PROBLEMA Casse per stereo

Bananajesus

Utente Attivo
38
2
CPU
Intel Core2 Duo CPU E4700 @ 3.02 GHz
Scheda Madre
Abit IP35 PRO
RAM
Kingston DDR2 2*1024 MByte
GPU
XFX Nvidia Geforce GT240 GDDR5
Audio
Realtek HD
Monitor
Samsung SyncMaster 2033HD
PSU
OCZ Modstream 500W
Case
Un qualcosa nero e di alluminio :D
OS
Windows 8 Consumer Preview 32bit
Salve a tutti!
Un mio amico ha riesumato un vecchio stereo degli anni '90 (un AIWA MX-N7Z da 260W) ed è subito sorto un problema; le casse sono inutilizzabili, le membrane sono rovinate e non appena subentrano un po' di bassi il gracchiare si fa insostenibile.
Ora, purtroppo queste casse non hanno nessuna specifica se non l'impedenza (pari a 6Ω) quindi non sappiamo con che altre casse sostituirle!
Quanti W devono avere? Il livello di pressione sonora è qualcosa di utile o no?
Sostanzialmente, non vorremmo metterci delle casse inadatte e vedercele esplodere non appena alziamo il volume di un sedicesimo di giro.
Mi servirebbe solo sapere quali caratteristiche dovrebbero avere delle casse affinché vadano bene per uno stereo da 260W (so che sono poche informazioni, ma quello che cerchiamo non è sicuramente la qualità, ci basta che reggano l'input), grazie mille per qualsiasi risposta :D
 

MarioTreTreTre

Utente Attivo
477
35
CPU
Phenom II x 4 955 BE
Scheda Madre
Asrock 790GX PRO
HDD
1T + 320gb
RAM
Corsair XMS3 ddr3 1x4 gb
GPU
AMD 6950
Audio
integrato scheda madre
Monitor
samsung gw932 sync master
PSU
corsair gs600
Case
syclone II
OS
w7
Ci vogliono dei diffusori da 150W (le casse esplodono quando sono meno potenti dell'ampli) con 6 ohm, i DB più ne sono più il volume sarà alto ad es:
1 diffusore da 100 W con 80db di sensibilità avrà un volume più basso rispetto ad 1 diffusore da 100 w con 96db di sensibilità e quindi necessiterebbe di un ampli più potente.
Le tue vecchie casse saranno sicuramente sotto i 90 db...visto che hanno 6 ohm di impedenza,comunque se magari ci dicessi il budget potremmo anche consigliarti qualcosa :)
 

Bananajesus

Utente Attivo
38
2
CPU
Intel Core2 Duo CPU E4700 @ 3.02 GHz
Scheda Madre
Abit IP35 PRO
RAM
Kingston DDR2 2*1024 MByte
GPU
XFX Nvidia Geforce GT240 GDDR5
Audio
Realtek HD
Monitor
Samsung SyncMaster 2033HD
PSU
OCZ Modstream 500W
Case
Un qualcosa nero e di alluminio :D
OS
Windows 8 Consumer Preview 32bit
Grazie mille innanzitutto :)
Per il discorso budget... è nullo eheh! Ti spiego, ci serve solo per un'occasione, e ci bastavano le specifiche necessarie visto che probabilmente ce le faremo prestare :D
Quindi la potenza si splitta nei due diffusori? Teoricamente non dovrei scendere sotto i 140W per diffusore dunque?
Almeno le prossime volte so come gestire la faccenda! :D
 
