attivo
Monitor
Da quando passai ai TFT (lasciando il mio CRT Sony), ho sempre ricercato "almeno" il 1200 in verticale (piu' righe vedo, meglio e').
Al posto del calssico 16:9 FullHD, ho sempre scelto/preferito i 16:10 (1920x1200)... due da 24".
Da un paio di anni son passato al 4K, e come dice @pabloski e' decisamente un altro pianeta... e confermo, almeno 27"/28", ed a quel punto ne basta anche uno... (personalmente ho scelto un Philips 32")
Per cio' che riguarda il TFT, ho fatto una scelta "controcorrente": ho preso un MVA, consapevolmente, lasciando i 2 24" IPS (sempre Philips)
Cio' perche' amo programmare con poca luce ambiente (di sera solo dietro al monitor: ora che ho le tastiere retroilluminate) ed uso/imposto gli editor a sfondo nero, e il nero sui pannelli MVA e' NERO, mentre sugli IPS si nota leggeremente un alone di "retroilluminazione".

Tastiera
Per me la tastiera e' importante ed ammetto di esser un po' (eufemistico!) fissato (ho le mie fisime!), non tanto col tipo di tasti (anche se adesso che uso la meccanica non tornerei indietro, ed anche la retroilluminazione ha un suo perche') , ma per cio' che riguarda il layout:
ASSOLUTAMENTE americana, che sia US: nemmeno UK, che abbia il tastierino numerico (con numlock che tengo sempre OFF perche' del tastierino uso esclusivamente i tasti di posizionamento: sono nato con l'XT), inoltre deve avere il BackSpace "grande" (che occupi 2 posizioni orizzontali) e il tasto Enter a forma di L capovolta (che occupi almeno 2 file verticali)

Tutto il resto puo' passare (relativamente) in secondo piano... fermo restando che, lavorando personalmente in ambito 3D, la GPU deve rivestire una certa importanza: deve quantomeno avere le ultime specifiche (OpenGL/DX/Vukan/etc) sebbene non abbia mai mirato al TOP di gamma (son rimasto sempre tra la serie *60 e la *70 di NVidia, per esempio), e lavorando prettamente in C/C++, una buona CPU fa la differenza.
Se usi un compilatore (C/C++ per es.), mi verrebbe da suggerirti di eccedere un po' con la RAM, in modo da poterne destinare un po' per un RAMDISK, dove pilotare l'output. (ovviamente con progetti di un certo spessore)

Ho scritto tutto questo, non per dirti "quanto sono fissato" con certe cose (perche' lo sono! :D )... ma quanto sia importante capire cio' che ci mette a nostro agio quando si lavora.
(perche' alla fine riesco a lavorare tranquillamente anche su tastiere italiane, senza tastierino... ma le devo guardare quando: digito, seleziono, copio, incollo, mi sposto, etc)

P.S.
Ah, dimenticavo: la sedia/poltrona, in tessuto!
 
Ultima modifica:

Andretti60

Utente Èlite
3,547
2,371
Hardware Utente
Monitor
Da quando passai ai TFT (, e ....
Il tuo post è estremamente importante perché, come dissi prima, fa capire che non esiste una soluzione one-size-fits-all, ma veramente dipende dalle nostre preferenze e dal nostro tipo di attività. E ovviamente dalle nostre tasche :)

Altra considerazione: una volta che si va a lavorare in una azienda, non sempre si ha la possibilità di avere quello che si vuole, non solo per motivi di budget ma anche logistici. Per esempio non è facile mettere un grosso monitor da 32 pollici in un cubicolo, e a volte occorre spostarsi dalla nostra posizione in quella di un laboratorio, che ha un layout completamente diverso e viene usato da più persone. E se si deve viaggiare, non c’è scelta ma bisogna usare un laptop.
Insomma, bisogna imparare a essere “adattabili”.
 
