GUIDA Diario-Guida installazione, uso e manutenzione linux Ubuntu 14.04 LTS

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
Buongiorno a tutti,

Mi è venuta in mente l'idea di aprire questa discussione, per coloro che come me, hanno più volte provato in maniera molto superficiale Linux, ma puntualmente, sono tornati a guardare il mondo dalle 4 finestre offerte da zio Bill (per motivi vari, inclusa la pigrizia).
Ho deciso, quindi di aprire un nuovo thread dedicato all'installazione di un SO come Ubuntu, che dalle leggende informatiche, sembra essere il più simile a winzozz (lo scopriremo strada facendo...)
Pensavo però di strutturarlo in maniera un po particolare:
Non proprio una guida di installazione passo passo (ce ne sono molte su internet), ma più un "diario" in cui nel mio poco tempo che posso dedicargli settimanalmente scrivo (e magari chiedo) come fare determinate cose, sottolineando le differenze da windows, per aiutare coloro che si approcciano a questo mondo, ed invogliarli a provarlo anche oltre la semplice installazione...


INDICE:

  1. Introduzione
  2. Download e Pre-Installazione
    • ​Masterizzazione DVD
    • USB con TOOL UBUNT
    • USB con LiLi
    • USB con UNetbootin
  3. Installazione
    • ​Dati iniziali
    • Partizionamento
    • Dati utente
  4. Post-installazione
  5. Codec Proprietari
  6. Promemoria comandi e utilità
  7. Modifica del Desktop Environment

Capitolo 1: Introduzione

Come già detto sopra, e come si può evincere dal titolo, di seguito troverete, i vari passaggi che ho compiuto, per ottenere Ubuntu installato sul mio pc, sperando siano corretti e che vi possano tornare utili.

Potete partire digitando su un qualsiasi motore di ricerca "download ubuntu 14.04 LTS"; questa è appunto la versione scelta al momento della stesura della guida. Si tratta di una distribuzione GNU/Linux, derivata da Debian, che ci viene offerta nella versione del 17 aprile 2014 (ecco perché 14.04); inoltre LTS ci indica che è una versione con supporto a lungo temine (aprile 2019) invece dei soliti 9 mesi delle altre relase.
Se tutto è andato correttamente, vi troverete su una pagina allegramente arancione (ubuntu orange) che vi permette di selezionare la versione, la destinazione d'uso (desktop o server) e sopratutto, 32 o 64 bit.
Nonostante il mio portatile abbia Vista a 32 bit preinstallato, ho scelto di scaricare la versione a 64 bit poiché ha 4 GB di ram ed una cpu che supporta tali istruzioni. Lascio a voi la scelta, in base alle carateristiche del computer ospitante.

Capitolo 2: Download e Pre-installazione
Nel frattempo che viene scaricata l'immagine, ricordiamoci di salvare tutto ciò che è importante e non sacrificabile su una periferica esterna (non si sa mai... :rolleyes:). Finito il download ci ritroveremo con il nostro file .iso, e con esso potete percorrere più strade:

Masterizzazione su DVD (sono circa 990 MB), oppure la creazione di una chiavetta USB avviabile.
Quest'ultima però, seppur a mio avviso più comoda, necessita di qualche passaggio/problema in più: o usate il tool integrato in Ubuntu, che necessita quindi di essere eseguita in live (quindi si ritorna alla scrittura su dvd) oppure create una macchina virtuale (a favore di questo metodo avrete l'opportunità di simulare l'installazione prima di passare alla "realtà" ed inoltre potrete verificare che l'immagine sia integra e non corrotta). Se nessuno dei metodi precedenti vi soddisfa c'è un'altra soluzione, usare un programma esterno che da windows vi creerà la tanto agognata pennetta avviabile. Qui sotto trovate delucidazioni sui metodi sopra descritti.
Però, prima di buttarvi a capofitto nella ricerca della chiavetta da minimo 2GB (anche qui, copiate i file importanti altrove, e non sul pc che state per pacioccare :look:) dovete farvi un giretto nel BIOS, o nel libretto delle istruzioni della scheda madre/portatile, per verificare che possiate avviare come prima cosa un dispositivo usb (i pc con 5/6 anni sulle spalle dovrebbero permetterlo senza problemi).

Masterizzazione DVD
Il primo metodo, è forse quello più semplice ed intuitivo, una semplice masterizzazione dell'immagine scaricata. Se scegliete questa opzione, potete direttamente saltare al prossimo capitolo.

