GUIDA Come avere un'ottima linea dati in 4G !

MRAPIDO

Nuovo Utente
133
18
OS
Windows 10
Scusa non avevo capito.
Prima di montare le antenne la connessione era più altalenante comunque mediamente stavo sui 45-50 in download e 27-30 in upload.

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk
 

Aereo

FTTH entro fine anno
Utente Èlite
1,675
743
Tempo fa leggendo quest'articolo:
Farmer so sick of poor internet signal he built DIY mast | Daily Mail Online
In cui un contadino inglese, era balzato agli onori della cronaca perchè si era realizzato un impianto ( di dubbia fattura ndr. ) che gli permetteva di avere internet a 42 mbit !
E dato che il nostro paese è tristemente noto per l'arretratezza in fatto di connessioni a banda larga, mi sono detto, questa è l'occasione buona per battere l'inghilterra, 104 a 42 e dimostrare che anche in Italia, c'è la banda larga !

E quindi, pubblico la mia storia, simile quella di tantissimi miei connazionali, vittime del “Digital Divide”…
( dal sito INFRATEL: ESITO CONSULTAZIONE: Livello di copertura con architetture FTTH, FTTB, FTTDP al 2018 = 0% Zero percento )
Ho un vecchio casolare di campagna, Tale casolare è proprio quello che si dice fuori dal mondo, in quanto non vi arriva nemmeno il telefono fisso !
Ma nel 2016, anche per un casolare di campagna, è innegabile l’utilità di possedere una buona connessione ad internet, quale ad esempio per la gestione di webcam per sorveglianza, il sistema d’allarme, e il telelavoro tramite desktop remoto.
Ma qui non c’è, e non ci sarà neanche in futuro, come avete visto dal report del sito infratel, alcuna possibilità di avere un collegamento valido tramite cavo, ma io a differenza di altri nelle mie medesime condizioni, non ho perso la speranza, non mi sono limitato a lanciare improperi e maledizioni alle compagnie telefoniche, ma ho cercato soluzioni alternative, e come si dice, chi cerca, trova !
La soluzione in questo caso, si chiama connessione alla rete 4G, di cui si fa un gran parlare, ma per chi voglia sapere come utilizzarlo, silenzio di tomba, nessuno sa nulla !
Quindi di nuovo a cercare e come sopra, chi cerca trova e aggiungerei, ottiene risultati !


Connessione Vodafone mediante ponte 4G distante 4 km:


( La sim vodafone 100gb/bimestre costa 25 euro mese - 200 gb/bimestre 30 euro mese - 400 gb/bimestre 35 euro mese )
Non so se avete notato nell’ultima immagine, FASTER THAN 99% OF IT , ovvero più veloce del 99% delle connessioni Italiane, che per una casa dispersa in mezzo alla campagna, non mi pare male !
COME HO FATTO ?

Tranquilli, non ho nessun potere speciale, sicuramente i miei studi scolastici di elettronica mi hanno favorito nella cosa, ma applicandosi con passione e determinazione, sono risultati raggiungibili da chiunque abbia almeno una buona dose di manualità.
Ma vediamo quali informazioni dovete procurarvi per inziare:

  1. Quali, quanti e dove sono i ponti degli operatori presenti nella vostra zona
  2. La frequenza
  3. La conformazione del terreno tra voi e il ponte trasmittente
La soluzione più semplice parrebbe quella di interpellare i relativi operatori, purtroppo, e per cause a me sconosciute, queste informazioni non vengono rivelate dagli operatori dei call center , quindi occorre ricercarle in altro modo.

L’ARPA (Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente), tra i vari compiti, provvede anche al controllo delle sorgenti di onde elettromagnetiche, tra cui ci sono anche i ponti 4G, ma essendo gestiti dalle singole regioni, i dati forniti possono variare da una regione all’altra.
Se il portale ARPA della vostra regione non vi fornisce le informazioni di cui sopra, vi sono diverse applicazioni per smartphone che vi possono aiutare:
Antennas, OpenSignal, Info Segnale, Cell Mapper, Net Monitor, sono quelle più comuni, ma il più delle volte capita che le indicazioni fornite non siano precise, ma dato che di solito le distanze sono di pochi km, io vi consiglio un ispezione sul posto, in tal modo mediante il GPS sullo smartphone, potete avere un indicazione molto precisa.
Inoltre potrete segnarvi anche il numero della cella, per essere poi sicuri, di collegarsi con essa !

Ora, apriamo GOOGLE MAPS ed inseriamo le coordinate del ponte e di dove vogliamo installare l’impianto, si potrà conoscere la distanza dal ponte e la conformazione del terreno che le onde radio dovranno percorrere, tenendo conto che viaggiano in linea retta se troverete montagne e/o costruzioni imponenti e alte, la comunicazione sarà molto difficile da stabilire, quindi occorrerà cercare un altro ponte il più vicino possibile e privo di ostacoli.
Solo una volta in possesso di questi dati, si può iniziare a pensare cosa fare per massimizzare la ricezione.