  • Mi piace
Reactions: BrutPitt

BrutPitt

Utente Attivo
Altra considerazione: una volta che si va a lavorare in una azienda, non sempre si ha la possibilità di avere quello che si vuole, non solo per motivi di budget ma anche logistici. Per esempio non è facile mettere un grosso monitor da 32 pollici in un cubicolo, e a volte occorre spostarsi dalla nostra posizione in quella di un laboratorio, che ha un layout completamente diverso e viene usato da più persone. E se si deve viaggiare, non c’è scelta ma bisogna usare un laptop.
Insomma, bisogna imparare a essere “adattabili”.
Mi trovi assolutamente d'accordo sul discorso di essere adattabili alle situazioni... e prenderle sempre con filosofia.
Non ho mai lavorato in un cubicolo, ma i primi anni "professionali" li ho fatti all'Istituto di Geologia Marina del CNR (con la tesi, prima, e borse di studio, poi), si lavorava in open-space e sulla workstation disponibile al momento, e capitava anche che ci fosse la necessita' di lavorare sul campo... in mare!
Non sempre (anzi, mai quando si andava fuori dal mediterraneo) erano navi da ricerca ad hoc, come si vede nei films... si preferiva affittare (per via del budget) vecchie navi della ex marina mercantile russa adattate, parlo dell'ex URSS, con equipaggio russo, in cui si imbarcavano tutte le "nostre" apparecchiature per fare sismica multicanale.
E li', oltre alle condizioni logistiche e climatiche (che sotto coperta non sono proprio ideali)... bisognava adattarsi anche al moto ondoso.
Ma in fondo la pazienza e l'adattabilita' sono doti che a "noi" programmatori non dovrebbero mancare. ;)

Qui pero' si parla di condizioni ideali, quelle in cui ogni programmatore si augurerebbe di trovarsi, ed in cui riesce, o dovrebbe riuscire, ad esprimersi al massimo.
Ovvio, bisogna fare i conti col budget (e con l'azienda), e proprio per questo ho posto l'accento solo sui 2 componenti che repouto fondamentali (che poi della tastiera a me interessa prettamente il layout)
Il monitor, soprattutto: come programmatore dovrai leggere li' sopra, e "lui" lavorera' sempre al 100%, mentre tutto il resto del sistema (CPU/GPU/SSD/etc), il piu' del 90% del tempo sara' in idle, aspettando che tu digiti...
E' un pezzo fondamentale che "dedicherai" ai tuoi occhi (e alla tua vista), che ti seguira' oltretutto per alcuni anni, su cui destinare buona parte del budget, magari limando qualcosa ai fondi destinati ad altro.. al nuovo mouse e/o anche alla "meccanica" della tastiera.
Insomma, se posso permettermi di darti un consiglio, non spenderei 150 euro per una tastiera meccanica, se poi devi tagliare sul moitor.

Curioso come 2 su 3 consiglino tastiere a membrana. A casa sto usando da qualche tempo una meccanica (una Logitech con i suoi switch proprietari) e se da una parte concordo sul fatto che alla lunga "stancano" (parlo di scrittura, non gioco), dall'altra la trovo piu' precisa e confortevole rispetto alla vecchia a membrana. Speravo di risolvere andando su uno switch piu' "morbido" e magari tasti non eccessivamente alti, in particolare avevo visto una Cherry mx-board 3.0 che con gli switch red potrebbe davvero essere interessante (se la si trova...!).
Ci sono tastiere a membrana fantastiche: ho dismesso le mie due Logitech UltraFlat, da 20 euro, solo qualche anno fa, dopo 10 anni di onorato servizio... e solo perche' una mi ha abbandonato, dopo averci versato sopra un'intera tazza di caffe.
Nella ricerca delle sostitute presi anche una Logitech G413 (con i suoi tasti propretari), che a listino costa 100 euro in piu', e a mio parere non e' affatto migliore: proprio dal punto di vista precisione riscontro un attrito variabile a seconda che il tasto venga premuto centralmente o sul bordo, cosa che non avveniva nelle mie precedenti a membrana , e non accade negli switch Cherry-mx.
 
