Bene cominciamo..

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Per ammazzare il tempo in attesa della consegna del rad. e di un altro paio di fittings, tanto per usare lo slang , inizio col presentare la mia build che consta di alcune componenti che per il mercato italiano sono alquanto ignote... ahimè. Nell'ottica della cavia, non vogliatemene male se ho fatto/scritto castronerie ma ricordo che si tratta della mia prima vera e propria build e giustamente, perché non fare pure un po' di sleeve dei cavi e custom loop. Le componenti base sono:

CPU: Ryzen 5 1600x.
RAM: 32 gb G.skill trident z rgb 3200 mhz (beh i 3200... lasciamo stare ho già un thread apposito)
MOBO: Asus Crosshair VI hero
PSU: Corsair Rm750i
VGA: beh una splendida HD54... boh non ricordo bene ma fa talmente tanto... si l'avete capito, che manco ricordo con esattezza il nome. Ovviamente è una soluzione temporanea low cost (30€) in quanto la nuova piattaforma amd non ha grafica integrata cosa ormai risaputa.
MONITOR: Samsung U28E570D 1ms 60hz 4k freesync, beh per meno di 300€ difficile trovare di meglio.
STORAGE: 1 Samsung 850 evo da 500gb + raid di 3 wd blue 1tb cad. Dovrei aggiungere un m.2 Samsung 960 pro da 500gb ma a breve, si sa che il mondo dell'hw è fatto di attese, Samsung dovrebbe lanciare la serie 970 e 980 quindi ovviamente.. .. attendiamo!!!.
CASE: Termaltake Core p5. Voi di solito la roba la infilate nei vostri case beh, io nel mio ce la spargo attorno .

Fatte le doverose presentazioni sperando di non aver lasciato nulla eccetto il raffreddamento a liquido e la modesta masterkey lite L (inutile soffermarsi sulle periferiche), iniziamo..


FASE 1: Il tragico esordio.

Come Wb per la cpu, dopo svariate ricerche che avessero come parametri performance ed estetica ho puntato sul Phantecks Glacier c350a
03ebcf9472a1994c49e7161b92770e35.jpg

... scherzo non sapevo na cippa circa le specifiche ma mi piaceva. Sincronizzazione rgb con l'aura della mobo, forma abbastanza regolare, placcatura in nickel e prezzo in linea con la concorrenza. Il pezzo è di grandi dimensioni e bello pesante, presenta due pin sullo stesso lato (1 sopra 1 sotto) per l'alimentazione dei due led. Il top, ove sono presenti i due ovvii raccordi da 1/4g è di plastica trasparente molto spessa che consente di vedere bene le lamelle sottostanti ed il futuro liquido che vi scorrerà . Sempre nella parte superiore vi sono due clip magnetiche di colore nero di cui una riportante il nome del produttore e sotto queste vi si trova il S/N, a scelta ma non incluse nella confezione, si possono prendere le lamelle cromate. La parte sottostante invece mi risulta la parte dolente.. la cromatura a specchio del fondo mi appare un po' grossolana, nulla di grave ovviamente, ma si potrebbe fare di meglio visto che risulta un po' pesante e poco rifinita.
50c4b65a9ce2722cb85eabc29e8e98bd.jpg

Nel complesso, almeno per il momento visto che il loop è ancora in lavorazione, il prodotto non sembrerebbe male. Nella confezione stile gioielleria, oltre ad una siringa classica di pasta di cui parlerò a breve, vi sono vari cavetti per il collegamento dei led ed una mini userguide.
Nel rimuovere il vecchio Artic Alpine 64 plus ad aria ( vecchio si fa per dire vista la breve carriera di 1 mesetto circa), quasi non deliddo la cpu così...
afeb4d4adbbf31e70bff7ea52453aa3e.jpg