MATERIALI:

I prodotti adatti allo scopo sono tantissimi, e non è questo il luogo in cui descriverli tutti, io vi illustro brevemente quelli che conosco e che mi trovo bene.

Huawei E3372, è la classica “chiavetta”, dispone di tutte le frequenze, ma va quindi usata collegata a computer o router appositi.
Huawei E5776, sono le cosidette “saponette”, ovvero router tascabili universali e portatili, alimentati a batteria ricaricabile, coprono tutte le bande, utili quando vi necessità solo il wifi, e la trasportabilità, non dispongono infatti di una porta fast ethernet RJ45 e vanno a batteria.
Huawei B593-22, router classico 4G, dispone di tutte le frequenze, 4 porte fast ethernet RJ45, 2 porte RJ11, per avere il telefono tramite voip, e una porta usb.
Huawei B315-22, router classico 4G, dispone di tutte le frequenze, 4 porte gigabit RJ45, 1 porte RJ11, per avere il telefono classico, e una porta usb.
Huawei B5186, router classico 4G+, dispone di tutte le frequenze, 4 porte gigabit RJ45, 2 porte RJ11, per avere il telefono classico tramite voip, e una porta usb.

Dispongono di un pannello di controllo da cui controllare la bontà del collegamento e utilissimo per puntare precisamente l’antenna verso il ponte, utilizzando questi dati, oppure si può usare il programma LTEWATCH H:
ltewatch214847_8.jpg


RSRP (Reference Signal Recieved Power)
Il valore RSRP è uno dei valori più importanti quando si tratta di valutare il valore di ricezione proprio e la qualità della ricezione.
-50 DBm … -65 dBm 1 (molto buono)
-65 DBm … -80 dBm 2 (buono)
-80 DBm … -95 dBm 3 (soddisfacente)
-95 DBm … -105 dBm 4 (sufficiente)
-110 DBm … -125 dBm 5 (scarso)
-125 DBm … -140 dBm 6 (insufficiente)

RSRQ (Reference Signal Received Quality)
-1 ... -3 DB 1 (molto buono)
-4 ... -5 DB 2 (buono)
-6 ... -8 DB 3 (soddisfacente)
-9 ... -11 DB 4 (sufficiente)
-12 ... -15 DB 5 (scarso)
-16 ... -20 DB 6 (insufficiente)

RSSI (Received Signal Strength Indication)
RSSI è il segnale complessivo in banda ovvero comprende sia il segnale utile che l'eventuale rumore, in linea teorica, in un buon collegamento dovrebbe essere di 25 DB più potente del RSRP, quindi se ad esempio avete un RSRP di -90 dovreste avere una RSSI di -75.

SINR (Signal to interference plus noise ratio)
E' il rapporto segnale/rumore della connessione, per certi versi, simile a quanto accade nelle connessioni via cavo, e come tali, più alto, meglio è.


ANTENNE:

Anche qui, ci sarebbe da scrivere diversi volumi, io farò solo un brevissimo riassunto dei modelli più comuni.

A pannello:

Visualizza allegato 176165

Sono comode e facili da installare, in quanto avendo un raggio di ricezione molto ampio, non richiedono un puntamento preciso, ottime sui collegamenti a corto raggio, solitamente però hanno una banda di frequenze ben specifica, che ovviamente deve essere similare a quella trasmessa dal ponte.

LPDA o logaritmiche:

Visualizza allegato 176166
Sono antenne con una buona direttività ed a larga banda, sono indispensabili quando non si conosca la frequenza del ponte o si voglia provare varie frequenze, utilissime in 4G e configurazione a doppia antenna MIMO, è una delle soluzioni migliori per tantissime situazioni.

Yagi:
Visualizza allegato 176167
Disponibile in tantissime forme, dimensioni e caratteristiche, sono fortemente direttive e sono usate prevalentemente in situazioni difficili in cui sia necessario ricevere la maggiore quantità possibile di segnale da un punto ben preciso.
Vanno scelte in base alla direttività richiesta ed alla frequenza di lavoro, spesso specifica.

Come sceglierle:
Quando si lavora con le onde radio, ogni caso è un caso a se stante, quindi difficile, stabilire a priori la soluzione migliore, io inizio osservando il valore fornito con l’antenna interna del router, e con la tabellina postata prima, si valuta se è necessario potenziare il segnale e di quanto, e in base a questo si decide che impianto fare.