  • Like
Reactions: MarioTreTreTre

Redbullman

Utente Attivo
542
85
CPU
Ryzen 7 5800X
Dissipatore
Corsair H100i PRO
Scheda Madre
Asus Rog Strix X-570 E Gaming
HDD
Samsung 850 EVO 250 Gb + 2 Sabrent Rocket M2 512 Mb + Seagate ST2000DM008 2 Tb + 1 Tcsunbow X3 1 Tb
RAM
32 Gb (8Gbx4) Corsair Vangeance RGB PRO 3733 Mhz
GPU
Palit RTX 3080 GamingPro
Audio
Musical Fidelity V-Dac 2 connesso ad Hi-Face USB - Casse e Subwoofer Infinity - Amplificatore NAD
Monitor
AOC Q3270VWF
PSU
Corsair TX PSU 850 Watt
Case
Cooler Master HAF 932 Advanced
OS
Windows 10 Professional 64 Bit
In realtà con ampli meno potente delle casse è facile mandar in clipping l'amplificatore che erogando corrente continua anzichè alternata potrebbe facilmente rovinare i tweeter. E' quasi sempre consigliato avere un amplificatore più potente delle casse (meno rischio di andare in clipping) e comunque non alzare mai eccessivamente il volume, oltretutto dalla distorsione audio che si sente si riesce a capire quando è il momento di abbassare il volume.
 

RemiX

Utente Attivo
685
116
Redbullman questa volta mi trovo in disaccordo, se fosse come dici (e si legge spesso in giro) allora abbassando il volume (meno potenza di amplificazione) dovrei rovinare le casse.

Come potete capire è meglio avere un ampli meno potente, così da non bruciare le casse anche se clippa.
Su certi passaggi sonori presenti in molte canzoni si trovano creste di +10dB, che chiedono all'amplificatore di moltiplicare per 10 la potenza. Si capisce che è molto più facile di quanto non sembri clippare e se lo fate con un ampli più potente delle casse tranquilli che il tweeter vi dura poco. Se clippa quello meno potente è più facile che resista.
Un altro discorso sarebbe se si disponesse di compressori di dinamica o limitatori di potenza/clip, ma non è il caso del nostro amico.

Comunque puoi collegare casse con 6 o più Ohm, da almeno 130rms, il resto come detto da redbullman sta al buonsenso, un'occhio un po' allenato (o meglio un orecchio) dovrebbe accorgersi quando le casse son tirate per il collo e abbassare :pompiere:
 
  • Like
Reactions: MarioTreTreTre

MarioTreTreTre

Utente Attivo
477
35
CPU
Phenom II x 4 955 BE
Scheda Madre
Asrock 790GX PRO
HDD
1T + 320gb
RAM
Corsair XMS3 ddr3 1x4 gb
GPU
AMD 6950
Audio
integrato scheda madre
Monitor
samsung gw932 sync master
PSU
corsair gs600
Case
syclone II
OS
w7
Redbullman questa volta mi trovo in disaccordo, se fosse come dici (e si legge spesso in giro) allora abbassando il volume (meno potenza di amplificazione) dovrei rovinare le casse.

Come potete capire è meglio avere un ampli meno potente, così da non bruciare le casse anche se clippa.
Su certi passaggi sonori presenti in molte canzoni si trovano creste di +10dB, che chiedono all'amplificatore di moltiplicare per 10 la potenza. Si capisce che è molto più facile di quanto non sembri clippare e se lo fate con un ampli più potente delle casse tranquilli che il tweeter vi dura poco. Se clippa quello meno potente è più facile che resista.
Un altro discorso sarebbe se si disponesse di compressori di dinamica o limitatori di potenza/clip, ma non è il caso del nostro amico.

Comunque puoi collegare casse con 6 o più Ohm, da almeno 130rms, il resto come detto da redbullman sta al buonsenso, un'occhio un po' allenato (o meglio un orecchio) dovrebbe accorgersi quando le casse son tirate per il collo e abbassare :pompiere:

Io credo che per fare una cosa ad hoc bisogna avere diffusori con una 20/30 di watt in più dell'ampli.
 

RemiX

Utente Attivo
685
116
Se ti riferisci al caso del 3D in particolare, ho calcolato che per un amplificaore hi-fi anni 90 se ha 30watt RMS reali per canale è già tanto.

