DOMANDA Non so quale università scegliere

Sabrina_S.

Nuovo Utente
Salve a tutti,
Sono nuova qua, quindi chiedo scusa se per caso avessi sbagliato la categoria della discussione o cose del genere.

Ho un problema enorme.
Ho terminato le superiori quest'anno con un bel 100 e lode, ho frequentato l'istituto tecnico economico, indirizzo "Amministrazione Finanza e Marketing" ramificazione "Sistemi Informativi aziendali".
Ad oggi, 14 luglio, non ho ancora deciso l'università per me ed ho paura che sia già troppo tardi per i test e vorrei evitare di prendermi un anno sabbatico.
Mi è molto difficile scegliere perché non ho una passione ben precisa.
A scuola ho studiato principalmente economia aziendale e informatica.
Avevo pensato di andare al dipartimento di informatica di Pisa (molte persone mi hanno consigliato di frequentarlo compreso il mio prof di informatica), ma sono in forte dubbio anche per Ingegneria Informatica.
In realtà il problema principale è proprio in generale trovare un università che mi piaccia, perché non sono sicura di essere adatta a queste dette in precedenza.
Ad esempio quest'anno a scuola, a informatica abbiamo studiato l'ERP, il modello TCP/IP e ISO/OSI, Sistema informativo aziendale, sicurezza informatica ecc.
Ma se devo essere sincera l'ho studiata con fatica, anche se con voti sempre ottimi, non mi è piaciuta molto se non l'ultima parte di sicurezza informatica... più che altro perché non capivo a cosa serviva nella vita vera e per quel poco che ho capito su di me preferisco cose di cui si vedano i risultati pratici subito e non tanto quindi cose teoriche.
Di tutte le cose studiate in 5 anni mi è piaciuto tantissimo HTML, ovviamente le basi, quindi ho pensato che forse mi piaccia programmare (so che HTML non è un linguaggio di programmazione), ma in fin dei conti io non ho mai programmato e non conosco nessun linguaggio di programmazione, quindi poi magari non mi piace.
A me piace anche disegnare e piace molto il lato della grafica digitale, social media, marketing e videogiochi... ma mi piace molto anche la robotica, domotica ecc.
Sono sempre andata bene a matematica, ma ovviamente capisco anche che la matematica di un tecnico economico serva ben poco in quei dipartimenti (ho studiato principalmente matematica finanziaria, applicata all'economia).

Ora mi stanno sorgendo forti dubbi e vorrei porvi delle domande:
  1. Che differenza c'è tra Informatica e Ingegneria informatica? (Spiegata in maniera molto semplice perché ancora oggi, dopo varie spiegazioni da parte di più persone, continuo a non capire molto)
  2. Che lavori si fanno poi con informatica e quali con Ing. Informatica?
  3. A informatica si studiano anche quegli argomenti che ho nominato sopra, studiati alle superiori?
  4. Provenendo da un istituto tecnico economico non ho praticamente basi né di matematica, né di fisica ecc. Credete che questo possa essere un problema nel caso scegliessi quei dipartimenti?
  5. Io ho paura di scegliere informatica per il semplice fatto che mi piace la tecnologia, i computer, i videogiochi, i social, forse la programmazione, i siti web ecc. e poi scoprire che in realtà si studia tutt'altro e non mi piaccia e abbandonarla. Qualcuno che la frequenta mi spiega per bene come funziona e cosa si studia?
  6. Se eventualmente mi volessi cimentare nel ramo dei videogiochi dovrei fare informatica o mi consigliate di andare nelle università dedicate appositamente a quello? Anche se non ho ancora capito se quelle danno una laurea valida o no...
  7. Ho studiato con molta fatica le materie in generale quest'anno e so che entrambi i dipartimenti necessitano di studio intenso, diverse ore al giorno. È davvero come mi hanno detto che, specialmente in ing. informatica si deve studiare moltissimo anche 10h al giorno?
  8. Ultima domanda. Siccome mi piace molto anche la parte della gestione social media, grafica pubblicitaria, animazione ecc. Pensavo, di intraprendere Informatica, in modo da avere una buona laurea, e contemporaneamente fare dei corsi aggiuntivi. Secondo voi è una buona idea? E se sì, mi sapreste indicare qualche sito sicuro su cui possa fare corsi di quel genere, che possano accrescere il mio curriculum?
Chiedo scusa per la lunghezza del testo e grazie a chi risponderà
Post automaticamente unito:

