DOMANDA Cosa è l' Inrush con alimentatori a pfc attivo?

majestik

Nuovo Utente
Ciao, amici del forum di tom's, ho bisogno del vostro aiuto per dirimere una questione che ci attanaglia.
Oggi ci chiedevamo a cosa possa essere dovuto l' inrush, quando si utilizzano alimentatori con pfc attivo.
I normali alimentatori a pfc pasivo dovrebbero erogare una potenza inferiore a quella massima ed all' accensione al massimo richiedere una potenza massima dovuta all' hardware installato. giusto? Se ricordo bene.
Ora leggevamo che un alimentatore a pfc attivo ,al contrario di quelli passivi, nella fase di accensione può richiedere una potenza pari al loro massimo potenziale (quindi non dell' hardware nel pc, ma di quello nominale indicato sulla psu stessa). Questa sarebbe la fase critica di inrush.
In altre parole un alimentatore pfc attivo da 550W all ' accensione ne richiederebbe per pochi istanti 550W, uno da 750W ne richiederebbe per pochi istanti 750W e così via, se interpretavamo bene.
Questa sarebbe la fase critica definita inrush per gli alimentatori a pfc attivo.
Se questo fosse vero, a quanto leggevamo, ci sarebbero implicazioni importanti per il calcolo di un eventuale ups collegato.

in pratica se un alimentatore ha un' efficienza del 90% si dovrebbe prendere un ups che possa erogare un wattaggio pari a quello dell' alimentatore + un ulteriore 10%. Altrimenti sia durante l' accensione che durante il passaggio da corrente a batteria si rischierebbe di avere una interruzione di potenza a causa dell' inrush menzionato.
Così chi ha un 80 plus bronze da 550W con efficienza dell' 80% dovrebbe prendere un UPS da 550W+ almeno 20W per evitare una mancanza di potenza?

Le cose stanno così?
 
Ultima modifica:

tadde031

Utente Attivo
penso che un ups che eroghi i watt dell'alimentato sia abbastanza per farlo funzionare bene senza farsi troppe pippe mentali, l'unica cosa che so è che gli alimentatori con pfc attivo richiedono un'onda sinusoidale pura dell'ups. (anzi è consigliato)
 
  • Mi piace
Reactions: majestik

majestik

Nuovo Utente
penso che un ups che eroghi i watt dell'alimentato sia abbastanza per farlo funzionare bene senza farsi troppe pippe mentali, l'unica cosa che so è che gli alimentatori con pfc attivo richiedono un'onda sinusoidale pura dell'ups. (anzi è consigliato)
Bueno. In fondo e' come abbiamo dimensionato gli ups.
Ma questo strano comportamento degli alimentatori a pfc attivo ti risulta?
A noi in aula studio venne questa curiosita' , dopo aver letto questa guida
 

tadde031

Utente Attivo
Non ti saprei dire, sinceramente non mi sono mai informato su questo inrush, per esperienza personale, ho avuto un ups sottodimensionato rispetto all'alimentatore e comunque non ho mai avuto problemi di cali di tensione
 

Entra

oppure Accedi utilizzando