COMPARAZIONE HUAWEI B593 - B315:

Posto qui i risultati di una comparazione effettuata tempo fa:

VODAFONE (4 km):


Huawei B315 senza antenna:


Huawei B593 senza antenna:


Huawei B315 con antenna:


Huawei B593 con antenna:



WIND (12 km):

Huawei B315 senza antenna:


Huawei B593 senza antenna:


Huawei B315 con antenna:


Huawei B593 con antenna:



FOTO:

I due router che gestiscono la connessione:
80f5771f197ac00036e7c1f92e68ab99.jpg

Sopra, Huawei B315 per Vodafone 4G
Sotto, Huawei B5186 per Vodafone 4G+

( quella che vedete sotto è la batteria che fa da gruppo di continuità in caso di mancanza di tensione )

Le antenne:
Visualizza allegato 176151
A sinistra, Yagi Wittenberg K-102703-10, direttiva per LTE 800 MHZ
A destra, LPDA Huawei, direttiva a larga banda 800-2600 MHZ

Particolare antenne:
Visualizza allegato 176152

Visualizza allegato 176153


Non so da voi, ma da me le interruzioni elettriche non sono così infrequenti, sono in mezzo alla campagna quindi impianti di distribuzione, di chissà quanti anni fa, che per temporali ed altre cause mi lasciano senza corrente…
Quindi anche qui, occorre ingegnarsi un pochetto, computer portatili, gruppo di continuità per il computer fissi, ed ho adottato questa soluzione per i router /switch:
( E’ richiesta la conoscenza basilare di elettronica/elettricità e la capacità di saldare fili e collegare apparati tra di loro secondo norma, se non siete sicuri di possederle NON FATELO, ma rivolgetevi ad una persona competente in materia, vi è il rischio di danneggiare gli apparati, in modo IRREPARABILE se commettete errori )
Materiali:
Una batteria 6/12 volt di quelle a gel, a seconda se dobbiamo alimentare dispositivi a 5 o 12 volt, e della capacità di qualche Ah, io le ho prese da 7, perché dato il consumo di circa 5/600 mAh, già questa misura mi da diverse ore di autonomia, ma potete prenderle della capacità che volete, si trovano praticamente ovunque.
Un regolatore di corrente di questo tipo:
TB2VjctdXXXXXcGXXXXXXXXXXXX_!!23560052.jpg

Si trova ad un paio di euro su aliexpress, (http://www.aliexpress.com/item/Boos...er-XL6009-Module-Voltage-NEW/32490266203.html) ed ha particolarità di mantenere costante la tensione di uscita al variare della tensione di ingresso, ANCHE IN NEGATIVO, quindi se anche la tensione di ingresso fosse 3 o 30 volt in uscita avremo sempre la tensione che abbiamo impostato
Un caricabatterie automatico, si trova a pochi euro su amazon, (http://www.amazon.it/gp/product/B0016D1PS6) e mantiene la batteria carica.
Un connettore di alimentazione per il router/switch, anch’esso per pochi euro su amazon (http://www.amazon.it/gp/product/B00JXHN1XE) o in qualsiasi negozio di elettronica.
Ho collegato il caricabatteria alla batteria sostituendo i morsetti, con terminali “faston”, e quindi collegando l’ingresso del regolatore di corrente alla batteria, preso quindi uno dei connettori, e collegato all’uscita del regolatore,e per ultimo controllato con un tester la corretta polarità e regolato la tensione in base a quella richiesta dall’apparato.

Ho trovato su aliexpress, a pochi euro dei voltmetri / amperometri da pannello e ne ho presi due per controllare la tensione e corrente all uscita del caricabatterie e all uscita del regolatore di tensione:

53694a0005b0afd4e443c0ca47ef1068.jpg



Se avete domande / osservazioni / dubbi / ecc. ecc.. io sono qui !
Bravissimo :)
 

gd350turbo

Utente Èlite
2,879
683
CPU
INTEL i7-3770K
Scheda Madre
MSI M77 MPOWER
HDD
SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN7) + SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN8.1) HD SEAGATE ST2000DM001
RAM
2X8 GEIL EVO VELOCE 2400 MHZ
GPU
INTEL HD GRAPHICS 4000
Audio
Realtek ALC8988
Monitor
LG 29EB93-P LED IPS
PSU
ANTEC 620 High Current Gamer
Case
Aerocool RS-9
OS
Windows 7 & 8.1
Grazie !