 
Ultima modifica:

rctimelines

Utente Èlite
3,590
1,092
Hardware Utente
CPU
AMD Ryzen 5 2600x - Intel i5 6400
Dissipatore
stock - Arctic Freezer 11LP
Scheda Madre
Asrock Fatal1ty 4K - Asus H110M
Hard Disk
Samsung 970evo - vari
RAM
16GB G.Skill TridentZ 3000 - 8GB CORSAIR Vengeance LPX 2400
Scheda Video
ATI Firepro V7900 2GB - Asus R9 280x 3Gb
Monitor
DELL 2419P 2K + Benq 19'' - Acer 24" FHD
Sistema Operativo
Windows10-pro64/OpenSUSE-QL42.3/Manjaro-17.0.2-KDE
Mi auguro che si tratti di uno scherzo.. ho perso tempo a leggere tutto nella speranza di trovare qualche indizio, qualche iperbole, che me lo confermasse.

La cosa che trovo più preoccupante è che uno, alle cinque del mattino, scriva e decida di inviare il suo primo post in un forum che tratta principalmente di informatica da gamers, un quesito così importante, personale e piuttosto fuori luogo.
Forse hai una visione distorta di cosa sia questo forum, forse condizionati dall'uso dei social network ci si convince di poter chiedere di tutto a tutti. Ma che consiglio puoi aspettarti? Ma come puoi pensare che qui ti vengano proposte le scelte giust per il tuo futuro?.. e poi,. soprattutto: perché la numerazione delle domande inizia da 9???

Per il resto, a quasi cinquant'anni, sono arrivato alla conclusione che, a parte all,'aspetto goliardico e di divertimento, l'università è una cosa che dovrebbe essere percorsa intensamente e con la massima velocità possibile. Non puoi scegliere in base a ciò che ti piace in questo momento e crearti delle aspettative in ciò che ti verrà insegnato e in ciò che vorrai fare. Intanto perché nel corso di studi scoprirai cose che non conoscevi e che ti appassioneranno (anche se andrai a fare scienze naturali o psicologia) e poi perché il lavoro che andrai a fare (quello si dovrebbe piacerti) può essere del tutto inaspettato.
Se uno è incerto può iscriversi a facoltà più generiche e con ampi sbocchi, in modo da avere un buon titolo di studio e poter gestire le proprie passioni anche in ottica lavorativa; pensa a filosofia, statistica o ingegneria gestionale.

Non capisco il problema di studiare 10 ore al giorno, che poi potrebbe valere per qualsiasi corso se uno non ci capisce una mazza! Se la cosa, detta così, ti preoccupa allora hai qualche problema!

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
 

BullClown

Utente Attivo
469
157
Hardware Utente
CPU
Intel i5 8600K
Dissipatore
Noctua NH-L12S
Scheda Madre
Asus Rog Strix B360-G
Hard Disk
Crucial MX300 525GB
RAM
Corsair Vengeance LPX 8GB (2x4GB) 2133MHz
Scheda Video
Zotac GeForce GTX 1060 3GB Mini
Monitor
Dell S2316H
Alimentatore
EVGA SuperNOVA 550 G2
Case
Phanteks Eclipse P400
Sistema Operativo
Windows 10
Mi auguro che si tratti di uno scherzo.. ho perso tempo a leggere tutto nella speranza di trovare qualche indizio, qualche iperbole, che me lo confermasse.

La cosa che trovo più preoccupante è che uno, alle cinque del mattino, scriva e decida di inviare il suo primo post in un forum che tratta principalmente di informatica da gamers, un quesito così importante, personale e piuttosto fuori luogo.
Forse hai una visione distorta di cosa sia questo forum, forse condizionati dall'uso dei social network ci si convince di poter chiedere di tutto a tutti. Ma che consiglio puoi aspettarti? Ma come puoi pensare che qui ti vengano proposte le scelte giust per il tuo futuro?.. e poi,. soprattutto: perché la numerazione delle domande inizia da 9???