Si la state vedendo bene, bella incollata sul fondo del dissipatore. Con un po' di pazienza e facendola ruotare piano piano, daje e daje riesco a sfilarla. Mi ritrovo così con le mani inchiappate di pasta ed alquanto intimorito con la cpu che quasi mi svirgola verso il pavimento. Passati gli attimi di panico e verificato che tutti i pin erano dritti e presenti nonché puliti dagli ipotetici residui di pasta che si sarebbero potuti depositare nella maldestra manovra, ricolloco con aria titubante la cpu al suo posto ed inizio a pulirla. Per la pulizia, non avendo alcool isopropilico a disposizione utilizzo un noto kit composto da due soluzioni acquistato presso el pejor venditore di caracas in Amazzonia.
efe51fa3d2fe05b74a76407110c65c0d.jpg

Il kit fa il suo lavoro alla perfezione. Un paio di strofinate di cotton fioc ed una pulita finale con la soluzione nr°2 e la cpu torna come nuova.
1264043a71fa9fbc05c06a949dcfb830.jpg

Bene fatte le pulizie di primavera veniamo alla pasta termica già su menzionata.
Inizialmente stavo per acquistare la Noctua NT-1H, recensita come uno dei migliori prodotti ma poi, cercando qua e là, in un forum straniero ho visto che la pasta termica fornita col dissipatore di cui sopra, la PHNDC
049e169167ae960c037c09574de6a310.jpg

, è la stessa identica di noctua, prodotta dalla stessa casa ma rimarchiata differentemente pertanto... me so tenuto in tasca sta decina de scudi.
Bene, saldato al suo posto il wb la tragica fase uno completa di giri loschi per occultare il cavetto rgb è completa.

FASE 2: INGEGNERI SI NASCE.

Nella fase 2 vi parlerò della combo tanica/ pompa da ma acquistata la Enermax neochanger rgb da 300ml.
16c2c543a7f0a33dae11a03e6186d541.jpg

Anche in questo caso ed in maniera del tutto fortuita direi , l'oggetto si integra con il sistema Asus aura. Come suggerito più spesso da altri utenti, l'ideale sarebbe stato optare più per una soluzione scomposta ma, vuoi per l'inesperienza, vuoi per la strana allocazione delle componenti nel case, ho preferito puntare sul prodotto in questione.
I tagli della tanica vanno dai 200 ml sino ai canonici 400 ml solo che per la mancata disponibilità di quest'ultimo, ho dovuto optare per la soluzione intermedia. Anche qui il prodotto è bello massiccio. Top in alluminio nero con i due fori da 1/4 G per il rabbocco e l'affluenza del loop, corpo della tanica in plastica trasparente spessa un paio di millimetri se non anche di più (scusate ma non ho il calibro a portata di mano) ed alla base di questa, subito sopra la pompa, si trova l'anello bianco rgb. La pompa naturalmente è sottostante e presenta un mini display dove viene segnata la velocità con i classici rpm che, manovrabili da telecomando così come anche l'illuminazione, variano dai 1500 ai 4000... insomma, dovrebbe trattarsi della turbina di una centrale elettrica. La prevalenza massima così come riportato dal fabbricatore dovrebbe essere di 5,2 mt e la portata di 900 lt/h. Sotto il corpo della pompa si trova un mini sensore per il telecomando che, a corredo di viteria, guaine insonorizzanti etc etc, tutte facenti parte della confezione... é inserito all'interno di una comoda custodia di silicone con calamite. Al momento ricordando sempre che il loop non è pronto, di più non posso dirvi. Ah si quasi dimenticavo... l'acqua da qualche parte dovrà uscire da sta pompa. E qui entrano in campo gli ingegneri Enermax. Nella pompa è presente 1 solo foro di uscita che, ovviamente, ndo l'hanno collocato?!? Dietro il display certo!!! Si mi spiego meglio prima che venga la visione distorta di un non so cosa che sputa acqua e ti dice a che velocità lo fà. La base della pompa è esagonale e le due facce interessate, display ed uscita g1/4, sono quelle diametralmente opposte.
6ff5aa6a8a9c382bf65cc22682ca52ef.jpg