Inviato dal mio MI 5 utilizzando Tapatalk
 
  • Mi piace
Reazioni: emanu37429

gd350turbo

Utente Èlite
2,879
683
CPU
INTEL i7-3770K
Scheda Madre
MSI M77 MPOWER
HDD
SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN7) + SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN8.1) HD SEAGATE ST2000DM001
RAM
2X8 GEIL EVO VELOCE 2400 MHZ
GPU
INTEL HD GRAPHICS 4000
Audio
Realtek ALC8988
Monitor
LG 29EB93-P LED IPS
PSU
ANTEC 620 High Current Gamer
Case
Aerocool RS-9
OS
Windows 7 & 8.1
Per i possessori di router Huawei 5186-22 LMT, è uscito un nuovo firmware, basta fare "update" dal router medesimo.

Inviato dal mio MI 5 utilizzando Tapatalk
 

MRAPIDO

Nuovo Utente
133
18
OS
Windows 10
Stessa procedura per B315S-22 e dopo aggiornamento si aggiunge menù per configurazione SIP che prima mancava.

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk
 

Giancnet

Nuovo Utente
7
2
CPU
Intel I7 6700
Dissipatore
Cryorig R1 Ultimate
Scheda Madre
MSI Z170A Gaming M9 ACK
HDD
2x M.2 Samsung 650 Pro Raid
RAM
DDR4 G.Skill Ripjaws 3000 16 GB 4 slot
GPU
Gigabyte GeForce GTX 970
Audio
Realtek integrata
Monitor
Asus 24 pollici
PSU
Be Quiet! Dark Power Pro 11 1000W
Case
NZXT Phantom 410
OS
Win10 pro
Per i possessori di router Huawei 5186-22 LMT, è uscito un nuovo firmware, basta fare "update" dal router medesimo
Salve a tutti.
Seguo da tempo questo fantastico tread, e essendo un digital divided nonostante stia a Roma, ho messo su un impianto costituito da un Huawei E5186s-22a acquistato da un venditore sull'amazzone corredato da due LPDA multibanda. Il router in questione mi è arrivato dalla Lituania (o Lettonia non ricordo) questi i numeri di riferimento:

Hardware version: CL1E5175HM
Software version: 21.286.30.00.1134
Web UI version:16.100.02.00.03

Ho dei problemi che non riesco a risolvere:
1) clickando su "update firmware" mi dice che non ha bisogno di update
2) LTEWatch non mi funziona più (o forse funziona solo se il pc è connesso via cavo Ethernet?)
3) Ho preso due antenne LPDA multibanda che devo però orientare bene (dwnld 7 Mb Upld 10 Mb ping 19) ma in una città piena di antenne non sai dove puntare (operatore Wind) e quindi devo andare a scovarle.
Sapreste elencarmi le app da usare sullo smartphone per cercarle? Conosco Opensignal ma sul pc non mi da dati attendibili e devo vedere sullo smartphone se cambia qlsa.
Un sito da dove scaricare il firmware e "forzare" l'update?
Mi confermate che LTEWatch funzioni solo con pc collegato al router via cavo e non in wi-fi?
Grazie in anticipo.
 

NeonIT

Utente Èlite
3,895
1,363
CPU
Intel Core i5 3570 3.4GHz (boost clockato a 4.2GHz)
Dissipatore
Arctic Freezer i32 CO
Scheda Madre
ASUS P8Z77-V LX
HDD
SSD Kingston HyperX 128GB, 2 x HDD 7200rpm Seagate 1TB
RAM
2x4 Kingston XyperX Savage 1600MHz
GPU
Gigabyte NVidia GeForce GTX1060 Xtreme Gaming 6GB GDDR5
PSU
Corsair VS650 (650W)
Case
Cooler Master K350
Periferiche
2x 120mm BitFenix Spectre Pro Blue LED + Striscia RGB a LED
OS
Windows 10
Tempo fa leggendo quest'articolo:
Farmer so sick of poor internet signal he built DIY mast | Daily Mail Online
In cui un contadino inglese, era balzato agli onori della cronaca perchè si era realizzato un impianto ( di dubbia fattura ndr. ) che gli permetteva di avere internet a 42 mbit !
E dato che il nostro paese è tristemente noto per l'arretratezza in fatto di connessioni a banda larga, mi sono detto, questa è l'occasione buona per battere l'inghilterra, 104 a 42 e dimostrare che anche in Italia, c'è la banda larga !