Per il resto, a quasi cinquant'anni, sono arrivato alla conclusione che, a parte all,'aspetto goliardico e di divertimento, l'università è una cosa che dovrebbe essere percorsa intensamente e con la massima velocità possibile. Non puoi scegliere in base a ciò che ti piace in questo momento e crearti delle aspettative in ciò che ti verrà insegnato e in ciò che vorrai fare. Intanto perché nel corso di studi scoprirai cose che non conoscevi e che ti appassioneranno (anche se andrai a fare scienze naturali o psicologia) e poi perché il lavoro che andrai a fare (quello si dovrebbe piacerti) può essere del tutto inaspettato.
Se uno è incerto può iscriversi a facoltà più generiche e con ampi sbocchi, in modo da avere un buon titolo di studio e poter gestire le proprie passioni anche in ottica lavorativa; pensa a filosofia, statistica o ingegneria gestionale.

Non capisco il problema di studiare 10 ore al giorno, che poi potrebbe valere per qualsiasi corso se uno non ci capisce una mazza! Se la cosa, detta così, ti preoccupa allora hai qualche problema!

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
Non capisco tutto questo accanimento verso l'utente che ha posto la domanda. Sì, in un forum del genere è strano vedere questo tipo di domande, ma esistono sezioni di tutti i tipi e non vedo perchè un utente non possa porre domande del genere. Il fatto di aver posto la domanda solamente il 14 Luglio, potrebbe essere anche indizio di forte incertezza e non trovando consigli utili dalle persone che gli stanno accanto, cerca altrove possibili risposte. Se avesse posto la domanda su un forum di cucina, allora sì che mi sarei posto dei dubbi. In ogni caso, il compito di chi risonde alle domande non è quello di giudicare, ma di dare consigli.