USB con TOOL di UBUNTU
La seconda opzione, è quella di creare una chiavetta usb avviabile, sfruttando, o il dvd appena creato, o una macchina virtuale. La procedura è la medesima per entrambi i casi:
- Inserire il dvd (selezionare la .iso per la macchiana virtuale) ed inserire l'USB;
- Avviare il sistema o la VM;
- Cercare il creatore di dischi -> prima foto sotto;
- In automatico vi leggerà il cd in esecuzione (essendo in live) come dispositivo in "entrata", non vi resta che selezionare il dispositivo USB ed il gioco è fatto -> seconda foto:
- Ora non vi resta che attendere la creazione del dispositivo, una volta finito, spegnete il sistema -> terza foto in spoiler.
- Ricordatevi, per usarla dovrete selezionarla come primo elemento di avvio da BIOS; potete andare al prossimo capitolo.
017.png 018.png 019.png

USB con LILI USB
La terza soluzione che vi propongo, è quella di usare un programma di terze parti, da installare ed usare comodamente in windows . Si tratta di LiLi USB (Linux Live USB creator), un programma gratuito, che può anche occuparsi anche del download della distro (tra quelle più famose ed utilizzate), ma a noi interessa solo la parte di creazione dell'USB bootabile.
022.PNG
- Dopo l'installazione, basta avviare il programma; come potete vedere è molto semplice ed intuitivo, il che rende alquanto inutile la mia spiegazione. Dobbiamo selezionare la chiavetta e la sorgente, lo spazio per i dati della live e simao pronti. Utile il semaforino a lato di ogni tappa, che ci segnala: rosso per elementi indispensabili mancanti, arancione per i facoltativi e verde per quelli correttamente scelti.
Come unico "problema" mi ha dato quel non riconoscimento della relase, un errore assolutamente marginale. LiLi creerà un suo menù all'avviamento da bios, che vi chiederà cosa fare (provare o installare ubuntu).

USB con UNetbootin
Oppure potete usare UNetbootin (esiste anche per linux e per MAC OS X) ma, come potrete leggere più avanti, unetbootin potrebbe creare problemini nell'installazione, inoltre il processo di creazione è stato più lento del precedente programma .
020.png 021.png
- Dopo aver installato il programmino, non ci resta che avviarlo, fare la spunta su immagine disco, selezionare il percorso in cui è salvata l'immagine, ed indicare la periferica di destinazione -> prima immagine;
- Ora partirà il processo di creazione, e al temine ci chiederà di riavviare (ma noi non interessa), quindi premiamo "esci".

In entrambi i casi abbiamo ottenuto la nostra penna USB avviabile, ricordiamoci, di selezionarla come elemento di avvio da bios. Anche UNeetbootin crea un suo menù, che vi darà varie opzioni, tra cui, prova o installa; il risultato è identico rispetto a quello che avrebbe fatto il menù di Ubuntu.

Capitolo 3: Installazione

Finora tutto è andato bene, abbiamo il DVD o USB con ubuntu pronto per l'installazione, abbiamo i dati importanti al sicuro ed il pc pronto per ospitare il nuovo sistema operativo.
Ora vedrete una serie di schermate prese dalla macchina virtuale di prova, installata sul main pc, ma la procedura sarà identica per qualsiasi pc, anche per il portatile che lo ospiterà a breve (in dual-boot con Vista).

Dati iniziali
001.png
Questa è la seconda schermata che vedrete, dopo quella di caricamento iniziale, non dovreste invece vederla se state usando una chiavetta creata con LiLi o UNetbootin, in quanto vi sarà già stato chiesto prima da un menù iniziale. Vi viene chiesto cosa volete fare: provare la live di Ubuntu (non potrete apportare nessuna modifica al sistema, è utile ad esempio per creare una chiavetta avviabile) o installarlo (l'annullamento della procedura, vi porta alla live dal quale potrete comunque ripetere la procedura di installazione). Dopo aver selezionato la lingua e "desidero installarlo", possiamo procedere.

002.png
Questa schermata la vedrete con qualsiasi metodo siate giunti, qui ho deciso di installare software ed aggiornamenti dopo, li tratterò nel capitolo di post-installazione, quindi vado su "avanti".

003.png
Ora vi sarà chiesto cosa fare, se sostituire il sistema operativo esistente, o installarlo a fianco. Ricordo ancora una volta, di salvarvi prima i dati importanti su un'altra periferica, siete ancora in tempo per annullare la procedura.