Ciò, in casi tipo il mio in cui il sostegno o lo spazio non sono ampi, porta a due sole soluzioni: #1# ruoti la pompa in maniera tale da far stare più comodo lo sbocco dell'acqua a discapito del display e li ti domandi che ce l'hanno messo a fà?!? #2# ti dai al modding o al fai da te e qualcosa ti inventi. Io ho optato per la soluzione nr°2 andando a costruirmi un sostegno in plexy da 5mm più lungo di quello che già avevo. Così facendo ho distanziato il tutto dai cavi dell'ali ed ho creato lo spazio necessario per il raccordo a Y ed il rubinetto per lo svuotamento dell'impianto, cosa che prima mi sarebbe invece stata impossibile. Dimenticavo di dire che la combo ha solo due cavi. Il primo che è quello l'alimentazione ed è di tipo sata ed il secondo, lungo tipo 1 micron, che è quello del led. Ovviamente ci sono le prolunghe di quest'ultimo e la soluzione sarà stata dettata dal fatto che se non vuoi rgb è non attacchi il filo, quel coso corto da qualche parte lo nascondi meglio. Sinceramente mi lascia un po' perplessa sta storia del solo telecomando e di un solo cavo do alimentazione.. in media ci sono 30000 porte per le pompe... boh indagherò meglio e vi farò sapere ad ogni modo, se prima non testo il prodotto non mi esprimo al riguardo quindi... andiamo avanti.

FASE 3: L' agognato radiatore.

Se scrivo anziché cazzegiare al pc è proprio perché manca ancora qualcosa... qualcosa di importante direi. Quando progettiamo gli impianti, i primi due parametri che andiamo a guardare sono lo spazio a disposizione e cosa dobbiamo raffreddarci. Valutate queste prime condizioni iniziamo con la ricerca del miglior radiatore al miglior prezzo. Nel mio caso ho optato per un radiatore da 480 mm che è la misura massima supportata restando allineata alle misure del case poi, per chi ha inventiva e sa cimentarsi in tagli col dremmel, non ci sono limiti di spazio e si può andare verso l'infinito e oltre.
Tornando al mio caso più standard e sempre con i due punti di sopra in mente, durante le ricerche noto subito una cosa... radiatori con misure in L uguali a prezzi con differenze di un certo valore. Beh subito mi rendo conto che esistono molti altri fattori da prendere in considerazione se si vuole fare un impianto di tutto rispetto e che da quelli si può arrivare alla fantascienza. Nel radiatore bisogna anche guardare la profondità, bisogna evitare di inserirne uno composto di materiali diversi da tutti gli altri componenti del loop per via della corrosione... vedasi l'alluminio e bisogna guardare gli FPI o misura delle alette per pollice. Per farla breve, i nostri radiatori variano da misure slim a misure extra fat ed in media va considerato che i radiatori migliori hanno un minor numero di FPI. Sostanzialmente il discorso è alquanto riduttivo e se prima ho scritto che si può arrivare alla fantascienza
è proprio in virtù di questo fattore. Meno FPI si hanno e più si possono abbassare gli rpm a vantaggio della silenziosità viceversa.... si lo sapevate già.
Bene dopo un tira e molla e qualche ricerca ho scelto di andare sul classico, un bell' EK Coolstream XE 480 spessore di 6 cm, 16 FPI e soprattutto una linea classica!! Si il mio case ha tutto a vista e non posso/voglio non tenere in considerazione l'estetica. Il diretto rivale preso in considerazione era era il nexxxos monsta... 10 FPI e 8+ cm di spessore, na bestia insomma. Il prezzo si assomigliava e le caratteristiche da fuoriclasse farebbero storcere il naso per la scelta che ho fatto ma vi invito a leggere qui: http://thermalbench.com/2015/06/07/ek-coolstream-xe-480mm-radiator/5/
Dai grafici si può notare che la bestiolina non si comporta male se abbinata a ventole degne di esser chiamate tali pertanto possiamo passare al #4.

FASE 4: Prima centrale eolica Homemade.