Tornando a te, @Sabrina_S. , ti posso raccontare la mia esperienza universitaria che sto attualmente affrontando e che a ottobre (spero) terminerà con la laurea magistrale in Informatica. Andiamo con ordine:
Che differenza c'è tra Informatica e Ingegneria informatica? (Spiegata in maniera molto semplice perché ancora oggi, dopo varie spiegazioni da parte di più persone, continuo a non capire molto)
Purtroppo non ti so rispondere nel dettaglio e per capire davvero a fondo dovresti partecipare agli open day (anche se ormai non penso ci siano più nelle università) o recarti sui siti appositi dei dipartimenti e controllare i differenti esami con i relativi programmi di studi. Per quello che ho sentito dire io di ingegneria informatica è che c'è più teoria e più matematica rispetto ad un corso di informatica. Cerca anche gruppi di facebook di informatica e ingegneria informatica delle varie università e chiedi se ti possono condividere informazioni relative ai corsi o qualsiasi altra informazione che ti possa comunque chiarire meglio ciò che si studia.
Ad oggi, 14 luglio, non ho ancora deciso l'università per me ed ho paura che sia già troppo tardi per i test e vorrei evitare di prendermi un anno sabbatico.
Ogni università penso abbia delle date specifiche per l'iscrizione ai test di ingresso, quindi anche in questo caso devi controllare sui siti appositi. Nel caso non dovessi più essere in tempo ti do questo consiglio: scegli un corso di studi a numero aperto che possano avere esami che puoi tenere buoni per il corso che vorresti poi effettivamente fare in modo da tentare il prossimo anno il test e avere esami già fatti. Per esempio io mi ero tenuto Matematica come corso alternativo a numero aperto in modo che esami come "analisi 1", "analisi 2" e altri me li avrebbero potuti tenere buoni per Informatica.
Che lavori si fanno poi con informatica e quali con Ing. Informatica?
Con informatica puoi fare tutto. Per davvero. L'informatica ormai è ovunque e la puoi applicare in qualsiasi campo.
A informatica si studiano anche quegli argomenti che ho nominato sopra, studiati alle superiori?
Sì, anche quelli, ma i programmi sono talmente vasti e spaziano così tanto che per gli argomenti che hai citato ci saranno sì e no 2/3 corsi su 40.
Provenendo da un istituto tecnico economico non ho praticamente basi né di matematica, né di fisica ecc. Credete che questo possa essere un problema nel caso scegliessi quei dipartimenti?
Anche chi fa il classico potrebbe andare a fare informatica se è davvero interessato a quell'ambito. Farà certamente più fatica di uno che ha delle basi di matematica, ma si parte dalle basi quindi non avrai grossi problemi ad affrontare questo percorso di studi. Da quanto scrivi sembri anche una persona che studia molto o comunque che capisci in fretta le cose, quindi non sarà un problema. Tieni presente che qualsiasi percorso di studio andrai ad affrontare troverai sempre l'esame che non ti piacerà e farai fatica a dare, quindi non disperarti se già al primo semestre troverai argomenti che non ti piacciono. Proprio perchè si parte dalle basi i corsi di studi prendono gli argomenti molto alla larga per poi arrivare già al terzo anno a farti scegliere corsi riguardanti ambiti specifici dell'informatica: bioinformatica, studio di immagini, robotica, architetture del software, ecc...
Io ho paura di scegliere informatica per il semplice fatto che mi piace la tecnologia, i computer, i videogiochi, i social, forse la programmazione, i siti web ecc. e poi scoprire che in realtà si studia tutt'altro e non mi piaccia e abbandonarla. Qualcuno che la frequenta mi spiega per bene come funziona e cosa si studia?
Se ti rendi conto che non ti piace un persorco di studi che hai affrontato puoi sempre cambiarlo. Magari perderai un anno è vero, ma almeno hai capito che quello non faceva per te. A moltissima gente capita di perdere un anno (o più) perchè capisce che affrontando un determinato percorso di studi, questo non faceva per lui/lei. Non aver paura di cambiare, perchè se andrai avanti con qualcosa che non ti piace, alla fine ti troverai a fare un lavoro che ti peserà per tutta la vita. Potrai cambiare lavoro e fare tutt'altra cosa, sì, ma sarà più difficile che cambiare all'università. Comunque, come ho detto precedentemente, se sei appassionata di informatica, questo campo è nel pieno del suo sviluppo ed è applicato ovunque, quindi difficilmente non riuscirai a trovare qualcosa che ti piaccia. Tendenziamente nei primi due anni della triennale ci sono corsi molto generici e hai tempo per capire su cosa specializzarti al terzo anno. Se vorrai proseguire inoltre con la magistrale (scelta decisamente consigliata), potrai specializzarti maggiormente nell'ambito che ti interessa di più.
Se eventualmente mi volessi cimentare nel ramo dei videogiochi dovrei fare informatica o mi consigliate di andare nelle università dedicate appositamente a quello? Anche se non ho ancora capito se quelle danno una laurea valida o no...
L'università è vista, a parere mio, meglio dei corsi che ti danno un certificato. Alcune università hanno delle specializzazzioni per videogiochi, ma non sono forse molte. Se frequenti un'università di informatica comunque potrai sempre essere assunta da un'azienda che tratta di videogiochi.
Ho studiato con molta fatica le materie in generale quest'anno e so che entrambi i dipartimenti necessitano di studio intenso, diverse ore al giorno. È davvero come mi hanno detto che, specialmente in ing. informatica si deve studiare moltissimo anche 10h al giorno?
Organizzazzione e gruppo. Se ti organizzi bene lo studio e non studi da sola, sarà tutto più semplice. Dovrai studiare magari anche più di 10h al giorno, ma non ti peseranno. Ho passato giornate intere in università a studiare con amici e poi trovarci magari a casa di qualcuno alla sera perchè l'università chiudeva e dovevamo finire di studiare o di fare qualche progetto, ma era piacevole farlo, non era pesante perchè ero in compagnia e perchè mi piaceva quello che facevo. Lo studio dell'università è completamente diverso da quello del liceo e lo capirai affrontandolo.
Ultima domanda. Siccome mi piace molto anche la parte della gestione social media, grafica pubblicitaria, animazione ecc. Pensavo, di intraprendere Informatica, in modo da avere una buona laurea, e contemporaneamente fare dei corsi aggiuntivi. Secondo voi è una buona idea? E se sì, mi sapreste indicare qualche sito sicuro su cui possa fare corsi di quel genere, che possano accrescere il mio curriculum?
Mi spiace, ma purtroppo su questo non ti posso aiutare. Unico consiglio: se decidi di fare un persorso di studi affrontalo al meglio e concentrati su quello, non iniziare troppe cose insieme altrimenti rischi di fare tante cose e male. Poi ognuno è diverso e magari riesci a gestire tutto al meglio.

Spero di esserti stato un minimo di aiuto e nel caso avessi altre domande, chiedi pure :)
 
Ultima modifica:

LucaBORIS

Utente Attivo
751
127
Hardware Utente
allora se tu hai fatto Amministrazione Finanza e Marketing non capisco perchè ora vuoi fare informatica, non sarebbe meglio Economia aziendale o Economia e finanza?