Partizionamento

004.png 005.png
Potete ora, o usare l'opzione semplice, o utilizzare lo strumento avanzato di partizionamento, per decidere la dimensione e posizione delle partizioni linux.
La differenza ? La semplice vi crea una partizione di swap circa pari alla ram installata sul pc ed il resto finisce nel punto di mount principale /. Quella avanzata vi permette di gestire ed impostare le dimensioni e la posizione sul disco (iniziale o finale, opzione nuova per chi viene da windows) delle varie partizioni, inoltre vi permette di creare altri punti di mount, come /root, /home ecc...

006.png 007.png 008.png 009.png
Ho scelto di usare lo strumento avanzato, in cui ho creato: la partizione di swap, qualla principale "/" (equivalente al C: ) e quella utente /home (equivalente ad un'altra partizione, ad esempio E: ). Le immagini sopra fanno riferimento alla macchina virtuale, ora vi elenco cosa ho fatto sul portatile con 320 GB di HDD.

ATTENZIONE : se avete un portatile con un qualsiasi windows preinstallato di fabbrica, dovreste avere una partizione chiamata "Windows Recovery Environment" , da circa 10/15 GB, e come intuibile, serve per il ripristino, poiché i produttori non danno più la copia fisica. Come ben saprete, non è una partizione eliminabile con i programmi delle 4 finestre.
I sistemi linux invece,
sono i
n grado di sovrascrive ed eliminare tale partizione, quindi vi consiglio vivamente di non toccarla per fare più spazio all'installazione !!!

- Quella di swap, dovrebbe avere le dimensioni della ram installata, 4096 MB nel mio caso, le impostazioni sono quelle della prima immagine (la VM ha solo 2 GB dedicati);
- Ora segue la partizione principale , considerando che ho lasciato circa 100 GB a Vista, per / 40 GB dovrebbero essere sufficienti;
- Per la partizione /home, sul portatile ho lasciato tutto lo spazio residuo, cioè 158 GB; ricordiamoci comunque che le partizioni potranno essere ridimensionate successivamente, e che windows, non sarà in grado di leggere quelle linux, mentre è vero il contrario.

Un appunto che potrebbe tornarvi utile: la mia installazione reale, non è stata perfetta come quella virtuale, in quanto ubuntu, dopo avermi ridimensionato la partizione principale ntfs, non vedeva alcun spazio libero. Annullando e ripetendo l'operazione di installazione, avevo come unica opzione l'installazione semplice preconfigurata. Ho risolto, tornando in windows, ed utilizzando il "gestore partizioni" (comando disckmgmt.msc da DOS per Vista :bllurk:) integrato in esso, per "sottolineare" e verificare che lo spazio libero era effettivamente esistente. Fatto questo, ubuntu, ha riconosciuto lo spazio libero, che lui stesso aveva creato.

Dati utente
010.png
Il difficile è finito, non vi resta altro, che selezionare fuso orario, layout tastiera, nome utente, nome macchina e password.
Non mettete password impossibili, perché dovremo inserirla più volte nei processi di installazione.

011.png 013.png
Partirà ora la procedura di installazione, e verrete intrattenuti (come con windows) da schermate di presentazione per i programmi e funzionalità di Ubuntu 14.04 LTS, al termine della quale, dovrete riavviare il pc. Successivamente, non ci resta che inserire la password per entrare nel nuovo sistema operativo.

Ci vediamo alla schermata principale, quando avrò installato il tutto anche sul portatile.

La guida è in costruzione ed in continuo aggiornamento e rivisitazione, se notate errori, o avete consigli, gli aiuti sono ben accetti :sisi:

Un grazie va a @Ico Bellungi per avermi dato sostegno morale e alcune dritte iniziali :ok:

P.S.: il sito, il forum, i moderatori e l'autore non si assumono responsabilità di eventuali danni a oggetti, persone e dati nel seguire questa guida.
 