E quindi, pubblico la mia storia, simile quella di tantissimi miei connazionali, vittime del “Digital Divide”…
( dal sito INFRATEL: ESITO CONSULTAZIONE: Livello di copertura con architetture FTTH, FTTB, FTTDP al 2018 = 0% Zero percento )
Ho un vecchio casolare di campagna, Tale casolare è proprio quello che si dice fuori dal mondo, in quanto non vi arriva nemmeno il telefono fisso !
Ma nel 2016, anche per un casolare di campagna, è innegabile l’utilità di possedere una buona connessione ad internet, quale ad esempio per la gestione di webcam per sorveglianza, il sistema d’allarme, e il telelavoro tramite desktop remoto.
Ma qui non c’è, e non ci sarà neanche in futuro, come avete visto dal report del sito infratel, alcuna possibilità di avere un collegamento valido tramite cavo, ma io a differenza di altri nelle mie medesime condizioni, non ho perso la speranza, non mi sono limitato a lanciare improperi e maledizioni alle compagnie telefoniche, ma ho cercato soluzioni alternative, e come si dice, chi cerca, trova !
La soluzione in questo caso, si chiama connessione alla rete 4G, di cui si fa un gran parlare, ma per chi voglia sapere come utilizzarlo, silenzio di tomba, nessuno sa nulla !
Quindi di nuovo a cercare e come sopra, chi cerca trova e aggiungerei, ottiene risultati !


Connessione Vodafone mediante ponte 4G distante 4 km:


( La sim vodafone 100gb/bimestre costa 25 euro mese - 200 gb/bimestre 30 euro mese - 400 gb/bimestre 35 euro mese )
Non so se avete notato nell’ultima immagine, FASTER THAN 99% OF IT , ovvero più veloce del 99% delle connessioni Italiane, che per una casa dispersa in mezzo alla campagna, non mi pare male !

COME HO FATTO ?

Tranquilli, non ho nessun potere speciale, sicuramente i miei studi scolastici di elettronica mi hanno favorito nella cosa, ma applicandosi con passione e determinazione, sono risultati raggiungibili da chiunque abbia almeno una buona dose di manualità.
Ma vediamo quali informazioni dovete procurarvi per inziare:

  1. Quali, quanti e dove sono i ponti degli operatori presenti nella vostra zona
  2. La frequenza
  3. La conformazione del terreno tra voi e il ponte trasmittente
La soluzione più semplice parrebbe quella di interpellare i relativi operatori, purtroppo, e per cause a me sconosciute, queste informazioni non vengono rivelate dagli operatori dei call center , quindi occorre ricercarle in altro modo.

L’ARPA (Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente), tra i vari compiti, provvede anche al controllo delle sorgenti di onde elettromagnetiche, tra cui ci sono anche i ponti 4G, ma essendo gestiti dalle singole regioni, i dati forniti possono variare da una regione all’altra.
Se il portale ARPA della vostra regione non vi fornisce le informazioni di cui sopra, vi sono diverse applicazioni per smartphone che vi possono aiutare:
Antennas, OpenSignal, Info Segnale, Cell Mapper, Net Monitor, sono quelle più comuni, ma il più delle volte capita che le indicazioni fornite non siano precise, ma dato che di solito le distanze sono di pochi km, io vi consiglio un ispezione sul posto, in tal modo mediante il GPS sullo smartphone, potete avere un indicazione molto precisa.
Inoltre potrete segnarvi anche il numero della cella, per essere poi sicuri, di collegarsi con essa !

Ora, apriamo GOOGLE MAPS ed inseriamo le coordinate del ponte e di dove vogliamo installare l’impianto, si potrà conoscere la distanza dal ponte e la conformazione del terreno che le onde radio dovranno percorrere, tenendo conto che viaggiano in linea retta se troverete montagne e/o costruzioni imponenti e alte, la comunicazione sarà molto difficile da stabilire, quindi occorrerà cercare un altro ponte il più vicino possibile e privo di ostacoli.
Solo una volta in possesso di questi dati, si può iniziare a pensare cosa fare per massimizzare la ricezione.

MATERIALI:

I prodotti adatti allo scopo sono tantissimi, e non è questo il luogo in cui descriverli tutti, io vi illustro brevemente quelli che conosco e che mi trovo bene.

Huawei E3372, è la classica “chiavetta”, dispone di tutte le frequenze, ma va quindi usata collegata a computer o router appositi.
Huawei E5776, sono le cosidette “saponette”, ovvero router tascabili universali e portatili, alimentati a batteria ricaricabile, coprono tutte le bande, utili quando vi necessità solo il wifi, e la trasportabilità, non dispongono infatti di una porta fast ethernet RJ45 e vanno a batteria.
Huawei B593-22, router classico 4G, dispone di tutte le frequenze, 4 porte fast ethernet RJ45, 2 porte RJ11, per avere il telefono tramite voip, e una porta usb.
Huawei B315-22, router classico 4G, dispone di tutte le frequenze, 4 porte gigabit RJ45, 1 porte RJ11, per avere il telefono classico, e una porta usb.
Huawei B5186, router classico 4G+, dispone di tutte le frequenze, 4 porte gigabit RJ45, 2 porte RJ11, per avere il telefono classico tramite voip, e una porta usb.