Ti dirò, è molto importante vedere il percorso di studi prima di scegliere, non puoi semplicemente pensare a cosa ti piace, devi pensare a cosa riesci a fare.

Se sei bravo in matematica ingegneria informatica fa per te ma, in caso contrario avrai molte difficoltà e il tempo in cui ti laurei è molto importante, non puoi andare lì e pensare di laurearti quando sarà, sono 3 anni e 3 anni massimo 3 anni e mezzo devono essere.
Poi informatica è molto più facile di ingegneria informatica.

Un altra cosa ti dico, il lavoro è lavoro, gli hobby sono gli hobby, basati su ciò che devi studiare e sul lavoro futuro non su altro.
Detto questo ripeto, per me sarebbe meglio proseguire l'indirizzo che hai fatto se non hai basi di matematica anche se ti avverto Economia Aziendale e simili hanno molta matematica, se vuoi un indirizzo senza matematica ti consiglio Marketing anche se per il lavoro non è che vada poi così bene nella situazione attuale.
 
  • Mi piace
Reactions: Andretti60

r3dl4nce

Utente Èlite
1,850
616
Hardware Utente
Io personalmente sconsiglio di perdere tempo con l'università, soprattutto in campi così "vicini" al mondo del lavoro e consiglio di addentrarsi subito proprio nel settore lavorativo, iniziare a trovare un primo impiego magari nel tuo settore di competenza o in un settore che ti piace e in cui sei ferrata, così da iniziare a farti esperienza, conoscenze e soldi.
Se proprio un domani sentirai l'esigenza di avere un "pezzo di carta" chiamato laurea, sarai sempre in tempo a prenderla. Ma prima inizi a prendere confidenza con le difficoltà del mondo lavorativo (per il quale le università non preparano) meglio sarà
 

rctimelines

Utente Èlite
3,590
1,092
Hardware Utente
CPU
AMD Ryzen 5 2600x - Intel i5 6400
Dissipatore
stock - Arctic Freezer 11LP
Scheda Madre
Asrock Fatal1ty 4K - Asus H110M
Hard Disk
Samsung 970evo - vari
RAM
16GB G.Skill TridentZ 3000 - 8GB CORSAIR Vengeance LPX 2400
Scheda Video
ATI Firepro V7900 2GB - Asus R9 280x 3Gb
Monitor
DELL 2419P 2K + Benq 19'' - Acer 24" FHD
Sistema Operativo
Windows10-pro64/OpenSUSE-QL42.3/Manjaro-17.0.2-KDE
Io personalmente sconsiglio di perdere tempo con l'università, soprattutto in campi così "vicini" al mondo del lavoro e consiglio di addentrarsi subito proprio nel settore lavorativo, iniziare a trovare un primo impiego magari nel tuo settore di competenza o in un settore che ti piace e in cui sei ferrata, così da iniziare a farti esperienza, conoscenze e soldi.
Se proprio un domani sentirai l'esigenza di avere un "pezzo di carta" chiamato laurea, sarai sempre in tempo a prenderla. Ma prima inizi a prendere confidenza con le difficoltà del mondo lavorativo (per il quale le università non preparano) meglio sarà
Scusa, pur rispettando le opinioni degli altri, mi sento in dovere di dire che il tuo consiglio è da vero sprovveduto. Senza quello che chiami "pezzo di carta" in certi ambiti lavorativi davvero interessanti (e anche molto remunerativi) non ci metti piede (parlo, per esempio, di settori dirigenziali e della ricerca)

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
 
  • Mi piace
Reactions: Fea

r3dl4nce

Utente Èlite
1,850
616
Hardware Utente
Scusa, pur rispettando le opinioni degli altri, mi sento in dovere di dire che il tuo consiglio è da vero sprovveduto. Senza quello che chiami "pezzo di carta" in certi ambiti lavorativi davvero interessanti (e anche molto remunerativi) non ci metti piede (parlo, per esempio, di settori dirigenziali e della ricerca)