Per il resto dipende un po' da tante cose, in genere i prodotti commerciali sono molto sottodimensionati dal lato amplificazione, proprio perchè sanno che molta gente non si cura e tiene le casse a collo anche se gracchiano...In vita mia non ho mai bruciato un tweeter di un impianto preassemblato, mentre utilizzando amplificatori finali pro ne ho bruciati 2 in 1 anno sul mio impianto. Questo perchè ho l'ampli che ha gli stessi watt RMS delle casse, e quando ad esempio in una canzone ci sono soltanto suoni alti senza medi o bassi da amplificare, al tweeter arrivano ancora più watt del solito ed è facile far danni.
 
Ultima modifica:

Bananajesus

Utente Attivo
38
2
CPU
Intel Core2 Duo CPU E4700 @ 3.02 GHz
Scheda Madre
Abit IP35 PRO
RAM
Kingston DDR2 2*1024 MByte
GPU
XFX Nvidia Geforce GT240 GDDR5
Audio
Realtek HD
Monitor
Samsung SyncMaster 2033HD
PSU
OCZ Modstream 500W
Case
Un qualcosa nero e di alluminio :D
OS
Windows 8 Consumer Preview 32bit
Grazie mille a tutti per le risposte! :D
Vi chiedo due cose solo per essere sicuro di aver capito bene.

Avete parlato di clipping... Che, se non erro, è quella distorsione che avviene quando l'apparecchio che emana il segnale audio lo emana ad una potenza superiore a quella che può gestire, giusto? Quella specie di scoppiettio che si sente in certi picchi sonori?
Perciò il "rischio" che si incorre usando casse più potenti dell'ampli è il fatto di poter alzare il volume oltre il livello sopportabile dall'amplificatore (ma comunque sopportabile per le casse) e creare questi scoppiettii che essendo inevitabilmente a frequenze alte rovinano i tweeter?
I Watt RMS sono quelli sostenibili prolungatamente e senza incorrere in distorsioni/etc?



Sì, l'orecchio per le distorsioni per fortuna è una delle poche cose che abbiamo, ed anche il motivo per cui non mi sono fidato a metterci delle casse sottodimensionate ma ho chiesto a voi :D
 

Redbullman

Utente Attivo
542
85
CPU
Ryzen 7 5800X
Dissipatore
Corsair H100i PRO
Scheda Madre
Asus Rog Strix X-570 E Gaming
HDD
Samsung 850 EVO 250 Gb + 2 Sabrent Rocket M2 512 Mb + Seagate ST2000DM008 2 Tb + 1 Tcsunbow X3 1 Tb
RAM
32 Gb (8Gbx4) Corsair Vangeance RGB PRO 3733 Mhz
GPU
Palit RTX 3080 GamingPro
Audio
Musical Fidelity V-Dac 2 connesso ad Hi-Face USB - Casse e Subwoofer Infinity - Amplificatore NAD
Monitor
AOC Q3270VWF
PSU
Corsair TX PSU 850 Watt
Case
Cooler Master HAF 932 Advanced
OS
Windows 10 Professional 64 Bit
Redbullman questa volta mi trovo in disaccordo, se fosse come dici (e si legge spesso in giro) allora abbassando il volume (meno potenza di amplificazione) dovrei rovinare le casse.

Come potete capire è meglio avere un ampli meno potente, così da non bruciare le casse anche se clippa.
Su certi passaggi sonori presenti in molte canzoni si trovano creste di +10dB, che chiedono all'amplificatore di moltiplicare per 10 la potenza. Si capisce che è molto più facile di quanto non sembri clippare e se lo fate con un ampli più potente delle casse tranquilli che il tweeter vi dura poco. Se clippa quello meno potente è più facile che resista.
Un altro discorso sarebbe se si disponesse di compressori di dinamica o limitatori di potenza/clip, ma non è il caso del nostro amico.