Dispongono di un pannello di controllo da cui controllare la bontà del collegamento e utilissimo per puntare precisamente l’antenna verso il ponte, utilizzando questi dati, oppure si può usare il programma LTEWATCH H:
ltewatch214847_8.jpg


RSRP (Reference Signal Recieved Power)
Il valore RSRP è uno dei valori più importanti quando si tratta di valutare il valore di ricezione proprio e la qualità della ricezione.
-50 DBm … -65 dBm 1 (molto buono)
-65 DBm … -80 dBm 2 (buono)
-80 DBm … -95 dBm 3 (soddisfacente)
-95 DBm … -105 dBm 4 (sufficiente)
-110 DBm … -125 dBm 5 (scarso)
-125 DBm … -140 dBm 6 (insufficiente)

RSRQ (Reference Signal Received Quality)
-1 ... -3 DB 1 (molto buono)
-4 ... -5 DB 2 (buono)
-6 ... -8 DB 3 (soddisfacente)
-9 ... -11 DB 4 (sufficiente)
-12 ... -15 DB 5 (scarso)
-16 ... -20 DB 6 (insufficiente)

RSSI (Received Signal Strength Indication)
RSSI è il segnale complessivo in banda ovvero comprende sia il segnale utile che l'eventuale rumore, in linea teorica, in un buon collegamento dovrebbe essere di 25 DB più potente del RSRP, quindi se ad esempio avete un RSRP di -90 dovreste avere una RSSI di -75.

SINR (Signal to interference plus noise ratio)
E' il rapporto segnale/rumore della connessione, per certi versi, simile a quanto accade nelle connessioni via cavo, e come tali, più alto, meglio è.


ANTENNE:

Anche qui, ci sarebbe da scrivere diversi volumi, io farò solo un brevissimo riassunto dei modelli più comuni.

A pannello:

Visualizza allegato 176165

Sono comode e facili da installare, in quanto avendo un raggio di ricezione molto ampio, non richiedono un puntamento preciso, ottime sui collegamenti a corto raggio, solitamente però hanno una banda di frequenze ben specifica, che ovviamente deve essere similare a quella trasmessa dal ponte.

LPDA o logaritmiche:

Visualizza allegato 176166
Sono antenne con una buona direttività ed a larga banda, sono indispensabili quando non si conosca la frequenza del ponte o si voglia provare varie frequenze, utilissime in 4G e configurazione a doppia antenna MIMO, è una delle soluzioni migliori per tantissime situazioni.

Yagi:
Visualizza allegato 176167
Disponibile in tantissime forme, dimensioni e caratteristiche, sono fortemente direttive e sono usate prevalentemente in situazioni difficili in cui sia necessario ricevere la maggiore quantità possibile di segnale da un punto ben preciso.
Vanno scelte in base alla direttività richiesta ed alla frequenza di lavoro, spesso specifica.

Come sceglierle:
Quando si lavora con le onde radio, ogni caso è un caso a se stante, quindi difficile, stabilire a priori la soluzione migliore, io inizio osservando il valore fornito con l’antenna interna del router, e con la tabellina postata prima, si valuta se è necessario potenziare il segnale e di quanto, e in base a questo si decide che impianto fare.

COMPARAZIONE HUAWEI B593 - B315:

Posto qui i risultati di una comparazione effettuata tempo fa:

VODAFONE (4 km):


Huawei B315 senza antenna:


Huawei B593 senza antenna:


Huawei B315 con antenna:


Huawei B593 con antenna:



WIND (12 km):

Huawei B315 senza antenna:


Huawei B593 senza antenna:


Huawei B315 con antenna:


Huawei B593 con antenna:



FOTO:


I due router che gestiscono la connessione:
80f5771f197ac00036e7c1f92e68ab99.jpg

Sopra, Huawei B315 per Vodafone 4G
Sotto, Huawei B5186 per Vodafone 4G+

( quella che vedete sotto è la batteria che fa da gruppo di continuità in caso di mancanza di tensione )

Le antenne:
Visualizza allegato 176151
A sinistra, Yagi Wittenberg K-102703-10, direttiva per LTE 800 MHZ
A destra, LPDA Huawei, direttiva a larga banda 800-2600 MHZ

Particolare antenne:
Visualizza allegato 176152

Visualizza allegato 176153


Non so da voi, ma da me le interruzioni elettriche non sono così infrequenti, sono in mezzo alla campagna quindi impianti di distribuzione, di chissà quanti anni fa, che per temporali ed altre cause mi lasciano senza corrente…
Quindi anche qui, occorre ingegnarsi un pochetto, computer portatili, gruppo di continuità per il computer fissi, ed ho adottato questa soluzione per i router /switch:
( E’ richiesta la conoscenza basilare di elettronica/elettricità e la capacità di saldare fili e collegare apparati tra di loro secondo norma, se non siete sicuri di possederle NON FATELO, ma rivolgetevi ad una persona competente in materia, vi è il rischio di danneggiare gli apparati, in modo IRREPARABILE se commettete errori )
Materiali:
Una batteria 6/12 volt di quelle a gel, a seconda se dobbiamo alimentare dispositivi a 5 o 12 volt, e della capacità di qualche Ah, io le ho prese da 7, perché dato il consumo di circa 5/600 mAh, già questa misura mi da diverse ore di autonomia, ma potete prenderle della capacità che volete, si trovano praticamente ovunque.
Un regolatore di corrente di questo tipo:
TB2VjctdXXXXXcGXXXXXXXXXXXX_!!23560052.jpg