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
È un'opinione come altre, sperimentata tra l'altro sulla mia pelle (lavoro senza laurea da quando avevo 19 anni e ne ho quasi 40, da 10 socio di un'azienda locale con bilanci in attivo).
In certi settori, per fortuna, conta ancora più la bravura che il pezzo di carta. Capisco che in Italia la meritocrazia non funzioni quasi più per niente ed è un peccato, ma se si hanno qualità e capacità il pezzo di carta non serve e i 3 / 5 / ecc anni persi a prenderlo potrebbero essere utilizzati più proficuamente integrandosi da subito nell'ambito lavorativo.
Non è da tutti farlo e/o saper dimostrare così le proprie capacità? Probabile. Non è valido per tutti gli ambiti? Vero.
Ma semplicemente partire dal presupposto di dover per forza fare l'università lo trovo sbagliato, non è fondamentale.
 

rctimelines

Utente Èlite
3,590
1,092
Hardware Utente
CPU
AMD Ryzen 5 2600x - Intel i5 6400
Dissipatore
stock - Arctic Freezer 11LP
Scheda Madre
Asrock Fatal1ty 4K - Asus H110M
Hard Disk
Samsung 970evo - vari
RAM
16GB G.Skill TridentZ 3000 - 8GB CORSAIR Vengeance LPX 2400
Scheda Video
ATI Firepro V7900 2GB - Asus R9 280x 3Gb
Monitor
DELL 2419P 2K + Benq 19'' - Acer 24" FHD
Sistema Operativo
Windows10-pro64/OpenSUSE-QL42.3/Manjaro-17.0.2-KDE
Si, un'opinione come un'altra ma che non condivido e trovo profondamente sbagliata perché la tua esperienza personale non può essere generalizzata. Che ti abbiano " tirato dentro in una ditta che ha il bilancio in attivo" non rappresenta una mazza e il fatto che in Italia non ci sia meritocrazia ancora meno.

In ogni parte del mondo un diploma di laurea costituisce una qualifica basilare per svolgere professioni di un certo conto (non la dittarella con il bilancio in attivo). La AD di Microsoft Italia ha più o meno la tua età.
All'estero il titolo di studio è considerato ancora più di quanto non avvenga in Italia. E ormai i tempi sono cambiati, una laurea triennale (junior) vale quanto un diploma di una decina di anni fa: è un requisito davvero minimo.


Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
 
Ultima modifica:

r3dl4nce

Utente Èlite
1,850
616
Hardware Utente
Non vedo perché usare toni del genere, l'op ha chiesto un consiglio su che università scegliere e io ho dato il mio, ovvero nessuna e iniziare subito a lavorare, almeno se le interessa rimanere in Italia.
Te hai dato i tuoi consigli.
Starà all'op fare le proprie valutazioni, non a te.
 

BullClown

Utente Attivo
469
157
Hardware Utente
CPU
Intel i5 8600K
Dissipatore
Noctua NH-L12S
Scheda Madre
Asus Rog Strix B360-G
Hard Disk
Crucial MX300 525GB
RAM
Corsair Vengeance LPX 8GB (2x4GB) 2133MHz
Scheda Video
Zotac GeForce GTX 1060 3GB Mini
Monitor
Dell S2316H
Alimentatore
EVGA SuperNOVA 550 G2
Case
Phanteks Eclipse P400
Sistema Operativo
Windows 10
Non vedo perché usare toni del genere, l'op ha chiesto un consiglio su che università scegliere e io ho dato il mio, ovvero nessuna e iniziare subito a lavorare, almeno se le interessa rimanere in Italia.
Te hai dato i tuoi consigli.
Starà all'op fare le proprie valutazioni, non a te.
Appunto perchè ha chiesto consigli su quale università iniziare mi sembra sbagliato dare consigli di vita della serie: non fare l'università. Hai 40 anni e hai iniziato a lavorare a 19, in 20 anni le cose sono cambiate e senza una laurea fai davvero molta fatica a trovare lavoro. Già con una laurea triennale in informatica puoi trovare molti posti di lavoro e con la laurea magistrale ancora di più. Sono d'accordo sul fatto che l'università non ti prepara ad affrontare il mondo del lavoro, ma ti da le basi per avere conoscenze ampie che poi ti serviranno ad affrontare differenti problemi. Per specializzarti devi per forza iniziare a lavorare in un ambito e concentrarti su quello.
 