Comunque puoi collegare casse con 6 o più Ohm, da almeno 130rms, il resto come detto da redbullman sta al buonsenso, un'occhio un po' allenato (o meglio un orecchio) dovrebbe accorgersi quando le casse son tirate per il collo e abbassare :pompiere:

Sarà, ma con il vecchio sinto Onkyo 509 che erogava al max 30W RMS su 5 canali ho bruciato i tweeter alle HCS che sono 10-100 W. La Infinity in assistenza mi ha risposto che ciò era dovuto proprio al fatto che quando l'ampli va in clipping, in corrente continua può arrivare ad erogare più dei watt sostenuti dalle casse ed un bel pò di questa potenza va ai tweeter le cui resistenze non ce la fanno a reggere (calcola che su 100W i tweeter devono reggere circa 10W e già 1W in più che va a questi e sufficiente a fregarli). Al contrario se l'ampli fosse stato sovradimensionato ai diffusori lo stesso non sarebbe mai entrato in clipping e sarebbe stato molto più difficile rompere i tweeter.
Aggiungo inoltre che di solito un amplificatore da il massimo a metà del volume od al massimo ai 3/4, oltre si rischia di far danni in quanto si chiede a questo di andare oltre ciò che può fare.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: MarioTreTreTre

RemiX

Utente Attivo
685
116
Al contrario se l'ampli fosse stato sovradimensionato ai diffusori lo stesso non sarebbe mai entrato in clipping e sarebbe stato molto più difficile rompere i tweeter.

dov'è scritto che un ampli sovradimensionato non può clippare?
ci vuole veramente poco, già chiedendo 3dB di volume in più, la potenza richiesta all'amplificatore raddoppia... e se hai un sintoamplificatore con la scala in decibel sai già quanto pochi siano 3dB di differenza all'ascolto

per quello ho detto che ci vorrebbero dei compressori di dinamica o dei clip limiter come quelli presenti in certi ampli professionali che abbassano la potenza in prossimità della massima erogabile
Diciamo che avessi avuto un ampli da 15 watt il tweeter non l'avresti mai bruciato;)
 

Redbullman

Utente Attivo
542
85
CPU
Ryzen 7 5800X
Dissipatore
Corsair H100i PRO
Scheda Madre
Asus Rog Strix X-570 E Gaming
HDD
Samsung 850 EVO 250 Gb + 2 Sabrent Rocket M2 512 Mb + Seagate ST2000DM008 2 Tb + 1 Tcsunbow X3 1 Tb
RAM
32 Gb (8Gbx4) Corsair Vangeance RGB PRO 3733 Mhz
GPU
Palit RTX 3080 GamingPro
Audio
Musical Fidelity V-Dac 2 connesso ad Hi-Face USB - Casse e Subwoofer Infinity - Amplificatore NAD
Monitor
AOC Q3270VWF
PSU
Corsair TX PSU 850 Watt
Case
Cooler Master HAF 932 Advanced
OS
Windows 10 Professional 64 Bit
Probabilmente non sarebbe mai entrato in clipping in quanto aumentando il volume le casse sarebbero esplose (ipotesi eh!) prima che potessi fare in modo di far clippare l'amplificatore, oltretutto con un pò di buon senso penso che nessuno su un ampli più potente delle sue casse alzerebbe oltremodo il potenziomentro del volume, il contrario è più facile che accada. Poi è normale che anche un ampli più potente va in clipping. Io intendevo il caso specifico dell'esempio, scusa se non mi sono spiegato bene. Infine ti faccio notare che sui prodotti da categoria HI-FI a scendere, quindi non professionali (a parte i NAD, stando alle mie conoscenze) il discorso dei clip limiter è del tutto superfluo in quanto io non conosco molti marchi che in questa fascia di prodotti li implementano. Tu hai ragione a parlarne, ma su questa classe di prodotti che non sono studiati per grandi volumi d'ascolto bensì per lo più per la qualità o per il rapporto qualità/prezzo, questi problemi in mano ai produttori passano in secondo piano.
 