Ultima modifica:

Banzai_xD

Utente Attivo
957
402
CPU
Ryzen 7 3700x
Dissipatore
Noctua NH-D15
Scheda Madre
MSI B550 Tomahawk
HDD
Samsung EVO 850/860 - Crucial MX500
RAM
Crucial Ballistix 16GB 3600mhz
GPU
Vapor X 290 TRI-X OC 1120@1500
Audio
Realtek HD Audio
Monitor
AOC I2369Vm 23"
PSU
Antec TruePower Classic 650W
Case
Corsair Carbide 500R
OS
Windows 10 Pro
Senza voler togliere nulla al tempo che hai speso per scrivere la guida, ma ora come ora è davvero troppo basilare, non hai fatto altro che "mettere i sottotitoli" a una procedura che tra le altre cose è molto semplice e intuitiva già di suo (oltre al fatto che c'è una discreta concorrenza con la wiki ufficiale di per sé già ottimamente strutturata e completa) e soprattutto hai omesso la cosa che più mette in difficoltà i neofiti, ovvero la procedura di avvio del live cd (creazione del dvd/usb avviabile e corretta impostazione del bios per il boot). Mi permetto di darti qualche consiglio per ampliarla, rendendola davvero utile ai neofiti:

1) Trattare in modo più approfondito la fase di formattazione/partizionamento avanzata;

2) Analizzare eventuali problemi riscontrati/riscontrabili, sia nativi (dovuti a bug/malfunzionamenti/incompatibilità propri del sistema operativo) sia di programmi/driver di terze parti (i classici problemi con Steam e flash, procedure di installazione dei driver proprietari, etc..) e proporre una soluzione efficace;

3) Proporre eventuali ottimizzazioni post-installazione, soprattutto per chi ha macchine vetuste (disabilitare demoni superflui, eventuali programmi per velocizzare l'avvio, alleggerire la distro dal software meno utilizzato);

4) Proporre ed esporre nel dettaglio i vari programmi per la personalizzazione dell'aspetto grafico della distro (gestore temi/font/icone, login manager, etc..);

Per il momento altro non mi viene in mente. È una guida un po' ardita, perché come accennavo per il web si trovano già tonnellate di documentazioni per i più disparati problemi/programmi/qualsivoglia cosa, ma puoi magari diventare un piccolo punto di riferimento per gli utenti neofiti di tom's. Ovviamente penso avrai il supporto di tutti i linuxari presenti!

In ogni caso iniziative come queste sono sempre molto belle, buon lavoro!
 

Dario Salvati

Utente Attivo
1,397
246
CPU
Intel Core i5-3470
Scheda Madre
ASUS P8Z77-V LX
HDD
Western Digital Green 1TB 7200rmp + Crucial M550 128Gb
RAM
Corsair 8Gb(2x4GB) 1600Mhz
GPU
Msi GeForce 770 2Gb
Audio
Integrata mainbord
Monitor
Asus VE247H / 23.6"
PSU
XFX 550W Core Edition
Case
Fractal Design R4
OS
Arch Linux + Gnome
Quoto Banzai, la wiki da già fin troppe informazioni per l'installazione.

Sarebbe invece più utile una guida post - installazione, con una panoramica generale sui software più utilizzati e cose così.
 
  • Like
Reactions: roeric

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
@Banzai_xD e @DWarez è proprio il post installazione che mi interessa di più. Grazie per i complimenti :ok:, ripeto che inizialmente non volevo creare una guida per i neofiti, ma giusto per coloro che hanno provato più volte linux, ma non sono mai andati oltre l'installazione (io ne sono un'esempio). Penso, comunque che questa parte introduttiva, seppur superficiale andava inserita.
Pensate sia il caso di correggere il tiro ?

Banzai cosa intendi per: 1) Trattare in modo più approfondito la fase di formattazione/partizionamento avanzata ?
 

Dario Salvati

Utente Attivo
1,397
246
CPU
Intel Core i5-3470
Scheda Madre
ASUS P8Z77-V LX
HDD
Western Digital Green 1TB 7200rmp + Crucial M550 128Gb
RAM
Corsair 8Gb(2x4GB) 1600Mhz
GPU
Msi GeForce 770 2Gb
Audio
Integrata mainbord
Monitor
Asus VE247H / 23.6"
PSU
XFX 550W Core Edition
Case
Fractal Design R4
OS
Arch Linux + Gnome
Non so quanto possa essere efficace fare una guida del genere se (come hai detto tu) non sei mai andato oltre all'installazione ...
 

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
Non so quanto possa essere efficace fare una guida del genere se (come hai detto tu) non sei mai andato oltre all'installazione ...

Proprio per questo l'ho chiamata guida-diario, perché vorrei andasse di pari passo con ciò che imparo. Leggo guide, provo e riprovo, quando ho capito oppure ho dubbi, li posto, in modo che altri utenti con la sola conoscenza medio-alta di windows si rendano conto dei vantaggi difficoltà del passaggio ad Ubuntu.
Ovviamente per la mia inesperienza nel mondo linux, contavo ricevere rimproveri, correzioni, suggerimenti e aiuto dai esperti di me...
 