Ultima modifica:
  • Mi piace
Reactions: Andretti60

icox

Utente Attivo
356
139
Hardware Utente
Ringrazio tutti per gli interventi!

Riprendendo un po' i vari temi, inizio col dire che finora ho sempre utilizzato classici pannelli 16:9 1080p (per lo piu' IPS) ed il salto verso i 1440p lo vedo quasi come obbligatorio. Sul 4k ho qualche riserva per via delle dimensioni massime a cui posso arrivare, facendo due verifiche molto "spannometriche" andare sopra i 27" potrebbe non essere fattibile, sia per un discorso di larghezza che di distanza finale dal pannello una volta seduto.
Mi rendo conto che sono scelte molto soggettive, il mio scopo iniziale era sondare un po' i pareri di tutti per capire se c'erano risoluzioni/rapporti di forma particolarmente apprezzati e diffusi. Come detto penso prendero' due tipologie diverse per casa e lavoro cosi da farmi un'idea migliore.

Il budget non e' un grosso problema (chiaramente vorrei evitare di buttare via soldi per nulla), sono strumenti che uso fin troppe ore e non mi interessa risparmiare quel centinaio di euro se questi mi permettono di lavorare meglio.

Curioso il tuo commento @BrutPitt (oltre che l'attivita' estremamente interessante!), mi hai fatto ricordare di quando mi sono ritrovato (senza preavviso) solo col laptop a dover fare dei test su varia sensoristica per la misurazione di vento e corrente su una piccola imbarcazione in mezzo al mare, quindi concordo pienamente sul fatto che l'adattabilita' sia una dote piuttosto importante!

Grazie a tutti per l'interessante discussione
 
Ultima modifica:

Moffetta88

Utente Èlite
4,181
1,837
Hardware Utente
Postazione di casa
Doppio monitor, ips + tn, entrambi full hd, sedia dell'ikea perfetta per le mie chiappe e la mia schiena ( testa adeguatamente ), tastiera a membrana della cooler master (cm strom ) e mouse del medesimo kit, e tappetino da scrivania della eligoo.
Postazione in ufficio:
sedia da ufficio, singolo monitor ips, mouse e tastiera della asus

La postazione migliore che ho trovato, però, è stata in un altro ufficio:
3 monitor ips fullhd con 2 orizzontali ed uno verticale, tutto collegato ad una doc station ed al mio portatile..eeeeee scrivania alta e niente sedia! Ci ho lavorato per delle ore e zero problemi di schiena, basta avere delle scarpe comode xD
 

Andretti60

Utente Èlite
3,547
2,371
Hardware Utente
... scrivania alta e niente sedia! Ci ho lavorato per delle ore e zero problemi di schiena, basta avere delle scarpe comode xD
Attento, il corpo umano (specie la spina dorsale) non è fatto per passare troppo tempo sempre nella stessa posizione, specie se non ci si muove. È fatto per camminare. Ci sono posizioni che solo a lungo tempo si rivelano nocive. Anche io non avevo nessun problema a passare ore e ore in piedi o seduto finché non iniziai ad avere costanti problemi di schiena. Corretti da un eccellente fisioterapista che mi fece notare che il dolore era muscolare, dovuto ai muscoli che dovevano compensare una posizione non corretta quando stavo in piedi. Corretta la posizione, ora sono anni che non soffro più, ma il trucco è essenzialmente continuare a spostare la posizione seduto/in piedi in modo da fare lavorare diversi muscoli. PS ho 59 anni, ho fatto sempre questo mestiere quindi la mia schiena ha parecchi anni di sovraccarico, posso dirmi fortunato adesso di non avere problemi (nemmeno nei polsi)
 
  • Mi piace
Reactions: Moffetta88

Entra

oppure Accedi utilizzando