In relazione alle necessità del radiatore, dopo una serie di problematiche che mi hanno fatto desistere dall'acquisto delle Akasa Apache "fortunamente", ho puntato sul classico e sicuro set di 4 Noctua NF-f12 industrial da 2000 rpm pwm.

ef0890fbc36a552ba4fcb5f527099ca5.jpg


Le ventole grazie al cielo sono nere anche se quel marrone cagherella nei gommini ce lo hanno dovuto infilare per forza . Il problema si risolve subito rimuovendoli del tutto ( quelli a vista) o cambiandoli con altri colorati acquistabili e prodotti sempre dalla casa. Non si tratta del prodotto migliore creato da questa, ma viste le necessità e considerato che non è neanche il prodotto peggiore mi sono detto perché no. Le 3000 consentivano sicuramente prestazioni superiori ma li, accendendo il pc, avrei dovuto chiedere l'autorizzazione a Ciampino ed i db sarebbero stati veramente troppo alti invece puntando sulle 2000... non potrò certamente dire di avere un pc silenziosissimo ma un drone poco rumoroso. Scherzi a parte ovviamente giocando sùi regimi di rotazione saprò trovare il giusto compromesso, tanto del resto, voglio si performance ma non devo certo farci i record del mondo. Beh sul prodotto null'altro da dire, la ventola dal peso stesso fa comprendere la qualità con cui è costruita tipica del marchio, ed osservandola meglio, si possono notare diversi accorgimenti anche nella trama interna volti a migliorarne il flusso. In rete, troverete certamente video esplicativi al riguardo ed in alcuni casi mediante l'uso del fumo, non quello che penseranno in molti , si potrà vedere meglio la potenza e la concertazione del flusso. Il cavo è sleevato e se vogliamo trovare un neo, possiamo attaccarci alla scarsa dotazione. Nella confezione della ventola singola, probabilmente perché avranno pensato all'installazione nel case e non su radiatore, vi troverete solo 4 mini vitarelle cromate e neanche nere. Vabbè anche li la cosa è facilmente superabile visto che il rad. arriva/arriverà con le viti lunghe adatte per ospitare anche le ventole sino a 25mm.

In conclusione delle doverose presentazioni non mi soffermo per quanto riguarda i tubi rigidi petg ed i relativi raccordi da 12mm o circa il solito liquido Mayhems.

Che dire... la papagna è lunghetta e forse al momento poco interessante vista l'assenza di dati, ma sin tanto che non ho tutti i pezzi avevo ben poco da fare pertanto, lasciandovi la foto del lavoro fatto sin ora dopo il cable managemet, spero di non avervi annoiati troppo. Gli ulteriori aggiornamenti arriveranno a loop finito, intanto sentitevi liberi di commentare circa eventuali altre scelte che avrei potuto fare etc... un saluto e a presto.

ce9d8e5518c41c8735d95c3b3565c821.jpg


Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 
Ultima modifica:

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Update***

Stamane mi arriva il rad. e già in fase di pulizia mi rendo conto che qualquadra non cosa . Pare che il radiatore perda dalla parte superiore. Vado per asciugare con un panno ed anche la vernice viene via... Vabbè dico forse ho sbagliato nel lavarlo e qualche goccia sarà andata per i fatti suoi... quindi vado a montarlo lo stesso.
Niente.... specie se spingo la pompa al massimo, le perdite ci sono pertanto dovrò sostituirlo.
Tolto il fatto che per quanto appena detto mi erano cadute le palle a terra nel vero senso della parola data la lunga attesa, come primo bending non è venuto proprio accio. I tubi sono un po' corti (50cm) quindi ho dovuto ideare curve per raggiungere quanto prima i raccordi. Nel frattempo posso dire che il computer per avere 4 industrial si comporta bene in termini di silenziosità e la pompa va che è una meraviglia. A 4200 rpm si sente a malapena e a regimi minori non si sente affatto (ricordo che il mio case è tutto aperto). Con le ventole al minimo sto eseguendo IBT e senza overclock la cpu Tdie si attesta sui 50° con un range tra 29.5° e 50° come in foto (6/10 very hig).
Il mio problema adesso sta nel fatto che mi da il cpu fan error, ho collegato tutte e 4 le ventole al controller thermaltake ed il controller proprio sul pin del cpu fan suggerimenti???
a153ec96d993ebb1bf0b17d723280c8e.jpg
541131d604efe45c6b9ed6bc74aeb7d6.jpg


Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

CarlettaBasilico

Utente Attivo
1,131
329
CPU
Intel I9-9900KS@5.2
Dissipatore
Alphacool Eisblock XPX Clear RGB
Scheda Madre
ASUS ROG Maximus XI Code
HDD
M.2 Samsung 970 Pro 1TB
RAM
32 GB DDR4 4266 Trident Z RGB F4-4266C17Q-32GTZR
GPU
Asus ROG STRIX RTX 2080Ti OC
Audio
ROG SupremeFX
Monitor
LG 32" 4K 32UD99
PSU
Asus ROG-THOR-850P
Case
Level 20 XT
Net
Fibra FTTH 1Gbps/200Mbps
OS
Windows 10 Pro X64
Ciao, se colleghi una ventola direttamente al cpu fan ti da lo stesso errore? che controller stai usando? se non ti rileva il segnale tachimetrico magari ha problemi il controller, cmq bastava un cavo come questo https://www.ekwb.com/shop/ek-cable-splitter-4-fan-pwm-extended
Come lavoro non mi sembra malaccio ma non capisco se è un illusione ottica o se su alcune curve ci sono delle gobbe, se fosse alla prossima occasione ti conviene rifare i pezzi venuti peggio (magari aiutandoti con qualche adattatore da 90° e 45°)
 
  • Like
Reactions: albertomattogno

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Ciao, se colleghi una ventola direttamente al cpu fan ti da lo stesso errore? che controller stai usando? se non ti rileva il segnale tachimetrico magari ha problemi il controller, cmq bastava un cavo come questo https://www.ekwb.com/shop/ek-cable-splitter-4-fan-pwm-extended
Come lavoro non mi sembra malaccio ma non capisco se è un illusione ottica o se su alcune curve ci sono delle gobbe, se fosse alla prossima occasione ti conviene rifare i pezzi venuti peggio (magari aiutandoti con qualche adattatore da 90° e 45°)
Ciao, si non hai le visioni, un paio di gobbe ci sono. Andavo di fretta per testare le varie componenti visto che acquistando da amazon bisogna sempre verificare la funzionalità come lo è stato col radiatore . Il controller è della thermaltake, alimentato sata e con 10 alloggi pwm. Quando collegavo il vecchio dissipatore non mi dava questo problema. Per aggirare la situazione ho disabilitato il controllo sulla cpu fan ma essendo pignolo non vedo per quale motivo non debba funzionare regolarmente. La cosa strana è che pur dando il problema le ventole funzionano regolarmente e vengono gestite così come settate da bios

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

CarlettaBasilico

Utente Attivo
1,131
329
CPU
Intel I9-9900KS@5.2
Dissipatore
Alphacool Eisblock XPX Clear RGB
Scheda Madre
ASUS ROG Maximus XI Code
HDD
M.2 Samsung 970 Pro 1TB
RAM
32 GB DDR4 4266 Trident Z RGB F4-4266C17Q-32GTZR
GPU
Asus ROG STRIX RTX 2080Ti OC
Audio
ROG SupremeFX
Monitor
LG 32" 4K 32UD99
PSU
Asus ROG-THOR-850P
Case
Level 20 XT
Net
Fibra FTTH 1Gbps/200Mbps
OS
Windows 10 Pro X64
Ciao, si non hai le visioni, un paio di gobbe ci sono. Andavo di fretta per testare le varie componenti visto che acquistando da amazon bisogna sempre verificare la funzionalità come lo è stato col radiatore . Il controller è della thermaltake, alimentato sata e con 10 alloggi pwm. Quando collegavo il vecchio dissipatore non mi dava questo problema. Per aggirare la situazione ho disabilitato il controllo sulla cpu fan ma essendo pignolo non vedo per quale motivo non debba funzionare regolarmente. La cosa strana è che pur dando il problema le ventole funzionano regolarmente e vengono gestite così come settate da bios