  • Mi piace
Reactions: Fea e rctimelines

r3dl4nce

Utente Èlite
1,850
616
Hardware Utente
Per me è sbagliato perdere 3 / 5 o più anni all'università ritardando l'ingresso nel già difficile mondo del lavoro.
L'op se volesse potrebbe già informarsi nella sua zona (se in tale ambito geografico vuol rimanere) che richieste ci sono dalle ditte, ovviamente per un settore di lavoro a lei congeniale, e se è richiesto il diploma e non la laurea potrebbe iniziare a fare apprendistato.
Se ha le capacità e il talento e un pizzico di fortuna, creandosi già le necessarie esperienza, verrà notata e potrà aspirare in seguito a lavori migliori / più remunerativi
 

BullClown

Utente Attivo
469
157
Hardware Utente
CPU
Intel i5 8600K
Dissipatore
Noctua NH-L12S
Scheda Madre
Asus Rog Strix B360-G
Hard Disk
Crucial MX300 525GB
RAM
Corsair Vengeance LPX 8GB (2x4GB) 2133MHz
Scheda Video
Zotac GeForce GTX 1060 3GB Mini
Monitor
Dell S2316H
Alimentatore
EVGA SuperNOVA 550 G2
Case
Phanteks Eclipse P400
Sistema Operativo
Windows 10
Per me è sbagliato perdere 3 / 5 o più anni all'università ritardando l'ingresso nel già difficile mondo del lavoro.
L'op se volesse potrebbe già informarsi nella sua zona (se in tale ambito geografico vuol rimanere) che richieste ci sono dalle ditte, ovviamente per un settore di lavoro a lei congeniale, e se è richiesto il diploma e non la laurea potrebbe iniziare a fare apprendistato.
Se ha le capacità e il talento e un pizzico di fortuna, creandosi già le necessarie esperienza, verrà notata e potrà aspirare in seguito a lavori migliori / più remunerativi
E' proprio questo il punto, fare l'università non è una perdita di tempo. Più andremo avanti, più sarà necessario avere il "pezzo di carta" che citavi prima. Se lei vorrà davvero intraprendere una carriera nel mondo informatico, ti posso assicurare che senza laurea non hai grosse speranze. Al contrario, già con la laurea triennale le si apriranno moltissime porte. E parlo per esperienza personale, non per sentito dire.
 

rctimelines

Utente Èlite
3,590
1,092
Hardware Utente
CPU
AMD Ryzen 5 2600x - Intel i5 6400
Dissipatore
stock - Arctic Freezer 11LP
Scheda Madre
Asrock Fatal1ty 4K - Asus H110M
Hard Disk
Samsung 970evo - vari
RAM
16GB G.Skill TridentZ 3000 - 8GB CORSAIR Vengeance LPX 2400
Scheda Video
ATI Firepro V7900 2GB - Asus R9 280x 3Gb
Monitor
DELL 2419P 2K + Benq 19'' - Acer 24" FHD
Sistema Operativo
Windows10-pro64/OpenSUSE-QL42.3/Manjaro-17.0.2-KDE
Intanto vedo che questa propaganda della "fuga dei cervelli" è radicata! Che poi, tu non abbia fatto l'università lo si capisce bene anche da come scrivi.. e questo, al di là delle competenze professionali specifiche è un requisito per chi ha un titolo di studio!

Il fatto di rimanere a lavorare nel luogo dove si vive è anche un atteggiamento piuttosto provinciale, io spero che quelli che vanno a lavorare all'estero lo facciano anche per avere un'esperienza di più alto livello (a me è successo così: per scelta non per necessità, anche se non all'estero). Se poi sono laureati che vanno a fare i camerieri a Londra, allora quella è fuga e basta, non "di cervelli". Il problema della "fuga dei cervelli" infatti riguarda le aziende non i giovani laureati. Aziende, probabilmente come la tua, non sono in grado di comprendere la necessità di utilizzare personale laureato per creare valore aggiunto al proprio lavoro e, ovviamente, farselo pagare. Per cui si accontentano di bassa professionalità per cercare di contenere i costi.

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk
 

r3dl4nce

Utente Èlite
1,850
616
Hardware Utente
Quindi la professionalità è data unicamente dall'avere un titolo di studio avanzato e non si concepiscono l'abilità, la capacità personale, la passione, ecc che consentono di poter studiare in autonomia e conoscere e padroneggiare argomenti anche senza aver compiuto un percorso di studi avanzato.
E via di lauree comprate, che tanto basta avere la laurea, non le competenze.
 
  • Mi piace
Reactions: Cibachrome

Entra

oppure Accedi utilizzando