Dario Salvati

Utente Attivo
1,397
246
CPU
Intel Core i5-3470
Scheda Madre
ASUS P8Z77-V LX
HDD
Western Digital Green 1TB 7200rmp + Crucial M550 128Gb
RAM
Corsair 8Gb(2x4GB) 1600Mhz
GPU
Msi GeForce 770 2Gb
Audio
Integrata mainbord
Monitor
Asus VE247H / 23.6"
PSU
XFX 550W Core Edition
Case
Fractal Design R4
OS
Arch Linux + Gnome
Ho capito, ma il forum non funziona come il tuo blog.
 

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
Ho capito, ma il forum non funziona come il tuo blog.

Capisco, non avevo però nessuna intenzione di creare una specie di blog, ma raccogliere con il tempo, le varie procedure per avere Ubuntu funzionante, viste da un utente windows interessato al passaggio...
Se però notate e pensate sia inutile in partenza, non è un problema, me lo dite, e faccio chiudere la discussione.
 

Dario Salvati

Utente Attivo
1,397
246
CPU
Intel Core i5-3470
Scheda Madre
ASUS P8Z77-V LX
HDD
Western Digital Green 1TB 7200rmp + Crucial M550 128Gb
RAM
Corsair 8Gb(2x4GB) 1600Mhz
GPU
Msi GeForce 770 2Gb
Audio
Integrata mainbord
Monitor
Asus VE247H / 23.6"
PSU
XFX 550W Core Edition
Case
Fractal Design R4
OS
Arch Linux + Gnome
No figurati, non voglio mica fare il mod :asd:

Dicevo solo come la penso, niente di più. Se ti fa piacere, continua pure, non sarò io a fermarti :vv:
 
  • Like
Reactions: roeric

xMIOx

Utente Èlite
1,528
218
CPU
AMD A10 6700 3.7/4.3GHz
Dissipatore
Artic Alpine 64 Plus
Scheda Madre
Asrock FM2A88X Extreme 4+
HDD
500 GB
RAM
G.Skill Sniper 1866MHz 2x4GB
GPU
AMD HD 8760D
Audio
Integrata
Monitor
Philips 19"
PSU
CoolerMaster B500
Case
CoolerMaster CM Force 500
Periferiche
Tastiera e mouse Logitech MK270
OS
Windows 10 PRO
Trovo questa iniziativa Ottima e credo che @roeric stia cercando di dare il max. Quindi appoggio e seguirò questo post :vv:

- - - Updated - - -

Condivido con @Banzai_xD
1) Trattare in modo più approfondito la fase di formattazione/partizionamento avanzata;

Come hai spiegato tutto il resto andrebbe più che bene
:sisi:
 
Ultima modifica:

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
@Banzai_xD e @xMIOx pensate che ora possa andar bene, o devo aggiungere ancora qualcosa ? Sono indeciso se approfondire il punto di mount, ma non saprei come trattarlo in maniera semplice ed efficace.
 

davethecipo

Utente Èlite
3,326
1,157
CPU
i5 4660
Scheda Madre
H97 PC Mate
HDD
qualcuno
RAM
8 GB
GPU
R9 280
Monitor
Samsung SyncMaster 940BW 19'
PSU
Enermax Liberty 620W
Case
Enermax Pandora Midi Tower Black
OS
Arch Linux con KDE...Windows 10
My 2 cents: su windows unetbootin ad un po' di persone capitate in sezione ha dato problemi, mentre Lili usb creator no. La partizione di swap si può anche evitare se si ha RAM a sufficienza e si sa già di non sforare.

Poi voglio sperare che nel 2014 Ubuntu sia in grado di aggiungere discard, noatime in /etc/fstab da solo.
 
  • Like
Reactions: roeric

Banzai_xD

Utente Attivo
957
402
CPU
Ryzen 7 3700x
Dissipatore
Noctua NH-D15
Scheda Madre
MSI B550 Tomahawk
HDD
Samsung EVO 850/860 - Crucial MX500
RAM
Crucial Ballistix 16GB 3600mhz
GPU
Vapor X 290 TRI-X OC 1120@1500
Audio
Realtek HD Audio
Monitor
AOC I2369Vm 23"
PSU
Antec TruePower Classic 650W
Case
Corsair Carbide 500R
OS
Windows 10 Pro
@Banzai_xD e @xMIOx pensate che ora possa andar bene, o devo aggiungere ancora qualcosa ? Sono indeciso se approfondire il punto di mount, ma non saprei come trattarlo in maniera semplice ed efficace.