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
be a questo punto ha qualche problema il controller TT, le ventole funzionano regolarmente perché sono alimentate dalla presa sata, ma non penso tu possa regolargli la velocità (o sbaglio?)
cmq io preferisco settare su ignore il cpu fan e adoperare controller indipendenti tipo Aquacomputer aquaero od il Corsair commander, se poi voglio risparmiare metto il cavo che ti ho già linkato prima
 
  • Like
Reactions: albertomattogno

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
be a questo punto ha qualche problema il controller TT, le ventole funzionano regolarmente perché sono alimentate dalla presa sata, ma non penso tu possa regolargli la velocità (o sbaglio?)
cmq io preferisco settare su ignore il cpu fan e adoperare controller indipendenti tipo Aquacomputer aquaero od il Corsair commander, se poi voglio risparmiare metto il cavo che ti ho già linkato prima
Nono le ventole riesco a regolarle tranquillamente e seguono le impostazioni dategli. Volevo solo capire perché al connettore non le riconosce

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Domanda!?! A breve arriverà la vga... tra ricerca attesa etc inutile dire che si è trattato di un parto. Visto e considerato che liquiderò anche quella quanto prima, mi sorge un idea forse non tanto malsana e pertanto chiedo a voi. In sostanza vorrei sdoppiare il loop utilizzando dei raccordi a Y in maniera tale da continuare ad utilizzare la stessa pompa e rad. Quello che vorrei fare è sdoppiare il circuito subito dopo la pompa così da mandare il liquido a vga e cpu separatamente per poi ricongiungerli con un altro raccordo subito dopo l'uscita prima che arrivino al radiatore. Ovviamente i parametri di flusso etc ne risentiranno ma così dovrei evitare che una componente riceva liquido riscaldato dall'altra etc. Al di là dei benefici forse minimi e del costo di ulteriori raccordi, secondo voi ci sono altre criticità che non ho considerato e che mi farebbero cambiare idea?

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

CarlettaBasilico

Utente Attivo
1,131
329
CPU
Intel I9-9900KS@5.2
Dissipatore
Alphacool Eisblock XPX Clear RGB
Scheda Madre
ASUS ROG Maximus XI Code
HDD
M.2 Samsung 970 Pro 1TB
RAM
32 GB DDR4 4266 Trident Z RGB F4-4266C17Q-32GTZR
GPU
Asus ROG STRIX RTX 2080Ti OC
Audio
ROG SupremeFX
Monitor
LG 32" 4K 32UD99
PSU
Asus ROG-THOR-850P
Case
Level 20 XT
Net
Fibra FTTH 1Gbps/200Mbps
OS
Windows 10 Pro X64
secondo me il guadagno è poco anche perché nel lungo periodo tutto il loop prima o poi arriva alla stessa temperatura
Il vero miglioramento si ha con 2 loop separati, anche se per il tuo case e per il materiale che hai già comprato è molto difficile da realizzare (se non con modding pesante o se non ti interessa di avere il radiatore che sporge fuori dal case)
 
  • Like
Reactions: albertomattogno

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Intanto grazie per la risposta. Beh per la stabilizzazione delle temperature lo so però va considerato anche che in uscita dal radiatore sono sempre più basse che dopo l'uscita da una componente. Ovvio che non perderò gradi in maniera consistente però neanche dovrei scaldare la cpu dalla gpu