Si trova ad un paio di euro su aliexpress, (http://www.aliexpress.com/item/Boos...er-XL6009-Module-Voltage-NEW/32490266203.html) ed ha particolarità di mantenere costante la tensione di uscita al variare della tensione di ingresso, ANCHE IN NEGATIVO, quindi se anche la tensione di ingresso fosse 3 o 30 volt in uscita avremo sempre la tensione che abbiamo impostato
Un caricabatterie automatico, si trova a pochi euro su amazon, (http://www.amazon.it/gp/product/B0016D1PS6) e mantiene la batteria carica.
Un connettore di alimentazione per il router/switch, anch’esso per pochi euro su amazon (http://www.amazon.it/gp/product/B00JXHN1XE) o in qualsiasi negozio di elettronica.
Ho collegato il caricabatteria alla batteria sostituendo i morsetti, con terminali “faston”, e quindi collegando l’ingresso del regolatore di corrente alla batteria, preso quindi uno dei connettori, e collegato all’uscita del regolatore,e per ultimo controllato con un tester la corretta polarità e regolato la tensione in base a quella richiesta dall’apparato.

Ho trovato su aliexpress, a pochi euro dei voltmetri / amperometri da pannello e ne ho presi due per controllare la tensione e corrente all uscita del caricabatterie e all uscita del regolatore di tensione:

53694a0005b0afd4e443c0ca47ef1068.jpg



Se avete domande / osservazioni / dubbi / ecc. ecc.. io sono qui !
Fantasticissima discussione. Provenendo da quella della VDSL 100/20, vedere che esistono alternative per coloro che sono purtroppo ancora in una zona digital divide rende felici ;)
Complimenti! :D
 

gd350turbo

Utente Èlite
2,879
683
CPU
INTEL i7-3770K
Scheda Madre
MSI M77 MPOWER
HDD
SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN7) + SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN8.1) HD SEAGATE ST2000DM001
RAM
2X8 GEIL EVO VELOCE 2400 MHZ
GPU
INTEL HD GRAPHICS 4000
Audio
Realtek ALC8988
Monitor
LG 29EB93-P LED IPS
PSU
ANTEC 620 High Current Gamer
Case
Aerocool RS-9
OS
Windows 7 & 8.1
Grazie...
Come si dice, la necessità aguzza l'ingegno

Inviato dal mio MI 5 utilizzando Tapatalk
 

gd350turbo

Utente Èlite
2,879
683
CPU
INTEL i7-3770K
Scheda Madre
MSI M77 MPOWER
HDD
SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN7) + SAMSUNG 840 EVO 250GB (WIN8.1) HD SEAGATE ST2000DM001
RAM
2X8 GEIL EVO VELOCE 2400 MHZ
GPU
INTEL HD GRAPHICS 4000
Audio
Realtek ALC8988
Monitor
LG 29EB93-P LED IPS
PSU
ANTEC 620 High Current Gamer
Case
Aerocool RS-9
OS
Windows 7 & 8.1
Amazon Prime video funziona perfettamente con questa connessione !
 

Brusdichinson

Nuovo Utente
19
0
Ciao ragazzi, ottima guida veramente. Visto che viaggio a 1.4 mb in download con Telecom, voglio provare questo sistema.
Mentre cercavo un router, ho visto che il famoso Huawei 5186 c' è sia non brand che brandizzato Telia. Sapete dirmi cosa cambia, visto che costa 50 euro meno?
Grazie mille!!
 