Già molto meglio :sisi: Se per "approfondire il punto di mount" intendi il partizionamento, l'hai spiegato in un modo un po' "popolare" ma va bene così, la guida deve essere semplice per tutti! Grosso modo hai spiegato efficacemente come creare i vari punti di mount (/home /root / etc..), magari sarebbe da spiegare nello specifico a cosa servono (/ = sistema base, /home = documenti utente etc...). La swap come ti hanno già suggerito è inutile se si hanno 4+ gb di ram, a meno che non si voglia utilizzare l'ibernazione (in quel caso la swap deve essere almeno grande quanto la memoria RAM installata). Il resize delle partizioni preesistenti per il dual boot è sempre meglio farlo con una live di gparted o ancora meglio con la gestione dischi di windows (spesso quest'ultimo si incazza se gli si toccano le partizioni con tool esterni, soprattutto se non sono nativi windows :asd:).

P.S. Nel capitolo 2 sotto il primo spoiler le immagini non i vedono.

My 2 cents: su windows unetbootin ad un po' di persone capitate in sezione ha dato problemi, mentre Lili usb creator no. La partizione di swap si può anche evitare se si ha RAM a sufficienza e si sa già di non sforare.

Poi voglio sperare che nel 2014 Ubuntu sia in grado di aggiungere discard, noatime in /etc/fstab da solo.

Quoto, anche a me è capitato che unetbootin facesse chiavette avviabili che non si avviano :sisi: Oltre che con Lily mi sono trovato benissimo (mai un problema) con Universal USB Creator (Universal USB Installer ? Easy as 1 2 3 | USB Pen Drive Linux) e soprattutto con Rufus (Rufus - Crea una unitÃ* USB avviabile in modo facile). Quest'ultimo, non capisco come, ma mi dimezza i tempi di scrittura delle iso su chiavetta, soprattutto se si tratta di ISO di Windows (con le distro linux è meno marcato, ma è comunque più veloce degli altri) :sisilui:
 
  • Like
Reactions: roeric

xMIOx

Utente Èlite
1,528
218
CPU
AMD A10 6700 3.7/4.3GHz
Dissipatore
Artic Alpine 64 Plus
Scheda Madre
Asrock FM2A88X Extreme 4+
HDD
500 GB
RAM
G.Skill Sniper 1866MHz 2x4GB
GPU
AMD HD 8760D
Audio
Integrata
Monitor
Philips 19"
PSU
CoolerMaster B500
Case
CoolerMaster CM Force 500
Periferiche
Tastiera e mouse Logitech MK270
OS
Windows 10 PRO
Ciao roeric :vv:
parlo da profano, il fatto che la guida si aggiorni e si migliori con i consigli di persone informate mi da sicurezza e allo stesso tempo una spinta a saperne di più. Posso immaginare il tempo e l'impegno che ci voglia a fare certi lavori quindi sai che ti dico ? Continua cosi :ciaociao:
 
  • Like
Reactions: roeric

roeric

Utente Attivo
1,333
219
CPU
i5 4670k + CM 412s
Scheda Madre
GA-Z87X-D3-h
HDD
ssd 120 GB + hdd 2 TB
RAM
2 x 4 GB DDR3 G.Skill
GPU
R9 280x asus dcu top
Audio
integrata
Monitor
asus vb172
PSU
XFX 650w
Case
CM 693
OS
windows 7
Ora le immagini si dovrebbero vedere, quinadi pensate ad un problema di UNetbootin, non ci avrei mai pensato.
Sapreste dirmi il perchè l'installatore creato dalla live con VM è di 1,7 GB, mentre quella di Unet 2,8 GB, ed entrambe funzionano ?

EDIT: errore mio, entrambi i tool creano key di avviamento ampliamente sotto i 2GB


Non sapevo di questo difetto, allora aggiorno il prima possibile la guida, sostituendolo con lili usb. :inchino:
Grazie ancora per l'aiuto che mi state fornendo :ok:

- - - Updated - - -

Poi voglio sperare che nel 2014 Ubuntu sia in grado di aggiungere discard, noatime in /etc/fstab da solo.
Scusa, ma non sono così esperto, ti stai riferendo al problema che ho avuto con l'installazione ?
 
Ultima modifica:

Entra

oppure Accedi utilizzando

Hot: PS5 VS XBOX X/S?

  • Playstation 5

    Voti: 437 63.5%
  • XBOX Series X/S

    Voti: 251 36.5%

Discussioni Simili