Ultima modifica:

Alinoblu

Utente Èlite
5,269
450
CPU
AMD Ryzen 5 3600 @ 4.2Ghz tutti i core @ 1.224v
Dissipatore
Noctua NH-D14
Scheda Madre
MSI B450 Tomahawk MAX
HDD
Silicon Power A80 NVME 1Tb - Sandisk SSD Plus 480Gb - Corsair M4-CT 256Gb - Seagate Barracuda 500Gb
RAM
Corsair Vengeance LPX 3600 Mhz 2 x 8Gb
GPU
XFX RX 5700 XT Thicc III Ultra
Audio
Integrato
Monitor
Samsung Syncmaster p2350 23" full HD
PSU
Cooler Master Silent Pro 850W
Case
Cooler Master Sniper Pure Black
OS
Windows 10 Professional
Se posso permettermi....
Partiamo dal presupposto che per bruciare un tweeter bisogna pilotarlo con una potenza maggiore rispetto al suo dato di tenuta in potenza, per un lasso di tempo discretamente lungo. Ossia un picco di potenza non brucia un tweeter (parlo ovviamente di apprecchiature HiFi degne di questo nome).
MA... Per bruciare un tweeter basta mandargli corrente continua, ossia onde quadre, ossia distorsione a gogo, per un lasso di tempo molto minore a quello richiesto ad una quantità abnorme di watt "puliti", e questo non è affatto da sottovalutare.

Infatti la ragione più frequente di rotture del genere è dovuta ad amplificatori sottodimensionati.
Cerco di spiegarmi meglio:
Prendiamo un diffusore con tenuta in potenza di 100w e 80dB di sensibilità (decisamente sordo).
Se cerchiamo di farlo suonare forte con un amplificatore da 1000 watt, il diffusore inizierà a distorcere udibilmente non appena raggiunto il suo limite, e per udibilmente intendo che si abbassa immediatamente il volume perchè è inequivocabilmente molto sgradevole e preoccupante quello che si ascolta.
Ora, cerchiamo di farlo suonare forte con un amplificatore da 50W... Che, poverino, non je la fa! Non ci sono santi, non je la pò fa... Per cui inizia a distorcere, producendo spurie ed armoniche, e iniziando a creare onde che somigliano molto più ad una quadra che ad una sinusoide. In questo caso, il clipping è avvertibile, ma sopportabile, soprattutto perchè magari si avrà in momenti musicalmente concitati (pieni orchestrali o assoli di sax o di chitarra elettrica) e per picchi relativamente brevi. In questo caso non tutti si rendono conto di quello che sta accadendo, o non se ne curano, ed ecco che il danno è bello che fatto.

Per la mia esperienza è più facile bruciare un diffusore utilizzando un amplificatore sottodimensionato che il contrario.

Scusate se posso sembrare supponente, ma l'HiFi lo frequento da un bel po di anni, anche se quasi mai qui su tom's leggo o intervengo in questa sezione.

In ogni caso, la tenuta in potenza di un diffusore è un dato meramente indicativo, che gli audiofili non prendono mai in considerazione, e non è un caso. Spesso sono numeri messi li per abbagliare gli acquirenti, in prodotti di fascia non hifi o comunque bassa.
I dati che possono essere utili, se vi interessa l'argomento, e da tenere in una qualche considerazione al momento dell'acquisto di un diffusore sono piuttosto l'impedenza e la sensibilità.
La prima ci fa capire di fronte a quale carico si troverà il nostro amplificatore, considerato che 8 Ohm sono un carico "facile" e più si scende e maggiore è la potenza richiesta all'amplificatore, che teoricamente dovrebbe raddoppiare la potenza erogata al dimezzarsi del carico (ossia 50w su 8ohm dovrebbero teoricamente diventare 100w su 4ohm, cosa che raramente accade, e che comunque, anche qui, nulla dice sulla qualità dell'oggetto, se non che ha un'alimentazione adeguata). Ma ancora di più, interessa il minimo d'impedenza, e soprattutto a che frequenza si ha. Un diffusore da 8 ohm, che ha un minimo di 3 ohm a 130hz è tutt'altro che un carico facile ;)
La sensibilità infine, ci da un'idea di quale potenza avremo bisogno per far suonare il diffusore in questione. E' espressa in db. Ed ogni 3db di aumento di volume, occorre raddoppiare la potenza fornita dall'amplificatore. MA non è che ogni 3db di aumento di pressione sonora noi ascoltiamo il doppio più forte, no, noi ascoltiamo sempre 3db in più.
Faccio un esempio così forse è più chiaro:
Un diffusore che ha una sensibilità di 80dB su 8ohm, vuol dire che con 1w fornito dall'amplificatore produrrà 80 decibel di pressione sonora ad un metro di distanza.
Per arrivare ad una pressione sonora di 109 db (ad un metro sempre) serviranno:
80 - 1w
83 - 2w
86 - 4w
89 - 8w
92 - 16w
95 - 32w
98 - 64w
101 - 128w
104 - 256w
107 - 512w
110 - 1024w