Filippo Mereu

Utente Attivo
1,035
702
CPU
Intel Core i5 6600k
Dissipatore
Corsair H110
Scheda Madre
Asrock Fatal1ty Z170 Gaming K6
HDD
Samsung 850 EVO 250Gb + Toshiba 3tb 7200rpm
RAM
G.SKILL Trident Z 16Gb (2x8Gb) 3000mhz CL15
GPU
Evga FTW GTX 1070
Audio
Purity Sound 3
Monitor
Asus VX279H 1080p 60hz
PSU
Evga Supernova 550 G2 80plus Gold
Case
Phanteks Eclipse P400
Periferiche
Cooler Master Quickfire Ultimate (Switch Brown + Led Red) - Mionix Naos 7000 - Edifier R1280T - Logitech G29 - Controller Xbox One Wireless
OS
Windows 10 Pro

demitri

Utente Attivo
11
0
CPU
AMD Phenom II X4 955 3.2Ghz 4x512KB Black Edition
Scheda Madre
ASROCK AM3 M3A790GXH/128M
HDD
2X Western Digital 640GB WD6401AALS 7200rpm 32MB Black
RAM
CORSAIR 4x2GB DDR3 1333Mhz PC10666 4GB CL9 DHX
GPU
Radeon HD3300 (Integrata) / In attesa di prenderne una migliore
Audio
Integrato
Monitor
28" lcd
PSU
LC-POWER Pro-Line LC6560T V2.2 TITAN
Case
ANTEC Three hundred
OS
Principale LinuxMint / Secondario Win7
Ciao a tutti ragazzi. Ho seguito in passato questa discussione con grande interesse e stima per chi l'ha creata.
Ultimamente navigando mi sono imbattuto in questa offerta della Tiscali http://casa.tiscali.it/LTE/tc/4G_unlimited/
Sfrutta la rete 4G di tim. Quindi se non fosse per i 3mb in up dovrebbe essere ottima :)
Voi cosa ne pensate?

Inviato da PRO 5 tramite App ufficiale di Tom\\\'s Hardware Italia Forum

Non va su rete TIM, non si tratta di LTE "normale" che puoi usare con uno smartphone o con i normali router LTE. Ti serve un CPE indoor o outdoor fornito da Tiscali che lavora in TD-LTE Banda 42/43, tipo Linkem per intenderci...
 

Franrukario

Utente Attivo
1,038
63
CPU
Intel Core i5 4440
Scheda Madre
MSI B85M-E45
HDD
Seagate 1Tb
RAM
Corsair Vengeance LP 8gb
GPU
Nvidia Geforce 1060 6Gb MSI Armor OC
Audio
Integrata
Monitor
LG Flatron M227WDP
PSU
Thermaltake Berlin 630W
Case
Thermaltake Commander MS-I
Net
TIM 100Mb
OS
Windows 10 Anniversary Update
Salve ragazzi,
Ho attualmente Telecom.ma nelle mia zona sta andando male (da 15 Mb attualmente ne aggancio 8,ma di sera scarica a non più di 150Kb/s),la fibra ottica dovrebbe arrivare quest anno,ma non vorrei avere problemi di cavi di rame vecchi.
L'unico dubbio nel mettermi questo operatore 4g è il traffico (spesso ho l'iptv accesa,youtube,ogni tanto scarico qualche gioco da steam) i 400 gb bimestre potrebbero bastarmi?
 

ste-87

Utente Èlite
4,555
1,368
CPU
I7 5820k@4.7Ghz 1.25 v.core
Dissipatore
XSPC Kit Water Cooling RayStorm D5 Photon RX360 V3 + Alphacool UT60 Full Copper 280
Scheda Madre
Asus X99-S
HDD
1xSSD Samung 850 Pro 512Gb + 1x HDD 1TB WD Blue 2.5"
RAM
Ripjaws 16Gb DDR4 3000Mhz CL15
GPU
EVGA GTX 1080 FE + WB Fullcover EK+Backplate (2114-5500)
Audio
X-Fi + Logitech 5.1 Z506
Monitor
Asus ROG PG348Q
PSU
Ali Corsair HX750i
Case
Corsair Graphite 780T White
Periferiche
Logitech G110 + G930 + Mouse Logitech Proteus
OS
Win 10 Pro 64
Salve ragazzi,
Ho attualmente Telecom.ma nelle mia zona sta andando male (da 15 Mb attualmente ne aggancio 8,ma di sera scarica a non più di 150Kb/s),la fibra ottica dovrebbe arrivare quest anno,ma non vorrei avere problemi di cavi di rame vecchi.
L'unico dubbio nel mettermi questo operatore 4g è il traffico (spesso ho l'iptv accesa,youtube,ogni tanto scarico qualche gioco da steam) i 400 gb bimestre potrebbero bastarmi?

per curiosità dove ha trovato un offerta flat da 400gb bimestre?

comunque personalmente ne facico un uso similare a te (escludendo la iptv che non ho)...è dificile fre paragoni reali, ma da quanto ho visto tramite la gestione del mio modem/router grosso modo vado da una soglia minima di 110Gb/mese a picchi di 190Gb/mese consumati, così a spanne secondo me staresti tranquillo con una 500Gb bimestrale....poi come detto è tutto soggettivo, dipende molto da quanto uso intensivo ne fai
 
Ultima modifica:

Entra

oppure Accedi utilizzando