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

federicosergio

Utente Attivo
400
106
CPU
Ryzen 7 3800x
Dissipatore
Custon EK Watercooling
Scheda Madre
Asus ROS Strix x570-E Gaming
HDD
Corsair Force Mp600 Pcie 4.0
RAM
32GB GSkill
GPU
Radeon RX Vega 64 Cooled By EK
Audio
Integrata
Monitor
LG 34GK950G
PSU
XFX Proseries 800W XXX Ed. SemiModulare
Case
CoolerMaster StormStryker
OS
Win 10
Tranquillo, ti stai ponendo un problema che non esiste.
Ce lo siamo chiesto tutti almeno una volta, di come potesse incidere sulle temperature la posizione dei componenti nel loop, ma ti posso assicurare che non fa nessuna differenza.
La differenza di temperatura dell'acqua prima e dopo i componenti caldi, e prima e dopo i radiatori è praticamente non misurabile (io ci ho provato con un termometro con sensibilità 0.1°C, e la temperatura misurata era la stessa).
Questo tipo di ragionamenti ha senso in situazioni dove l'output di calore è molto più grande, come per esempio in un'automobile, dove attorno alla testata l'acqua tocca i 100°, mentre al radiatore la temperatura crolla di una decina di gradi o più.
In un pc, dopo pochi minuti in gioco, la temperatura dell'acqua si stabilizzerà tra i 30 e i 40 gradi, e non noterai differenze apprezzabili tra un punto ed un altro nel loop.
 

Byte

Utente Èlite
7,224
1,304
CPU
I7 8700K @4,9ghz 1,1v
Dissipatore
WS by Aquacomputer /phobya supernova 1260/Cuplex Kryos/ EK Revo/D5/Aquaero 6
Scheda Madre
Asus Maximus X Hero
HDD
ssd
RAM
G.Skill trident z 3600 C16
GPU
EVGA RTX 2080 TI - Fullcover EK
Audio
Asus Xonar D2 ~ Beyerdynamic DT 880 PRO
PSU
EVGA SuperNOVA 1000 P2
Case
Phanteks enthoo primo
Periferiche
Varmilo VA68M/Ducky TKL RGB
Net
ce l'ho
OS
Windows 10
Tranquillo, ti stai ponendo un problema che non esiste.
Ce lo siamo chiesto tutti almeno una volta, di come potesse incidere sulle temperature la posizione dei componenti nel loop, ma ti posso assicurare che non fa nessuna differenza.
La differenza di temperatura dell'acqua prima e dopo i componenti caldi, e prima e dopo i radiatori è praticamente non misurabile (io ci ho provato con un termometro con sensibilità 0.1°C, e la temperatura misurata era la stessa).
Questo tipo di ragionamenti ha senso in situazioni dove l'output di calore è molto più grande, come per esempio in un'automobile, dove attorno alla testata l'acqua tocca i 100°, mentre al radiatore la temperatura crolla di una decina di gradi o più.
In un pc, dopo pochi minuti in gioco, la temperatura dell'acqua si stabilizzerà tra i 30 e i 40 gradi, e non noterai differenze apprezzabili tra un punto ed un altro nel loop.

concordo in pieno.
ho effettuato moltissime misurazione pure io con diversi sensori e diverso hw , non ho mai riscontrato misure degne di nota .

Intanto grazie per la risposta. Beh per la stabilizzazione delle temperature lo so però va considerato anche che in uscita dal radiatore sono sempre più basse che dopo l'uscita da una componente. Ovvio che non perderò gradi in maniera consistente però neanche dovrei scaldare la cpu dalla gpu

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

bel sistema complimenti :)
uso pure io i 2 prodotti dell artic clean ,non sono niente male !
 
  • Like
Reactions: albertomattogno

albertomattogno

Utente Attivo
335
90
Bene allora adesso che mi avete chiarito questo dubbio e che finalmente mi è arrivata la vga procedo con l'acquisto del suo wb e sistemo tutti i tubi che in questa maniera provvisoria sono inguardabili.

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

Entra

oppure Accedi utilizzando

Hot: Quale crypto per il futuro?

  • Bitcoin

    Voti: 79 46.7%
  • Ethereum

    Voti: 66 39.1%
  • Cardano

    Voti: 22 13.0%
  • Polkadot

    Voti: 8 4.7%
  • Monero

    Voti: 15 8.9%
  • XRP

    Voti: 13 7.7%
  • Uniswap

    Voti: 4 2.4%
  • Litecoin

    Voti: 11 6.5%
  • Stellar

    Voti: 11 6.5%
  • Altro (Specifica)

    Voti: 24 14.2%

Discussioni Simili