Da notare che da 107 a 110 db passiamo da 512w a 1024w erogati dall'amplificatore, ma non ascoltiamo un suono raddoppiato di intensità, semplicemente lo sentiamo un po più forte. Ecco perchè tra un ampli da 50w ed uno da 100w non c'è tutta questa differenza.

Ma torniamo all'esempio precedente, prendiamo un diffusore con 92dB di sensibilità:
92 - 1w
95 - 2w
98 - 4w
101 - 8w
104 - 16w
107 - 32w
110 - 64w

Basta un sedicesimo della potenza richiesta nel primo caso per avere la stessa pressione sonora.

Tutto quanto scritto sopra, sebbene corretto dal punto di vista teorico e tecnico, non ci dice ahimè assolutamente nulla riguardo la QUALITA' dei componenti che stiamo ascoltando, che è tutt'altro discorso, e che rappresenta il cuore vero di quella malattia che si chiama audiofilia (purtroppo incurabile e difficilmente controllabile ;)).
Però ci dice che se abbiamo a disposizione un amplificatore da 35w con un diffusore sensibile, come nel secondo caso, riusciremo a sonorizzare decentemente un ambiente, nel primo invece si avranno più difficoltà senza dubbio.

La chiudo qui per il momento, spero di non avervi annoiato troppo ;)


Scusate ma mi ero dimenticato di rispondere al primo post :D

Premesso che dubito fortemente che quell'amplificatore riesca ad erogare 260w rms per canale su 8 Ohm (la potenza dovrebbe essere espressa in Watt RMS per canale su un carico di 8 Ohm), direi che molto più realisticamente siamo di fronte ad un amplificatore da 35w.
Detto ciò, dipende sostanzialmente da cosa devi farci, se devi sonorizzare un grande ambiente a grandi volumi non c'è diffusore che tenga.
In ogni caso, cerca una coppia di diffusori con un'impedenza di 8 Ohm (più facili da pilotare) ed una sensibilità di, minimo, 88dB. La tenuta in potenza, come spiegato sopra, lascia il tempo che trova e sostanzialmente non serve a nulla.
Per le casse che gracchiano, invece, lo fanno con le frequenze basse a quanto ho capito, potrebbero essere semplicemente i woofer da ribordare. Una volta la sospensione era fatta in foam, materiale che dopo una decina di anni inevitabilmente si sbriciolava. Te la potresti cavare con una spesa contenuta se trovi un tecnico dalle tue parti, e se pensi ne valga la pena, è un intervento tutt'altro che impossibile.
 
Ultima modifica:

Entra

oppure Accedi utilizzando

Hot: E3 2021, chi ti è piaciuto di più?

  • Ubisoft

    Voti: 7 21.2%
  • Gearbox

    Voti: 0 0.0%
  • Xbox & Bethesda

    Voti: 25 75.8%
  • Square Enix

    Voti: 0 0.0%
  • Capcom

    Voti: 1 3.0%
  • Nintendo

    Voti: 4 12.1%
  • Altro (Specificare)

    Voti: 1 3.0%